Il Blog delle Stelle
Banche venete: tra silenzi e complicità

Banche venete: tra silenzi e complicità

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 17

di MoVimento 5 Stelle

Ci avevano raccontato che il bail-in doveva servire a non mettere più a repentaglio risorse pubbliche per salvare le banche in crisi. Risultato? I partiti si sono resi conto, dopo averla votata, che la procedura per il cosiddetto “salvataggio interno” destabilizzava la fiducia dei risparmiatori e rischiava di far saltare il sistema. Dunque, hanno cercato ogni mezzo per aggirare le nuove norme europee.

Dopo la (mezza) risoluzione delle quattro banche e la ricapitalizzazione precauzionale del Monte dei Paschi (e pensare che hanno sempre considerato uno scandalo l’idea della rinazionalizzazione di alcune banche, avanzata dal M5S), ecco esplodere lo scandalo delle due banche venete, Popolare di Vicenza e Veneto Banca.

Saltate a seguito della gestione sciagurata dei due “padroni”, i due satrapi, rispettivamente Gianni Zonin e Vincenzo Consoli, sono state cancellate dalla scena economica veneta: le parti “buone” sono state rilevate da Intesa Sanpaolo a un euro, mentre le parti “cattive” sono finite alla struttura di liquidazione, in attesa che la Sga (ex Banco Napoli) del Tesoro riesca a recuperare quanto più possibile dai circa 19 miliardi di crediti deteriorati che le sono stati affidati dai liquidatori.

Ma Intesa si è già presa circa 5 miliardi soldi pubblici senza colpo ferire, oltre alla possibilità di pescare dal cesto solamente ciò che le andava a genio delle due venete fatte a pezzi. E altri 12 miliardi di danari dei cittadini sono in pericolo sottoforma di garanzie pubbliche sugli Npl e sui rischi legali. Che ne è stato del principio per cui i contribuenti non devono pagare per i crimini dei banchieri (tutti per lo più inquisiti solo per il lieve reato di ostacolo alla vigilanza)?

Mutui “baciati” per gonfiare illecitamente il capitale, prestiti folli agli amici degli amici, moduli mifid taroccati per turlupinare i piccoli risparmiatori con le obbligazioni tossiche. La storia recente di PopVicenza e Veneto Banca è fatta di una tragica e letale commistione tra finanza spregiudicata, imprenditoria parassitaria, politica senza scrupoli in cerca di consenso. Potentati attecchiti come tumori che hanno inquinato tutta la vita pubblica dell’importante area del Nord-Est, condizionando persino il comportamento di investigatori e magistrati.

Il MoVimento 5 Stelle ha lottato, nella solitudine propria dell’unica forza politica mai coinvolta in scandali bancari, contro un sistema criminale che ha potuto prosperare anche grazie alle distrazioni e le complicità della vigilanza di Bankitalia.

Ora Intesa sta integrando le due venete nella propria struttura territoriale. Ma ci sarà un pesante taglio di sportelli bancari e di personale. Mentre si teme una riduzione del credito erogato al sistema delle imprese e si paventano altri esborsi pubblici legati all’escussione delle garanzie sui crediti deteriorati.

Ne abbiamo parlato oggi, alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, in via della Dogana Vecchia 29 a Roma con i nostri portavoce Laura Bottici, Enrico Cappelletti, Emanuele Cozzolino, Mario Giarrusso, Gianni Girotto e Alessio Villarosa. Con loro l’ex magistrato Cecilia Carreri, che ha avuto a che fare da vicino con il sistema di potere di Zonin, e il presidente Adusbef Antonio Tanza. Perché uno scandalo del genere non può e non deve mai finire nell’ombra.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

19 Set 2017, 14:37 | Scrivi | Commenti (17) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 17


Tags: banche venete, complicità, m5s, silenzi

Commenti

 

Visto la situazione delle banche italiane e dell'italia per stare tranquillo ho trasferito il mio conto all'unica banca che credo non faccia parte di questo sistema corrotto, ovvero alla banca olandese del conto aranci, con la speranza che sia una scelta giusta. Che ne pensate?

giorgio 21.09.17 09:54| 
 |
Rispondi al commento

Perché non prendete in considerazione, come ministro della Giustizia, la signora Cecilia Carreri? Di sicuro è una delle più qualificate persone nella conoscenza dei difetti della nostra Magistratura, e chi ha letto il suo libro percepisce di quanta determinazione ed onestà è dotata questa signora ex magistrato.

marco grasso 20.09.17 09:30| 
 |
Rispondi al commento

è vera la notizia che MPS poco tempo fa ha finanziato per oltre 1 milione d'euro l'azienda della madre del bomba?

Clesippo Geganio 20.09.17 09:24| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Tra l'altro Intesa ha finanziato qualche mese fa l'acquisizione da parte di Glencore e del fondo sovrano qatariota di una quota azionaria di Rosneft, nel quadro dell'acquisizione di appoggio politico da parte della Russia al Qatar e del sostegno economico qatariota al moribondo partito di Renzi.
Con estrema lungimiranza, vista la brutale aggressione saudita al Qatar che ha ceduto in perdita la sua quota ad una compagnia petrolifera cinese (che probabilmente ha salvato Intesa da una maxi perdita).
Comunque il prossimo disastro finanziario sarà quello del prestito sociale delle coop, dopo il fallimento di due coop in Friuli e di una a Reggiolo con centinaia di milioni di euro Unicoop Tirreno ha visto la fuga dei sottoscrittori del prestito sociale per mezzo miliardo di euro, rischiando la chiusura.
Visto che la stesura della normativa a protezione dei sottoscrittori del prestito sociale dovrebbe essere affidata al viceministro dell'economia Morando, data l'estrema imperizia di coloro che hanno steso le leggi del governo Renzi-Gentiloni aspettiamoci un crac cosmico con conseguenze da default del debito pubblico italiano come innesco di una epocale catastrofe economica globale.
Alla faccia di quella baldracca della consigliori economica del nigger Obama che dice che per l'Italia la riduzione del debito pubblico non è una priorità.
Sennò come farebbe il PD a finanziare le sue fameliche clientele?
Fortuna che Draghi è in scadenza ed il prossimo Presidente della BCE sarà un esecutore del tetragono Schaeuble.

mario genovesi 19.09.17 22:59| 
 |
Rispondi al commento

l'unica modo per indebolire l'attuale sistema e' quello di creare una banca dei cittadini al servizio dei CITTADINI.estinguere l'attuale sistema bancario e tutti parassiti che lo alimentano e' una priorita' assoluta.

joe tex 19.09.17 21:10| 
 |
Rispondi al commento

Bail-in !!!!!!
con sto cazzo de angrese.

più facile"belin"!!!!

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO E' SOLIDO!!!! chi l'ha
detto? ed è ancora padrone delle principali reti tv!!!

severino turco, bressanvido Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 19.09.17 20:14| 
 |
Rispondi al commento

cecilia carreri ..ha toccato i fili ad alta tensione ...oltretutto in senato oggi la ..regoletta ..per punire i rsponsabili..è SLITTATA ..

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 19.09.17 18:34| 
 |
Rispondi al commento

Un governo non eletto da nessuno, degno della banda bassotti.

gianluigi f., pandino Commentatore certificato 19.09.17 18:13| 
 |
Rispondi al commento

Tutto questo perchè mandiamo in Parlamento politici imbecilli.
Politici imbecilli fanno regole imbecilli e leggi imbecilli.
Gli Imbecilli hanno sempre fatto danni e più in alto li metti più danni grossi fanno.

giorgio peruffo Commentatore certificato 19.09.17 17:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Responsabile di tutto questo e' gran parte del Presidente della Repubblica Mattarella, affidando il Governo a Gentiloni, lasciandolo e lasciandoci, nelle mani di questi avvoltoi del PD.

cosimo calabrese, chiaravalle Commentatore certificato 19.09.17 16:46| 
 |
Rispondi al commento

ed al governo stanno ancora decidendo chi infilare nella commissione d'inchiesta promessa dal rottamatore di stoc... perchè non trovano amici fidati e fessi per presiedere la commissione, in cui sarà difficile se non impossibile nascondere le responsabilità di chi doveva sorvegliare le banche per evitare il saccheggio avallato da loro stessi.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 19.09.17 16:08| 
 |
Rispondi al commento

E' stata una interessantissima conferenza, andate avanti con la commissione d'inchiesta, è molto preoccupante quello che è uscito. Questi sono criminali espertissimi. Sarà una questione che passerà alla storia.
C'è la testimonianza del magistrato Cecilia Carreri, che è sconvolgente. Non tutti sono corrotti. Guardatevi la registrazione.
Per chi non lo sapesse Ber lusco ni si avvaleva del Monte Paschi di Siena per i suoi affari. Questa banca gli ha salvato Fininvest dal fallimento. Avete capito come combatteva pc/pds? In realtà usava la loro banca (questo non c'entra con la registrazione).

Veronica2 19.09.17 16:06| 
 |
Rispondi al commento

e chi di dovere e responsabilità non vedeva o guardava da un'altra parte, banca d'italia, consob ecc... dove sono gli AD di questi due ISTITUTI preposti al controllo e verifica?

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 19.09.17 16:03| 
 |
Rispondi al commento

i banchieri hanno giocato d'azzardo sul tavolo truccato della finanza creativa con i soldi dei risparmiatori, hanno perso miliardi ma sono stati ricompensati con milioni d'euro dei risparmiatori.

Quindi gli Italiani sono stati fottuti 4 volte:
1° dai manager giocando in borsa,
2° per i compensi milionari elargiti ai manager,
3° nessuno risparmiatore riceverà indietro l'intera somma di denaro depositato,
4° l'ammanco miliardario nelle casse delle banche è stato ripianato con decine di miliardi di altri soldi pubblici.

VIVA l'ITALIA !!!!!!

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 19.09.17 15:55| 
 |
Rispondi al commento

A quanto pare i reati bancari non costituiscono reato. Rapinare una banca si, svuotarla dal di dentro no. E se si cominciasse ad arrestare qualche banchiere fedigrafo?

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 19.09.17 15:47| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori