Il Blog delle Stelle
Chi protegge la Germania distrugge l'Italia e l'Europa

Chi protegge la Germania distrugge l'Italia e l'Europa

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 61

di Marco Valli, EFDD - M5S Europa

L'Euro non reggerà a lungo dopo la dismessa dal Quantitative Easing. Per questo, durante la conferenza stampa BCE di ieri, Draghi ha ufficialmente aperto al "dialogo" per la revisione dell'assetto istituzionale dell'Unione Economica e Monetaria. Purtroppo per noi, in UE non ci sarà un dialogo basato sulla logica economica e sull'onestà intellettuale. La proposta, sulla quale c'è già un mezzo accordo Parigi-Berlino e dove costruiranno una storiella ad arte nei prossimi mesi (per dirci che non c'è altra soluzione), porta alla trasformazione del Meccanismo Europeo di Stabilità in un Fondo Monetario Europeo, che interverrà in modo frequente con "aiuti" finanziari elargiti nelle situazioni ritenute "opportune" dai burocrati.

Questo aiuto, però, non sarà gratuito. Per due motivi, primo e più paradossale: lo pagheremo noi stessi. L'Italia, infatti, è il terzo contribuente economico al Meccanismo Europeo di Stabilità. Il secondo motivo, e più crudele: l'attivazione di questo nuovo meccanismo comporterà il commissariamento, mirato, ad esempio, ad applicare riforme liberali ed impopolari nel mondo del lavoro, privatizzazioni di sanità e beni pubblici, aumenti di tasse o dell'età per il pensionamento.

Queste sono solo alcune voci dell'emozionante programma promosso dall'attuale Commissione europea. In soldoni, vogliono trasformare quello che accade oggi in Grecia con la Troika, in una situazione ideale per tutti i Paesi deboli dell'Eurozona. Mario Draghi, tenendo in vita con misure straordinarie l'Euro, ha solo rimandato i problemi strutturali della moneta unica. Se non reagiremo, il prossimo futuro sarà caratterizzato da un'Eurozona a trazione ancora più tedesca e rigorista, dove non verranno rivisti i vincoli economici contenuti nei trattati, dove non ci saranno Eurobond e soprattutto dove non ci saranno trasferimenti fiscali dai paesi come Germania, Olanda e Lussemburgo, che godendo degli squilibri della moneta unica e condotte fiscali immorali, accumulano da decenni ricchezze illegittime.

Si plasmerà un quadro ancor di più egoista, miope ed ingiusto, dove i Paesi periferici verranno spolpati seguendo una logica "euroimperialista". I Governi PD e quelli di Berlusconi ci hanno già traghettato negli anni in una situazione economica e politica difficilissima, arrivando sempre e forse volontariamente tardi sulle discussioni importanti in Europa, specialmente sulla governance e sull'unione bancaria.

I dati reali nella periferia dell'Eurozona sulla disoccupazione, sottoccupazione e rassegnazione, toccano, in una fase considerata positiva, ancora livelli record, come la povertà e la disuguaglianza economica, sintomo che le politiche monetarie straordinarie stanno facendo principalmente arricchire chi è già ricco favorendo concentrazioni di ricchezze. Per quanto i giornali ci propinino il mantra della ripresa grazie alla crescita dell'indicatore del PIL, questo per alcuni osservatori attenti è solo l'occhio del ciclone della tempesta vissuta dal 2009 nell'Euroarea.

Oggi si gioca una partita importante per il nostro futuro, ed i partiti di Governo apparentemente hanno già deciso, com'è accaduto spesso in passato, di prendere con leggerezza le questioni economiche sul tavolo internazionale accodandosi all'idea proposta dai tedeschi. Recriminare tra 4/5 anni e scaricare il barile non servirà a niente, bisogna agire subito per bloccare l'asse Merkel-Macron su questa proposta d'istituzionalizzazione della Troika, o per l'Italia e gran parte dell'Eurozona il futuro sarà all'insegna dell'ulteriore sacrificio di generazioni.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

10 Set 2017, 12:27 | Scrivi | Commenti (61) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 61


Tags: euro, europa, germania, italia, m5s, marco valli

Commenti

 

L'esodo dalla Nato e dall'Europa ,la sovranità monetaria, l'orientamento geopolitico strategico nuovo, ripristino del primato assoluto del pubblico sul privato, dei bisogni delle persone sulle logiche del valore monetario fine a se stesso, centralità della cultura e delle tradizioni devono costituire elementi fondanti di questa formazione politica che indichi la strada verso un umanesimo anticapitalistico. Spero che il M5S possa assolvere questa funzione ,magari insieme ad altre formazioni che ne condividano gli obiettivi. Se ciò non dovesse avvenire ,vedo dietro l'angolo ,il buio assoluto ,in quanto le altre formazioni(PD, Forza Italia ed altre minori) politiche sono intercambiabili ed in sintonia con l'eurocrazia.

paolo d., Pescara Commentatore certificato 21.09.17 09:53| 
 |
Rispondi al commento

L'esodo dall'Europa ,cioè dalla moneta euro e dai vincoli che stanno determinando la distruzione del sistema economico italiano e di altri Paesi europei, è fondamentale per tornare alla sovranità nazionale , e di lì costruire una nuova comunità transnazionale incentrata su valori che siano il valore economico. La "Ideologia europea" qualifica l'odierna retorica che neutralizza la possibilità di pensare alternative all'attuale eurocrazia . E' necessaria l'aggregazione di una formazione politica ,che nell'accettazione del confronto elettorale assuma come fondamento improrogabile la rivendicazione di sovranità nazionale.

paolo d., Pescara Commentatore certificato 21.09.17 09:40| 
 |
Rispondi al commento

L'UE ha sottratto allo Stato italiano il potere di battere moneta nazionale, vincolandolo ad una moneta unica ,tra l'altro gestita da privati (BCE). L'adozione dell'euro si è rivelato ,oltre che errore politico anche tecnico. Vari esperti di economia (premi nobel) avevano espresso preoccupazione in tal proposito; in quanto ,in Paesi molto diversi rispetto a parametri economici ,la moneta unica avrebbe comportato degli squilibri. I Paesi meno competitivi rispetto alla Germania hanno visto peggiorare la propria economia ,senza poter reagire con la politica economica(svalutazione della moneta nazionale che non hanno ormai).I Paesi meno competitivi sono stati costretti ad aumentare gli interessi del debito pubblico per collocarli sul mercato, ma in questo modo è cresciuto il passivo del bilancio. Quindi si è posto il problema di aumentare la produttività tagliando il costo lavoro(disoccupazione) oppure tagliare i costi sociali(istruzione, sanità, ricerca scientifica...). Insomma il default è dietro l'angolo .Conclusione : Euro ed Unione Europea sono i primi nemici da abbattere per difendere le condizioni di vita dei ceti popolari.

paolo d., Pescara Commentatore certificato 12.09.17 10:54| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Piu' in generale: norme Usa potrebbero prendere piede anche in Italia e se si' e' necessaria una protezione o si deve ritenere che tutto rientri nella normalita' ?

Notizie dal Mondo (Usa)

Approvato lo scorso febbraio al Senato il "Senate Bill 219" dovrà ora essere votato dalla camera. La norma, introdotta dal senatore Scott Wiener, attivista Lgbt, non solo chiede diritti per chi (nonostante la realtà dica il contrario) vuole essere riconosciuto come appartenente al suo sesso opposto ma impone a tutti di affermare questa menzogna. Come? Punendo gli operatori sanitari che rifiutano di chiamare i pazienti che lo desidererebbero con il pronome del sesso opposto al loro. La legge prevede una multa di mille dollari, il carcere fino ad un anno o entrambi. Cindy Jacobs, leader cristiana: “Gli attivisti usciti dal nascondiglio 40 anni fa prima dicevano “vogliamo i nostri diritti”. Poi hanno cominciato a riferirsi ad altri dicendo “dovete accettare i nostri diritti”. Poi hanno cominciato a riferirsi ai conservatori, specialmente quelli cristiani, dicendo “porteremo via i vostri diritti” e poi ci chiuderanno nel nascondiglio. O in prigione. Come mi ha detto un mio amico avvocato… “non solo escono allo scoperto per emarginarci ma vogliono metterci in carcere”".

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-carcere-a-chi-chiama-un-uomo-con-il-pronome-maschile-20945.htm

Francesco C. Commentatore certificato 12.09.17 07:36| 
 |
Rispondi al commento

Naturalmente, in tale prospettiva l'intenzione del Movimento è quella di andare a trattare con i cosiddetti burocrati al servizio della Merkel affinché lo stritolamento dei Paesi in difficoltà avvenga nel modo più indolore possibile. Iniziare a mettere in discussione la nostra adesione a questo progetto criminale chiamato UE non se ne parla neanche e allora tutto il male che ci cascherà addosso dovremmo addebitarlo alla classe politica di questo Paese compreso il M5S che negli ultimi tempi è diventato simile a quello capitanato da Renzi. Buona sovranità a tutti i boccaloni d'Italia.

Gaetano Campisi, Martina Franca Commentatore certificato 11.09.17 19:11| 
 |
Rispondi al commento

Tutti che ce l'hanno con questa Germania e compagnia. Ma se loro vanno così bene e noi così male probabilmente il problema è nostro e non loro. Se loro vanno così bene è perché loro hanno delle regole diverse dalle nostre. Bene, copiamole integralmente e così andremo bene anche noi. Saluti a tutti

Francesco rizzo 11.09.17 13:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Voglia il cielo! Speriamo che il successore di Draghi davvero abolisca il Quantitative Easing, prego tutti i giorni perché ciò avvenga! Così finalmente potremo uscire da questa trappola infernale e criminale chiamata Euro, che altro non è che un accordo di cambio fisso a favore del capitale finanziario! Speriamo che ciò succeda davvero! MA NON SUCCEDERA' PURTROPPO! I tedeschi non sono così cretini, e non segheranno il ramo su cui sono seduti. Dovremo uscire dall'Eurozona ANCHE se il Quantitative Easing sarà confermato, e dovremmo uscirne PROPRIO perché il QE sarà confermato! E noi continueremo ad indebitarci! Ma perché non lo volete capire, l'Euro è l'arma di ricatto dei capitalisti contro i lavoratori, è un mezzo di moderazione salariale, è uno strumento tramite il quale la finanza eurocratica e massona intende impadronirsi dei nostri serivizi pubblici! Uscire dall'Eurozona subito!

Alberto O., Bergamo Commentatore certificato 11.09.17 10:55| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La Gran Bretagna per uscire dall'europa, pagherà 42 miliardi di STERLINE (non di euri).
Indovinate come farà a pagare 42 MILIARDI di sterline?
Bravi, avete indovinato.

antonnio d., carrara Commentatore certificato 11.09.17 09:25| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Piuttosto che affrontare tematiche rivolte al futuro come questa, il mondo della Stampa e della comunicazione televisiva ci propina le puttanate pre-elettorali dei nostri politici e in particolare le turbe psichiche del minorato toscano che non so come si possa ancora ascoltare. Parlano di progressino dell’economia, di aiutino alle imprese, di ripresina, parlano del nulla ma non di UE perché sanno che in questa Europa contiamo zero e con loro nulla cambierà. Il problema vero è: noi e l’Europa, una volta risolto potremo guardare avanti con fiducia. Ci dicono che fuori dell’Europa saremo morti, ma che noi stiamo morendo dentro questa Europa non lo dice nessuno.

Franco Mas 11.09.17 09:14| 
 |
Rispondi al commento

EUROPEI L'OSTAGGIO DEL DEBITO PUBBLICO

Il debito pubblico è il nuovo volto della crisi mondiale. Negli ultimi anni si è gonfiato a dismisura soprattutto per i generosi aiuti che i governi hanno accordato al sistema bancario.

Gli stati cominciano a rischiare il fallimento, il loro debito rischia di diventare inesigibile, e quindi i titoli di stato rischiano di essere altrettanto "tossici" di quelli, legati ai mutui facili americani, che hanno originato la crisi nel 2007.

Le banche scrivono l’agenda della politica europea. Al primo posto, oggi, ci sono i sacrifici per i cittadini di Europa.

Attuali governi dei paesi Europei possono risparmiarci i sacrifici che vengono oggi chiesti alla popolazione greca, a quella spagnola, portoghese, romena e italiano.

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 11.09.17 08:55| 
 |
Rispondi al commento

La Germania ha 82 milioni di abitanti.
L'Italia ha 60 milioni di abitanti.
In Germania ci sono 691 parlamentari (0,8 ogni 100.000 abitanti)
In Italia ci sono 945 parlamentari (1,6 ogni 100.000 abitanti)
In Germania, un parlamentare, percepisce 12.000 euri/mese
In Italia, un parlamentare, percepisce 17.000 euri/mese
In Germania ci sono 289 poliziotti ogni 100.000 abitanti.
In Italia ci sono 467 poliziotti ogni 100.000 abitanti.
In Germania, il capo della polizia, guadagna 130.000 euri/anno.
In Italia, il capo della polizia guadagnava 621.257 euri/anno.
In Germania ci sono 54.000 auto blu. Tutte di marca tedesca.
In Italia ci sono 600.000 auto blu. Tutte di marca tedesca.
IN GERMANIA, UN OPERAIO GUADAGNA 32.000 EURI/ANNO.
IN ITALIA, UN OPERAIO, GUADAGNA 22.000 EURI/ANNO LORDI
IN GERMANIA, UNA PENSIONE DA 22.000EURI NE PAGA 39 DI TASSE.
IN ITALIA, UNA PENSIONE DA 22.000 EURI, NE PAGA 5.500 DI TASSE.
Il parlamento tedesco, ha espulso uno che aveva copiato parte della TESI DI LAUREA.
Il parlamento Italiano, ha votato che Ruby è la nipote di Mubarak.
E la Germania, dovrebbe mettere la firma sotto gli EuroBond.
Se non paghiamo noi, pagano i tedeschi.
Non voglio parlare di vitalizi, perché mi incazzo.

antonnio d., carrara Commentatore certificato 11.09.17 08:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

io sono iscritto a questo movimento dal 2013 e l'ho sostenuto per quel che ho potuto, ma per me il binomio fatale UE/EURO va combattuto senza se e senza ma ed è pura illusione pensare di poterlo modificare standoci dentro: il tumore va asportato !
capisco che il M5S non potrà farlo considerando i voti che forse avrà fra qualche mese e dunque dovrà allearsi con chi vuole davvero liberarci da questa schiavitù eurocratica! bisogna parlare chiaro: sovranità monetaria e liberazione da questa gogna chiamata UE !

Bruno Marioli 11.09.17 00:47| 
 |
Rispondi al commento

Dalla Germania è ripreso l’uso dell’artiglieria pesante contro Draghi ed il QE,
ovvero l’acquisto di titoli (soprattutto di debito pubblico) da parte della BCE e della sua politica di tassi a zero.

Ad intervenire a gamba tesa, oltre i soliti Schauble e il governatore della bundesbank, è stato anche l’AD di DeutscheBank, Cryan,
che si è lamentato del fatto che le politiche di Draghi abbiano fatto crollare i guadagni delle banche Tedesche .

CRISI FINANZIARIA A BREVE (IN ITALIA) PER SVALUTARE L’EURO :

vedi ::
https://www.controinformazione.info/crisi-finanziaria-a-breve-in-italia-per-svalutare-leuro-ma-la-germania-non-ride-40-con-meno-di-50-euro-in-banca/

Lino V. Commentatore certificato 11.09.17 00:31| 
 |
Rispondi al commento

E quindi la soluzione a tutto questo quale è?

Leonardo Todisco 10.09.17 23:38| 
 |
Rispondi al commento

1. Il contenuto dell'articolo è, a mio parere, ben fondato e le sue conclusioni sono del tutto condivisibili. Però la problematiche evidenziate sono solo una piccola parte della più generale questione europea.
La struttura istituzionale della UE ha una tara genetica che produce patologie più o meno gravi, tra cui quella descritta nell'articolo, e può essere riassunta in questo modo: l'Unione Europea NON è una istituzione democratica. Di conseguenza non è trasparente, è distante dai cittadini, è facile preda delle lobbies espressione dei grandi interessi sovranazionali.
L'unica istituzione democratica dell'Unione Europea è il Parlamento, eletto a suffragio universale, che dovrebbe rappresentare i cittadini europei e avere il potere Legislativo e di controllo sull'Esecutivo, come ogni parlamento, di fatto ha funzioni prevalentemente decorative. Rappresenta più le lobbies (molto attive al suo interno) che i cittadini, e sostanzialmente si limita a ratificare le decisioni prese dal Consiglio e dalla Commissione.
Il Consiglio è composto dai rappresentanti degli Stati membri, ed è il luogo dove si prendono le decisioni strategiche sulle materie più importanti, a porte chiuse.
Tali decisioni diventano atti con forza di legge, vincolanti per tutti gli Stati dell'Unione. Nel Consiglio ciascuno dei rappresentanti promuove nel caso migliore gli interessi del suo Paese, nel caso peggiore promuove gli interessi dei suoi sponsor economici, politici, mediatici o di quelli dello "Stato Guida" che supporta le forze politiche sue referenti. In subordine promuove gli interessi comuni dell'Unione. Il tutto senza che vi sia una reale necessità per il rappresentante di giustificare le sue scelte davanti al suo parlamento nazionale e alla sua opinione pubblica, ai quali possono raccontare ciò che vogliono.

SANDRO MARRONE, Roma Commentatore certificato 10.09.17 22:32| 
 |
Rispondi al commento

2. Le trattative per giungere ad una decisione comune spesso si riducono ad una serie di "do ut des" tra due o più membri, in particolare con quelli più potenti.
La Commissione, il cui presidente e i cui membri vengono designati dai governi nazionali con trattative da suk, è l'organo burocratico per eccellenza, quello che emana direttive sulla curvatura dei cetrioli o sulla misura dei cessi, tanto per dire.
Più che occuparsi delle singole storture che derivano da questo stato di cose a mio parere il M5S dovrebbe promuovere un progetto di riforma della UE che la renda una istituzione democratica, trasparente, partecipata dai cittadini, limitata nelle competenze alle materie comuni agli Stati: politica estera, difesa, mercato e moneta.
Il Consiglio va trasformato in Senato, La Commissione in organo Esecutivo, il Parlamento in rappresentante del Popolo sovrano e organo Legislativo, il Presidente in rappresentante di tutti gli europei, eletto a suffragio universale. Sarebbe una buona battaglia, che avrebbe il merito di mettere al centro dell'attenzione ciò di cui i cittadini soffrono le conseguenze ma di cui sanno ben poco.

SANDRO MARRONE, Roma Commentatore certificato 10.09.17 22:31| 
 |
Rispondi al commento

l'euro gode di ottima salute. c'e' una sola moneta che puo' insidiarlo . il bitcoin.
a proposito se avete euro schifosi da buttare li prendo io . grazie attendo fiducioso.


GERMANIA E FRANCIA CI VOGLIONO COLONIZZARE ... E' QUESTA LA LORO IDEA DI EUROPA!!! ... SOLO IL M5S CI PUO' SALVARE !!!

Luigi Di Pietro 10.09.17 18:03| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento
Discussione

NO alla dittatura francotedesca!!

Giovanni F. 10.09.17 17:57| 
 |
Rispondi al commento

Allora? Visto e considerato lo stato dell'arte e dell'asse franco-tedesco, che ci stiamo a fare in questa morsa mortale? Caro Beppe, noi siamo a favore di un'altra europa, ma quale? Quella di questi marpioni?
Ne ho piene le scatole di sottostare al QUARTO REICH ED ALLA SUA MONETA, non ho deciso io di farmi comandare dall'asse d'acciaio franco-tedesco, e per piacere non venitemi più a dire che dobbiamo essere a favore di un'unione europea, s'è visto che siamo popoli profondamente diversi e profondamente contrari ad avere una politica unitaria. Allora:FUORI DALL'UNIONE EUROPEA E FUORI DALL'EURO!!!

Giovanni F. 10.09.17 17:51| 
 |
Rispondi al commento

Ma quando avviamo la moneta di conto interna lasciando all'euro solo il pagamento delle transazioni internazionali?
Nel libro " io siamo" Corrado Passera affronta vari problemi a prospetta soluzioni possibili.
Ma il Paese è bloccato dagli scontri per il potere tra partiti "personali".

ROBERTO AGOSTINI 10.09.17 17:25| 
 |
Rispondi al commento

con sta gentaglia ci vuol altro che pacifiche denunce e proteste popolari-
ci vuol altro-
Giacche' continueranno a prendere per loro zimbelli i popoli, le masse , forse verra' un giorno in cui ad un tratto , forse , sperabilmente, d'un botto ed in poco tempo si ribaltera' la questione-
questo e' l'auspicio

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 10.09.17 17:04| 
 |
Rispondi al commento

ma cosa ci si dovrebbe aspettare da questa manica di idioti-

FABIO B., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 10.09.17 16:50| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Draghi, Alfano come tutti i veri Discepoli possono dormire sonni tranquilli, nessuno potrà mai scollarli dagli scranni del potere, perché loro rappresentano il vero e unico Dio Onnipotente gestito dai padroni del mondo "America, Inghilterra, Israele, Vaticano". Come si può ancora credere in un Dio e a Cristo, Maometto, Confucio, Budda, quando il Vaticano ha sostenuto e continua a sostenere politici senza scrupoli che hanno fatto guerre mascherate e adesso per sostenere il buonismo dell'accoglienza, fanno leva sul pietismo vittimismo usando i minorenni e non muovono un dito per aiutare chi rimane e crepa di fame e sete? Guarda caso chi arriva nella Colonia Italiana sono persone che hanno pagato un biglietto per venire nel paese delle meraviglie e balocchi decantato da politici e prelati senza scrupoli. Nella vita non si deve credere a niente, il tutto è solo questione di denaro e potere, l'essere umano singolo non conta nulla. Non mi vergogno, grazie a loro sono diventato razzista, perché il loro fare serve solo a lavare la coscienza ai buonisti dell'accoglienza, ai quali non gliene frega niente dei milioni di bambini che crepano nelle loro terre perché non hanno il denaro per pagare il biglietto sulle Onlus che li porta nel paese dei balocchi e delle meraviglie nella Colonia Italia.

Agostino Nigretti, Burolo Commentatore certificato 10.09.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Apprezzo la forte preoccupazione contenuta in questo articolo. Essa conferma che è totalmente ILLUSORIO credere che la Germania accetterà gli euro Bond ed altre modifiche alla situazione attuale.

I tedeschi non cambieranno.

roprio per questo non sono d'accordo con la strategia sull'euro proposta da Di Maio a Cernobbio. Indire il referendum significa non avere una propria idea.

È sorprendente che il movimento 5S, che si propone di andare al governo, non abbia una propria idea sull'euro. Vi invito pertanto a decidere: volete o non volete l'euro?

Franco Bernardi 10.09.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL M5S VALORIZZA IL CAPITALE UMANO?
La domanda è, secondo me (o me secondo): perché siamo un Paese economicamente debole? Non riusciamo a liberarci dalla corruzione politica? Allora, ben vengano i condizionamenti esterni, come negli USA (giustizia federale) al tempo della Chicago anni Trenta. I pensionamenti a sessant’anni quando l’età media si allunga? E’ possibile ciò, senza un incremento capillare della tassazione? Vogliamo difendere un sistema di istruzione pubblica che è una vergogna? Vogliamo cullarci sulle allodole a spese degli altri Paesi dell’Occidente?
Per me, uno dei più gravi errori del Movimento è stata l’effettiva mancanza di valorizzazione del capitale umano: chi sono gli assistenti degli onorevoli M5S?

Giuseppe C. Budetta 10.09.17 16:27| 
 |
Rispondi al commento

LE COLONNE DER POTERE

Ar monno ogni potere pe' pote' esiste
se tiene su co' tre grossi pilastri
perché pe' vive e continua' a resiste
je serveno da sempre quest'impiastri.

Ste 3 colonne che areggheno er potere
so' le spie, le zoccole e li leccaculo
e chi vo' la portrona mantenere
li deve ave' vicino de sicuro.

Er soffia, la mignotta e chi t'alliscia
ricordete nun so' bone persone
resteno là a striscia' come 'na biscia
vonno li sordi e a raccomandazzione.

So' le spine dorzali de' ogni sistema
quello più infame che sta' a comanna'
quanno li cacceremo cambierà 'a scena
e allora arivedremo l'onestà

A L., roma Commentatore certificato 10.09.17 16:26| 
 |
Rispondi al commento

Quindi le dichiarazioni di Di Maio non sono altro che un controsenso , e aggiungo prIma di fare quelle dichiarazioni pro eu, ed pro euro non avrebbe dovuto per primo consultare la base? Ma dove è l'antisistema, il motto uno vale uno,la sovranità monetaria . Ho sentito a Cernobbio, soliti discorsi di palazzo, pro euro, pro establishment, pro sistema, pro immigrazione, non capisco il programma che doveva dare il potere al popolo Italiano, uno vale uno dove è finito. Che delusione.dove' la coerenza? Ricapitolando il pensiero di Luigi Di Maio, direttamente dal Forum Ambrosetti:
1) Non siamo populisti.
2) Non siamo anti sistema.
3) Non siamo estremisti.
4) Non siamo antieuropeisti.
5) Puntiamo tutto sul digitale (non sulla domanda interna distrutta, no, sul digitale).
6) Il PIL non è tutto. Bisogna guardare alla FELICITA'.
7) Bisogna fare "TAGLI SELETTIVI" per ridurre il debito.
8) Il modello di riforme è la Spagna.
9) Non vogliamo uscire dall'UE.
10) Non vogliamo uscire dall'Euro. È solo una tattica per negoziare.

Cos'ha di diverso da gente come Monti o Renzi? AGOSTO 2017-Di Maio:"Subito fuori dall'euro!" CLAMOROSO!
https://www.youtube.com/watch?v=7qeDJMiJzjQ. Diego Fusaro: Perché dobbiamo uscire dall'euro. Intervista con Beppe Grillo
https://youtu.be/syHOtPBkChY

undefined 10.09.17 15:57| 
 |
Rispondi al commento

Normalmente gli avvoltoi......si uniscono !!

terenzio eleuteri Commentatore certificato 10.09.17 15:27| 
 |
Rispondi al commento

Ma perchè leggo un articolo contro l'euro quando l'amico DiMaio ha detto chiaramente che il M5S non deve uscire dall'euro. Mettetevi d'accordo.

pinco panco 10.09.17 15:11| 
 |
Rispondi al commento

Fuori dall'Euro, il prima possibile!

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 10.09.17 14:20| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento

Più informazione su larga scala e a tutti i livelli culturali

Fermo Gatti 10.09.17 14:19| 
 |
Rispondi al commento

Leggendo questo articolo, mi sono venuti in mente i discorsi di fine anno di Napolitano. Ogni anno chiedeva agli italiani dei sacrifici, fin da allora.
Berlusconi, che vuol tornare al governo, ha fatto una politica estera disastrosa. Ha vanificato tutto quello che in precedenza, suoi predecessori avevano fatto per l'Italia. Gheddafi in Libia, si legge in articoli sulla rete, era stato opera degli italiani. Gheddafi aveva studiato in Italia e Mattei (il padre di Eni), contribuì farlo diventare primo ministro. Pare che Moro, erede di Mattei, abbia continuato con la medesima politica. Anche Moro è morto. Ci hanno sempre raccontato di brigate rosse, ma nessuno ci ha mai detto, che era bravissimo con la politica estera. Berlusconi, per un po' ha corteggiato Gheddafi e poi ha partecipato alla sua disfatta e così i nostri problemi sull'immigrazione sono iniziati.
Non abbiamo bisogno di un'altra governance berlusconiana, non abbiamo bisogno di un governo presidenzialista, come lo vuole Berlusconi. Vogliamo che l'Italia mantenga la sua sovranità e si riappropri di quella che il pd ci ha fatto perdere.
Ci ha già provato Renzi con il sì del referendum e ci riproveranno con le prossime elezioni. Infatti in rete sono apparsi articoli dove si legge che cercheranno di far in modo che l'Italia abbia un parlamento bloccato, a quanto pare l'Europa vuole avere un solo interlocutore, un presidente del consiglio che decida tutto.
Ricordiamocelo quando andremo a votare.

Veronica2 10.09.17 14:16| 
 |
Rispondi al commento

Perché si deve continuare ad accettare
questa politica "euro imperialista" a tutti i costi se non è vantaggiosa x Italia ?
Per quali veri motivi e ragioni ?
Spiegate bene ai semplici cittadini come me cosa fare e cosa pensare/agire.
Referendum x Abbandonare questa,
cosi singolare, Europa di oggi. ? ?
O come porre rimedio alla situazione prima che sia troppo tardi !!! Grazie .

Fermo Gatti 10.09.17 14:11| 
 |
Rispondi al commento

Sospettavo che ci volessero portare al livello della Grecia.

Quando il QE (Quanrtitative Easing) finirà sarà "Kaputt" anche l'Euro e succederà lo stesso con il Dollaro quando in America finirà il loro QE.

Delle nostre Istituzioni non c'è da fidarsi, sono tutte in vendita al miglior offerente così come quelle della nostra "libera" informazione. Ricordate cosa dicevano TV e giornali quando dovevano farci digerire Mario Monti? Oppure quando PD, PdL, Lega e cespugli vari sono corsi ad inginocchiarsi da Napolitano perchè accettasse la rielezione? Lui non aspettava di meglio. Sarà bene che ce lo ricordiamo.

I debiti e crediti dell'Italia.
Tra la figura del debitore e quella del creditore è uso comune vedere il debitore come parte debole.
Se il debitore però è uno Stato la faccenda non è più così, la parte debole diventa il creditore.

Cosa farà la UE se l'Italia deciderà di non pagare? Ci dichiarerà guerra? E con quale Esercito?

Oppure deciderà di comperare i nostri Politici come hanno già fatto in precedenza.

Ecco perchè con questi Politici non ne usciremo mai. Bisogna cambiarli, tutti.

giorgio peruffo Commentatore certificato 10.09.17 14:05| 
 |
Rispondi al commento

La crisi valutaria del 1993-94, peraltro pilotata da Soros per iniziare a destrutturare le economie europee su ordine e con i soldi dei sauditi per islamizzare l'Europa (negli stessi anni i primi trafficanti di uomini in specie pakistani si piazzavano a Malta per organizzare la Grande Invasione, con il supporto politico-diplomatico dei mercenari Clinton), potè spazzare via la vecchia oligarchia pentapartitica perchè senza lo scudo della fasulla moneta unica, ovvero un marco deprezzato imposto ad un paese come l'Italia che esporta prodotti di fascia media quindi bisognosi di una moneta molto meno forte (anche per abbassare il valore assoluto del debito pubblico).
Il quantitative easyng protegge sia la nomenclatura piddina che dell'oligarchia pentapartitica è la diretta erede, e che con la lira sarebbe già stata arrestata in massa, sia l'economia tedesca che si finanzia con il differenziale sui tassi tra i pericolosi bonds dei PIGS e quelli a tasso zero dei titoli rifugio tedeschi.
Quindi Draghi difende ad un tempo la corrottissima fino al midollo oligarchia clericale piddina che deve essere spazzata via senza nessuna pietà sia l'artificiale egemonia economica tedesca in Europa.
L'euro non sopravviverà alla tenuta in vita artificiale delle corrotte oligarchie meridionali, anche se in Spagna e Portogallo le economie vanno molto meglio che da noi, anche se non certo come nei paesi est-europei senza l'euro (perfino la sonnolenta Croazia che ci somiglia in tutto va molto bene).

mario genovesi 10.09.17 13:58| 
 |
Rispondi al commento

A volte mi chiedo se i governi vengano scelti a Bruxelles invece che dai cittadini. Ciò che sta avvenendo in Catalogna è preoccupante. Barcellona messa sulla graticola insieme ai suoi parlamentari. Gli manderanno i carrarmati?Chiunque osi criticare la UE riceve il ben servito. Riprendersi la democrazia chiedendo ad alta voce governi scelti dai cittadini,è l'unica cosa da fare per impedire che l'asse franco tedesco ritorni in auge. Guardare la Storia per renderseno conto. Il tempo stringe ed è tiranno.


Il nostro "problema finanziario" ci proviene da lontano, dai "tiriamo a campà" e da "a Frà che te serve". Berlusconi, da pessimo statista ha sempre pensato all'immediato futuro e non a quello a lungo termine, arrivando così, sulla stessa linea, al "suo" delfino ed all'avatar di quest'ultimo. Se non si sposta la spesa pubblica dalle mance e mancette, dagli appalti inutili, dal peso eccessivo delle pensioni d'oro, agli investimenti che portano produttività economica e posti di lavoro, con un occhio attento alla contemporanea diminuzione del debito pubblico,(aumentanto negli ultimi mesi di circa 2mld) con un cambio radicale di governo,le elezioni politiche si avvicinano, proveremo sulla nostra pelle cosa significa essere commissariati.

gino buscemi, agrigento Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 10.09.17 13:41| 
 |
Rispondi al commento

C'è poco da commentare ,
il "futuro" ce lo ha già spiegato Marco Valli .

Ci aspetta IL M.E.S. & .... La TROIKA !!!
Ovviamente con "manovre " di lacrime & sangue .
Ovviamente , gli unici a non pagare saranno i Banksters & i politici loro camerieri , anzi i politici , di tutti i livelli ,
si auto-aumenteranno lo stipendio ( sono dei venduti ma non scemi ).

Quelle poche "cose" rimaste saranno svendute alle Multinazionali .
ES. : la Cassa depositi e Prestiti ,
le risorse naturali rimaste ( acqua , sole , vento , ecc. ) ,
i porti , ... ecc. , ecc...


p.s.:
In più : il Dollaro continuerà a svalutarsi in confronto all'Euro .


Lino V. Commentatore certificato 10.09.17 12:54| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori