Il Blog delle Stelle
Pd: il partito che ha demolito l'Ambiente

Pd: il partito che ha demolito l'Ambiente

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 101

di MoVimento 5 Stelle

È imbarazzante il dibattito iniziato tra Veltroni e Renzi su quanto il Pd sia un partito ambientalista. Sostengono che l’ambiente è ai primi posti del loro programma e che se ne sono occupati molto. Dobbiamo ammettere che hanno ragione. Se ne sono occupati molto. Purtroppo, aggiungiamo.

Il Pd si è occupato di ambiente scrivendo, promuovendo, spingendo, una miriade di provvedimenti CONTRO l’ambiente. E annacquando, fino a snaturarle, quelle leggi che cercavano di affrontare alcuni problemi. Rinfreschiamo la memoria al cittadino distratto che potrebbe farsi ammaliare dalle sirene veltroniane.

OTTOBRE 2014, Sblocca Italia: legge monstrum con la quale è stata spianata la strada – se mai ce ne fosse stato bisogno - dato input alle trivellazioni, agli inceneritori, al cemento, alle opere inutili. Depurazione e le fognature non devono fare parte della visione ambientale del PD, dato che per queste opere i fondi sono stati prontamente congelati;

APRILE 2016: va in scena la campagna per affondare il referendum che chiedeva di porre dei limiti alle trivellazioni nei nostri mari, con un Renzi che, all’afflato ambientalista, univa quello costituzionale, invitando a non andare a votare;
20 aprile 2016: la legge che ha di fatto privatizzato e messo a profitto il bene primario numero uno, l’acqua;

IN DISCUSSIONE AL SENATO: la legge che vuole rendere i parchi “oggetto commerciale” lasciandoli amministrare dalla politica locale e rendendoli quindi merce di scambio.

Smantellamento del Corpo forestale, con le conseguenze che purtroppo abbiamo visto proprio questa estate: enormi difficoltà nella gestione delle emergenze roghi e incendi, con il già scarso personale costretto a un lavoro massacrante senza mezzi adeguati;

Condoni e salva condotti ai patron dell’Ilva, con buona pace del piano ambientale e della salute dei tarantini;

APRILE 2017 Tentativo di golpe alla Valutazione di impatto ambientale sminuendone ruolo ed efficacia;

GENNAIO 2015 Ridotti al lumicino fino a scomparire gli incentivi promessi per le rinnovabili;

Bloccati i fondi per le agenzie ambientali;

Annunci e, manco a dirlo, nessun fondo reale per la programmazione della difesa del suolo.

Questi sono solo alcuni dei provvedimenti CONTRO l’ambiente. Ma non è finita qui. Che fine ha fatto il testo unico sull’amianto? Che fine ha fatto la sperimentazione del vuoto a rendere che aspetta una firma del ministro?
E non ci parli, Renzi, di quando era sindaco e delle sue presunte azioni contro il cemento selvaggio. Non è cemento selvaggio autorizzare un inutile tunnel che trivella il centro città devastandola per far passare la Tav recuperando solo 5 minuti sulla tratta Roma-Milano?
Se vogliono vedere cosa si può e si deve fare per l’ambiente in Italia, Renzi, Galletti e il resto della combriccola diano un’occhiata qui:

PROGRAMMA AMBIENTE 5 STELLE

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

13 Set 2017, 09:47 | Scrivi | Commenti (101) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 101


Tags: ambiente, forestali, inceneritori, m5s, pd, renzi, veltroni

Commenti

 

La maggior parte dei commenti sembra tratta dal libro dei sogni, come può infatti un Paese che non è in grado di sistemare i suoi conti (pur con un avanzo primario di 450 Miliardi come solo la Germania) e per questo entrata in Europa, pensare di riformare l'Europa stessa in modo a sè congeniale. Un Paese di pesciolini rossi con un tempo di memoria di 5 minuti dovrebbe riformare quel mastodonte creato appositamente per ascoltare solo le esigenze dei mercanti (neppure del mercato che alla fine sarebbe anche una delle componenti basilari). Bisogna rassegnarsi, l'Italia è come il supermercato nel film di G. Romero "Dawn of the dead" dove i cittadini (non-morti) vagano senza una meta, visto che non consumano più, ricordando vagamente quello che gli piaceva fare da vivi (acquistare):"quando i morti camminano bisogna smettere di uccidere...o si perde la guerra" (il vecchio prete). Appunto: abbiamo già perso la guerra, ci sono troppi zombies in giro con la tessera del PD.

girolamo gentili 16.09.17 20:21| 
 |
Rispondi al commento

le mazzette e gli interessi delle multinzionali hanno rovinato la nostra patria ITALIA
la bandiera tricolore è sporca di rosso, il rosso delle zecche rosse che infestano i nostri campi, un tempo regno delle trebbiatrici e ora regno di comunisti da schiacciare

Com. Badoglio 14.09.17 15:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Quella per il contrasto degli Ecoreati e' "una legge di iniziativa parlamentare, che ha un suo valore partendo dal Parlamento e non dell'esecutivo", una legge "approvata da quasi 2/3 dell'emiciclo" e "una legge monitorata, un esempio di come si dovrebbero trattare le leggi approvate in Parlamento per comprenderne l'efficacia" e assicurarsi "che non stia creando effetti distorsivi". Una pratica che "rappresenta il buon modo di produrre le norme nel nostro Paese". Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, lo dice nel suo intervento alla presentazione della relazione della commissione 'Ecomafie' sull'attuazione della legge sui reati ambientali, la 'Ecoreati' (68/2015).

andrea dionisi 13.09.17 22:51| 
 |
Rispondi al commento

non sanno neanche cosa significa la parola "ambiente" ma glielo insegneremo!..

pasquale 13.09.17 22:30| 
 |
Rispondi al commento


Non è solo il PD ad aver demolito l’Italia, ma tutti i governi a partire dalla fine della guerra, quando ebbe inizio il primo imbroglio, facendo credere la sconfitta della monarchia quando non era vero. Non è tanto grave la manipolazione del referendum quanto l’aver obbedito a quella nazione che avrebbe assassinato l’Italia. Quella nazione (nata dallo sterminio di una razza) sperimentava i suoi ordigni nucleari nei nostri cieli e nei mari, regalando cancro, leucemie e altre terribili malattie, ad una popolazione condannata proprio da quelli che erano pagati per difenderla! La storia italiana nasce con una strage, quella di Portella della Ginestra (ordinata da questi “padroni” il 1 maggio ‘47) in un momento in cui si teme che il blocco delle sinistre possa arrivare al potere. Con la strage la DC conferma il servilismo agli USA e vi rimarrà a lungo.
A fine anni 80 la situazione è analoga. Il sistema di potere della Prima Repubblica crolla e avanzano gli eredi del Pci e della sinistra Dc, che si pronosticava potesse andare al governo. Erano in molti a temere quest’evento. Non solo le mafie, ma anche tutti quelli che, approfittando della protezione Usa, si erano resi responsabili delle stragi neofasciste e avevano coperto gli esecutori materiali. Tutti costoro temono che un avvento delle sinistre al potere possa determinare l’apertura di scenari per loro terribili e si inventano altri feroci sistemi per impedirlo.
Siamo ai giorni nostri dove i governi imposti di prepotenza, non eletti e perciò abusivi, sono formati da esseri mediocri, scelti di proposito per garantire gli interessi delle banche mondiali e delle multinazionali dando il via al saccheggio dell’Italia e alla crocifissione della classe lavoratrice e i risultati sono sotto i nostri occhi.


At last!

antonio valentini 13.09.17 17:44| 
 |
Rispondi al commento

loro HANNO FATTO così, invece noi FAREMO cosa'

Ecco cosa non passa

antonio valentini 13.09.17 17:42| 
 |
Rispondi al commento

Nuovo invio sperando che arrivi completo.
Comunque chi volesse potrà andarsi a leggere quello inviato da me alle 10,37 di stamattina.

"Non per mettere in discussione dei sani progetti ambientali oppure
minimizzare la nostra sensibilità ecologica, ma non vi pare che 19000
persone circa che approvano il programma siano un po' pochine rispetto al
numero sia di simpatizzanti che di popolazione totale?
Inoltre, non c'è il rischio che diventi controproducente questo continuo
accusare il PD delle peggiori nefandezze?
Credo sia meglio confrontare i risultati delle iniziative e delle decisioni
prese dai nostri sindaci nelle città che amministrano e confrontarle con
gli analoghi ottenuti da sindaci di altri partiti; ossia, prove concrete e
non "

antonio valentini 13.09.17 17:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

L' inquinamento dell' informazione non è letale come quelli che può riguardare una falda acquifera o un territorio o l' aria ma produce un effetto simile : porta alla morte della coscienza e del pensiero libero di chi non sa o non può difendersi , crea la rassegnata apatia caratteristica delle dipendenze. sant' oro si è scordato il testo di bella ciao? secondo fazio le ingerenze della politica in rai sono cessate con la firma del suo contratto?
Mi ricordo un altro gigante della informazione: formigli in una puntata del suo talk, pallido e viso tirato . A Bonafede in studio ,se la memoria mi aiuta, chiese conto di un fatto "gravissimo": orfeo era stato "tampinato " e scocciato con domande ( vicenda consip cancellata dal tg e cancellato pure l' intervento di Virginia in occasione del discorso 60° anniversario europa ) , cosa inaudita probabilmente per formigli.
Ebbene, lo stesso formigli non trova inaudito il denansionamento offensivo che è stato prospettato a Milena Gabanelli? Ha per caso firmato a sostegno di una vera giornalista d' inchiesta il buon formigli? E soprattutto, ha capito perché è scomoda ?

Ho firmato la petizione "Direttore generale della Rai: Io sto con Milena Gabanelli" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?

Ecco il link:

https://www.change.org/p/direttore-generale-della-rai-io-sto-con-milena-gabanelli?utm_medium=email&utm_source=petition_signer_receipt&utm_campaign=triggered&share_context=signature_receipt&recruiter=780507088


Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 13.09.17 17:25| 
 |
Rispondi al commento

(CHENEPS)

Guarda che a "molti piccoli uomini", piccoli proprio perche' avevano messo soldini da parte moneta su moneta, sono stati proprio quelli pazienti (molto pazienti che pazientemente avevano banche) che glieli hanno "fregati" tutti fino all' ultimo. Vuoi vedere che c'e' qualcosa che non va nel ghignare troppo tardi (o troppo presto} ? [IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 13.09.17 16:59| 
 |
Rispondi al commento

ci sarebbe da riedificare opere pubbliche di chiaro design ventennale come molte stazioni ferroviarie per esempio...

dimenticavo Via Della Conciliazione

parco verde no assolutamente
nuovi palazzi ci sta...

psichiatria. 1 13.09.17 16:51| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Franco
Alfano: “Siamo pronti al cambio del simbolo e del nome”.
Anche Renzi sta pensando di cambiare il nome Pd in qualcos'altro.
Questa teoria, molto alla moda, secondo la quale basta cambiare simbolo e nome del partito per considerarlo rinnovato, senza preoccuparsi minimamente da chi è composto, mi ha riportato indietro nel tempo.
Ricordo che da bambino, nel palazzo in cui abitavo, c’era una famiglia alquanto agiata che, per i rifiuti, usava un bel bidone grande di puro alluminio che molte persone del palazzo le invidiavano. Tutti gli altri bidoni, compreso il nostro, erano, al contrario, di plastica e pure di qualità scadente.
Mio padre, da persona saggia qual’era, non potendone più dei commenti dei condomini un giorno sbottò dicendo: “ Ma insomma che c…o ve ne frega di quale materiale è fatto il contenitore, tanto quello che ci mettete dentro è munnezza ed anche se ne usate uno d’oro massiccio , il contenuto munnezza è e munnezza rimane”…

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 16:41| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Roberto Scannapieco

Un mercato unito solo dalla moneta e dalla cancellazione delle dogane, ma senza una legislazione sociale, sanitaria, previdenziale e anche sindacale unica, senza una normativa unica a tutela dei diritti sociali dei più deboli, di una normativa comunitaria contro i reati societari e fiscali (in Italia addirittura è stato eliminato il falso in bilancio, i protesti sono stati depenalizzati e la bancarotta e le revocatorie fallimentari sminuite da limite di importi e di tempo), senza una normativa unica contro i reati finanziari e senza una magistratura che tempestivamente e decisamente intervenga anche a livello internazionale contro gli abusi dei potenti a danno dei lavoratori delle piccole imprese, dgli azionisti di minoranza, dei pensionati, dei piccoli lavoratori autonomi; senza tutto questo il grande capitale, le banche, la criminalità organizzata e i politici corrotti e le grandi imprese corruttrici nonché il managemet pubblico possono fare quello che vogliono muovendo interessi e capitale da una parte all’altra del mondo, senza regole in grado di fermarli veramente. Il crimine politico economico e mafioso sta dilagando ormai in tutta europa ed in tutto il mondo perché senza un governo ed una magistratura di gente onesta, capace, equa sostenuta da uomini e mezzi adeguati nella dimensione e nella qualità nulla possono contro gli interessi internazionali ben organizzati e senza scrupoli in cui convogliano enormi risorse che sempre più si concentrano nelle mani di pochi con sempre meno scrupoli. OCCORRE CAMBIARE IL MODO DI PENSARE, DI DESIDERARE, DI COMPETERE, DI SENTIRE DEGLI UOMINI A COMINCIARE DA NOI STESSI. SE NON CAMBIAMO PRIMA NOI NON POSSIAMO CAMBIARE GLI ALTRI. Se sei incerto nessuno ti segue, se non fai quello che predichi prima o poi ti scoprirai. Occorre un cambiamento veloce ed epocale perché lo stravolgimento economico e finanziario mondiale è velocissimo, travolgente e sempre più velocemente in fuga dagli interessi dei più.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 16:39| 
 |
Rispondi al commento

CHENEPS

Oh, i piccoli uomini
che ghignano e ghignano
nascondendo lo sguardo

i senza scrupoli viscidi
in vestiti eleganti
che divorano tronfi il pane di tutti

questi rozzi, questi torvi
gli stupidi furbi famelici
che rubano il bene comune

Ah, le piccole donne impettite
scolpite armate di parola bugiarda
che pena che pena che pena

che stupida pena che rabbia che schifo
quest’ insetti acquattati
sotto tutte le pietre che alzi

Ahi, questa diffidenza iniettata
che ammorba che toglie il respiro
che annienta il contratto sociale

…Ma c’è chi lavora sul serio
chi si spacca le mani la schiena
li vedo: chi spala chi mura chi pesca
chi crea chi studia chi paziente coltiva
la zolla

gli Ultimi sono sempre i Primi
anche qui, sulla Terra.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 16:35| 
 |
Rispondi al commento

Ho terminato da poco la costruzione di un aeromodello che riproduce fedelmente in scala un caccia del IV Stormo, un Fiat G.55 passato, dopo l'armistizio, all'...diciamo Italia del Nord. Posso portarlo a volare o devo prima chiedere il permesso?? :) [IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 13.09.17 16:32| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

"va bene
si procederà con l'abolizione dell' Inps
e dell' Inail
poi Latina verrà sfollata e per tornare una palude
Rimini e tutta la costa Romagnola rasa al suolo

poi?.."

E poi a Fiano tocchera' smantellare i Musei e le Biblioteche Pubbliche perche' li' sai quante insegne si trovano e quanti argomenti "probiti" sono trattati?? E quale migliore propaganda e pubblicita' di quella che si puo' trovare in un Museo o in una Biblioteca?? :) [IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 13.09.17 16:20| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Le prime infrastrutture che servono a questo paese sono carceri nuove c'è un pò di gente da mettere in GALERA !!!
Di Matteo alla giustizia ci sono banchieri, politici, mafiosi, massoni, finanzieri e oure giornalisti da mettere dietro le sbarre.

Marcello P. 13.09.17 15:49| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

PD: IL PARTITO CHE HA DEMOLITO L'AMBIENTE

Attentato alla salute pubblica e disastro ambientale.

È così che si chiama la politica che fa morti e scempi!

Questa cosa la scrivo da tanto tempo sul Blog, la scrivo pensando a milioni di cittadini che sotto un'unica bandiera denunciano i responsabili di tali nefandezze.

La politica ha la responsabilità di un numero imprecisato di morti, perché è negli anni che si vedranno gli effetti di tali disastri!

Scorie nucleari sotterrate o buttate a mare(segreto di stato, vero Napo?), rifiuti speciali sotterrati com motrici e rimorchi, devastazioni sotterranee per stoccare gas, oleodotti e piattaforme petrolifere.

Inquinamento di fiumi e falde acquifere, scarichi industriali alla qualunque, chi più ne ha, più inquini!

Queste sono "solo alcune" emergenze, aria, acqua, animali e cibi, tutto ne risente, noi siamo solo una delle componenti della natura, la più dannosa!

Arrivederci e grazie, graziella e grazie al cadmio!

Nando da Roma.


Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 13.09.17 15:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

va bene
si procederà con l'abolizione dell' Inps
e dell' Inail
poi Latina verrà sfollata e per tornare una palude
Rimini e tutta la costa Romagnola rasa al suolo

poi?...

psichiatria. 1 13.09.17 15:35| 
 |
Rispondi al commento

Pd: due anni per un accendino, per un manifesto stile liberty di quelli da collezione, per un busto della soffitta di casa di nonno che mi volevo vendere ma adesso mi arrestano e non posso piu' farlo, per la maglietta della squadra di calcio con le insegne che non si possono pronunciare. E' semplicemente da folli. Almeno cosi' mi sembra. [IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 13.09.17 15:20| 
 |
Rispondi al commento

É COSA ARCINOTA GRAZIE AGLI INUTILI E ILLEGALI PIANI REGOLATORI COMUNALI !!!
IN AGGIUNTA PER 40 ANNI HANNO DENIGRATO L'INDUSTRIA ITALIANA CON LA QUESTIONE DEI "PADRONI" RIUSCENDO A FORMARE UNA MENTALITA' NAZIONALE A SOSTEGNO DEI "PADRONI" STRANIERI, SPECIALMENTE DOVE SPENDERE CORRISPONDE A GROSSE CIFRE COME NEL SETTORE AUTOMOBILISTICO !!!
5-6.000 MILIARDI DI EURO BUTTATI OLTRE CONFINE !!!
200 ANNI DI FINANZIARIE ITALIANE !!!

Franco Della Rosa 13.09.17 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Non solo ! Nato per demolire l'Italia , sta ottenendo ottimi risultati in tutti i campi ! Dalla sanità all'agricoltura , dall'industria al turismo passando dal lavoro e il welfare è tutto in rovina ! I media sono tutti sottomessi e ci danno notizie false facendoci vivere nel limbo dell'informazione . Tranne facebook tutto tace , e tra poco si spegnerà anche quest'ultimo lumino . Il Paese è in coma indotto dagli attuali sevi dei poteri forti stranieri che ci vogliono morti ! Anche noi , nel nostro blog , siamo morti , siamo ectoplasmi ciancianti di astrusità fuori luogo e tempo ! E' tempo di lotta non di chiacchiere sussurrate , è tempo di ruggiti ! Svegliaaaaaaaaaa ! ! !

vincenzodigiorgio 13.09.17 15:06| 
 |
Rispondi al commento

avete cominciato dal 2014, dimenticando che con Decreto del Ministro dell'Am,biente 2013, vengono declassati quasi tutti i SIN, una finanziaria ai danni dell'ambiente. le regioni ora competenti, non avranno mai i soldi per le bonifiche......
CARO M5S.....Di questo bisogna parlare quando si parla di AMBIENTE.....ALTRIMENTI DIMMI!!! QUANDO SARA' BONIFICATA LA TERRA DEI FUOCHI??????????

achille ., napoli Commentatore certificato 13.09.17 14:56| 
 |
Rispondi al commento

Il PD è la fusione dei due peggiori partiti che hanno distrutto il paese , PCI e DC.
Insieme, dell'ambiente se ne sono sempre fregati, ed ora per le loro vergognose responsabilità ad ogni pioggia si verificano disastri.
Il PD è il peggior partito che questa specie di paese poteva partorire. Ciò è avvenuto grazie alla stragrande maggioranza di italiani che anziché comportarsi da veri cittadini si sono comportati come dei veri sudditi. Vergogna al peggior partito e a coloro che lo sostengono.
Con il loro buonismo mangiano bevono e continuano a fottere il popolo italiano.

saverio battaglia 13.09.17 14:54| 
 |
Rispondi al commento

Dato che avete il mio indirizzo mail, qualcuno può spiegarmi qual'è il problema?


Ops! È sparito il finale. Come mai? Mah!
Lo ripropongo perché non ci trovo nulla di offensivo, è solo un personale suggerimento

Antonio Valentini 13.09.17 14:17| 
 |
Rispondi al commento

L'attuale PD, arrivato a questa sigla dopo l'evoluzione iniziata con il PCI, parlo per la Toscana, ha ridotto questa regioe ad un letamaio.

Hanno cambiato nomi e simboli, ma sono rimasti fermi al 1946, grzie al consenso di coloro che hanno sempre votato in quella direzione (ora, pare, che il vento stia cambiando).

La Toscana è un disastro dal punto di vista dell'ambiente: alluvioni, inondazioni a non finire; è inquinatissima. Basta guardare il colore dell'Arno "d'argento", ma così sono anche gli altri fiumi. Il Lago di Massaciuccoli è una fogna.

Tutti gli anni gli incendi divorano il patrimonio boschivo. E la storia si ripete sempre uguale.

La cementificazione selvaggia, quella degli anni '70 che voleva dare le case a tutti, ha rovinato molto del bel paesaggio. In più, grazie al clientelismo si è costruito ovunque.

Si arriva a Vinci, la città del Genio, passando attraverso una zona collinare devastata da fabbriconi e stabilimenti, oggi faciscenti e in disuso causa la crisi, alcuni comperati dai cinesi, gli unici a cui la crisi ha fatto e fa un baffo.

Là sorge anche il capannone dell'industria Sammontana, quella dei gelati e i dolci che, in un altro paese d'Europa, non avrebbero mai fatto costruire in quel luogo.

Vogliamo parlare della sanità? Meglio stendere un velo pietoso.

Vogliamo parlare del traffico, della gestione dell'immigrazione o di come vengono gestiti i campi rom? Lasciamo perdere. Eppure a sentire il governatore Rossi, la Toscana è un fiore all'occhiello quasi per tutti i settori. Se lo dice lui!!!!


Risultato: Il PD, almeno n Toscana, non solo ha distrutto l'ambiente, ma quale continuazione del vecchio partito, ha distrutto l'individuo, rendendolo servo non pensante a disposizione, se vuole campare e lavorare, del partito di maggioranza che lo vuole sempre allineato e coperto.

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.17 14:00| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Si stanno pavoneggiando sui complimenti e ringraziamenti (falsi) di Junker..il Governo Renzuloni ne è grato... e certamente se le suonano e se le cantano...ma nella m*** ci sono gli italiani!
Dietro questi burattinai ci sono le organizzazioni criminali che dovrebbero ringraziare il presidente dell'UE!
Se non ve ne siete accorti l'Africa sarà depredata di tutto e in Europa verranno tutti i loro cittadini...fatevene una ragione!
E' la globalizzazione dell'economia o se volete la rapina planetaria del Capitalismo!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 13.09.17 13:44| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

IL WWF CONDANNA RENZI
Il bilancio del WWF sul governo del Pd è stato totalmente negativo:“Questo governo è incapace di concepire una nuova economia basata su innovazione,efficienza,sostenibilità ambientale.
E’ mancata la spinta innovativa in grado di cambiare l’attuale modello di sviluppo economico che continua a dissipare le nostre risorse energetiche, produttive, sociali e ambientali.
Anzi, nei fatti, il governo, a colpi di decreti legge si è attestato ancora sulla difesa delle rendite di posizione e degli interessi corporativi, spesso solo speculativi (dei petrolieri, dei big dell’industria energetica e dell’incenerimento, dei concessionari autostradali, degli speculatori edilizi) mentre ha indebolito le tutele e le valutazioni ambientali derivanti dalla migliore legislazione comunitaria. Nulla è stato realizzato di quanto promesso sul dissesto idrogeologico, sui reati ambientali, sul consumo del suolo.
Nella legge di Stabilità manca addirittura la tradizionale posizione ambientale (difesa del mare e del suolo, tutela della biodiversità, delle aree protette e delle specie a rischio, controlli e bonifiche ambientali). A questi scopi nel 2015 sono stati assegnati solo 253 milioni di euro, quando occorrevano 30 miliardi
Nessun ripensamento invece per la cementificazione del territorio tanto che ingenti risorse sono andate al fallimentare programma delle infrastrutture strategiche (autostrade e linee ad alta velocità)
La grave crisi economico finanziaria globale, che si riverbera nel nostro Paese,è drammaticamente legata ad un deficit ecologico sempre più imponente
Restano problemi gravissimi irrisolti come la difesa del suolo,le trivellazioni facili,la mancanza di un piano di decarbonizzazione,le nomine dei consigli direttivi dei Parchi Nazionali per scongiurare la distruzione di aree protette storiche come il Parco Nazionale dello Stelvio, e ancora i disastri ambientali impuniti che hanno ricadute pesanti sui cittadini in termini economici e sociali.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:42| 
 |
Rispondi al commento

Ore 13,36 e siamo già a 11

E i blog sono due

Arrivare a stasera........

Patty Ghera, Firenze Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.17 13:37| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Il governo delle cazzate!
Per le cose serie si rimanda,si rimanda,si rimanda...a data da destinarsi...e si approva in prima istanza per farsi belli difronte ai cittadini che stanno prendendo continuamente per il culo!
Per le cose serie c'è tempo... per quelle inutili...subito!
Che schifo e continuano a votarli!
Povera Italia...c'è proprio da scappare,chi può lo faccia!
Ladri,ladri,ladriiiiii!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 13.09.17 13:33| 
 |
Rispondi al commento

4
Per altro, è di qualche settimana fa il risultato di una ricerca europea condotta da 27 ricercatori, che prevede per la sola Italia un aumento di 500.000 posti di lavoro e un risparmio annuale di 6.700 euro a persona, se ci fosse la transizione completa verso fonti di energia rinnovabile e pulita.
Nel mondo, invece, un piano di questo tipo, potrebbe generare 25 milioni di posti di lavoro.
E invece in Italia vengono adottate scelte diametralmente opposte, che restringono gli spazi economici e i profitti nelle mani di pochi grandi gruppi industriali votati al fossile, affamati di disastri, di incidenti e di ricostruzioni momentanee e incerte, per scaricare i costi sociali delle scelte su tutti gli altri cittadini.
Mai come in questo momento storico, quindi, c'è bisogno di nuova consapevolezza e di una forza politica che proponga con convinzione e intransigenza un cambio di rotta radicale. Soprattutto qui, in Italia, dove social democratici e conservatori condividono lo stesso impianto culturale rispetto alle politiche dello sviluppo economico, con la testa rivolta all'indietro.
Siamo al punto di rottura ed è urgente superare un modello di sviluppo che trae vantaggio dai disastri e dalla mancanza di cura del territorio e dell'ambiente e di programmazione a lungo termine. Non è più solo una "questione di sx", ma di buon senso, con buona pace dei tentativi di recupero da parte di Renzi.


viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:27| 
 |
Rispondi al commento

3
Meravigliosa, poi, la difesa d'ufficio dello Sblocca Italia, di cui racconta, come di consuetudine solo una parte piccola e irrilevante, mentre nulla dice sulla concreta possibilità di cementificare che offre.
Con lo Sblocca Italia il Pd ha fatto con l'ambiente e con il territorio italiano, ciò che ha combinato ai lavoratori togliendo loro l'articolo 18: massima libertà per chi ha più potere contrattuale in mano e per chi deve a tutti i costi fare affari, a danno dei più deboli. Semplice, no? C'è alla base di queste scelte una idea di società abbastanza chiara e, dal mio punto di vista, anche abbastanza inquietante. Ovvero, da un lato la totale sottovalutazione della gigantesca questione ambientale in corso, che sempre più si lega alla questione sociale, e dall'altro, conseguenza della prima, l'assoluta mancanza di programmazione economica, industriale e ambientale per il futuro.
Tocca a noi fare questo lavoro. A noi che da qualche anno, ormai, poniamo con sempre maggiore forza il tema della transizione dei modelli produttivi verso forme compatibili con la tutela dell'ambiente, con la protezione del territorio e della qualità della vita.
Fa specie, per esempio, sentire che la Francia chiuderà con la vendita di auto a diesel e benzina entro il 2040, mentre in Italia una discussione simile, che è tutta politica e ha a che fare anche con gli equilibri geopolitici, sempre più influenzati dal tema dell'indipendenza energetica dei paesi, avviene solo nel recinto fondamentale dei centri di ricerca.
Quello dell'energia pulita è un tema fondamentale e cruciale per i prossimi anni,che va affrontato con lo sguardo lungo e con la consapevolezza di chi vuole salvare il presente per dare un futuro più degno a milioni di persone e alle prossime generazioni.Attenzione, non si tratta di ipotesi futuribili e realizzabili fra cento anni,ma di scenari ben più concreti e immediati se un paese come la Francia annuncia una decisione simile da raggiungere nell'arco di soli 23 anni

segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:27| 
 |
Rispondi al commento

2
..il Pd non è e non può essere un partito a vocazione ecologista perché non ha avuto sensibilità sui temi ambientali e,in particolare negli ultimi anni,ha attuato con maggior forza le ricette che per anni ha coltivato la dx.E fa specie che Renzi tenti di replicare a Veltroni, provando a restituire al Pd una centralità sui temi ambientali e di riconversione del sistema economico,che semplicemente il Pd non ha
Come ci si può stracciare le vesti per le decisioni "scellerate" di Trump di tornare a gas e petrolio,mentre proprio nelle ultime settimane sono state concesse dal governo italiano autorizzazioni per la ricerca di idrocarburi al largo di Leuca,in Salento? La ratio mi pare la stessa
La cifra delle politiche ambientali dei governi Pd è il "ciaone" del deputato Carbone ai comitati che si impegnarono nella campagna referendaria contro le trivellazioni,il giorno del voto,quando ormai appariva evidente che non si sarebbe raggiunto il quorum.E lo stesso Renzi difende le trivelle adducendo la spiegazione che non inquinano il mare, al contrario della mancanza di depuratori. Come se non esistesse il problema del principio di precauzione, che in molte situazioni dovrebbe guidare le scelte politiche, economiche e di approvvigionamento energetico, nel caso di specie, per evitare disastri devastanti.
Come se non fossimo a conoscenza di quanto avvenuto per tanti anni in Basilicata,in Val d'Agri con il processo estrattivo e produttivo di idrocarburi,su cui il governo e il Pd non hanno detto parola.E a poco serve la pur utile e sacrosanta legge sugli ecoreati,se non c'è un cambio di rotta politico delle scelte
Renzi propone l'ormai triste e vecchio gioco di certa politica, che scarica la responsabilità della mancanza di scelte su piani diversi da quello che le compete.L'introduzione di una fattispecie di reato non garantisce che il reato non venga compiuto e nulla toglie,purtroppo,al fatto che si continui a puntare in Italia su petrolio,gas,discariche,inceneritori..
segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:26| 
 |
Rispondi al commento

ot Roma, cape de munnezza.

http://www.affaritaliani.it/roma/roma-follia-paghi-il-parcheggio-incassa-un-cingalese-che-vende-casalinghi-498751.html.

Boris 13.09.17 13:22| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

1
NICOLA FRATOIANNI. Sx ITALIA
Renzi si metta l'anima in pace, il Pd non è un partito a vocazione ambientalista

Viviamo ormai in uno stato di calamità permanente, nel nostro Paese. Siccità che desertifica i terreni, incendi che distruggono ciò che di vitale ancora resiste, e poi le piogge torrenziali a invadere le città.
Tutto viene vissuto da buona parte della politica come se si trattasse di fatti normali, ineluttabili. Come fossimo di fronte a naturali processi entropici del mondo. Eppure sappiamo ormai da tempo che non è così, sappiamo con sufficiente certezza, grazie ad anni di studi, di ricerche, di approfondimenti e grazie all'esperienza diretta, che si tratta di fenomeni sempre più violenti, estremi, dovuti alle scelte politiche degli ultimi anni.
Fa specie come troppa parte della politica si accapigli, nelle ore immediatamente successive ai tanti e sempre più frequenti disastri (gli ultimi a Livorno e Roma), per individuare le responsabilità immediate di scarsa capacità di gestione emergenziale dei fenomeni. Quasi tutti guardano al particolare del momento, quasi nessuno si interessa delle cause che stanno portando il nostro Paese (e buona parte del nostro pianeta) al disastro annunciato.
Va chiarito una volta per tutte che le cause hanno a che fare con un modello di sviluppo che ha definitivamente rotto i ponti con la compatibilità fra l'estrazione e l'accumulo di ricchezza e il mondo. L'ambiente in cui viviamo è sempre più vissuto come un freno per la crescita economica delle solite capienti tasche, o tutt'al più come un bene privato da spremere fino in fondo, da cui estrarre profitto, fino alle estreme conseguenze. Conseguenze che si riversano con violenza sulla testa di tutti, mentre le forze politiche tradizionali tacciono complici, o addirittura negano l'esistenza del problema.
Veltroni, su Repubblica, ha detto con sorprendente chiarezza che il Pd non è un partito a vocazione ecologista.


segue

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:21| 
 |
Rispondi al commento

ehm... Beppe scusa, ma tu hai capito che siete costretti a fare una legge elettorale maggioritaria con Renzi ?
Cioè forse non è ancora chiaro ad entrambi (a te a Renzi) che se non vi mettete d'accordo, il finale è già scritto: nessuna maggioranza in parlamento e Mattarella chiederà a Gentiloni di rifare il solito governo di "unità nazionale" con dentro tutti tranne che voi e la Lega.
Dai Forza, vediamo di darci una svegliata

Luca M. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.17 13:20| 
 |
Rispondi al commento

Nella devastazione dell'ambiente, il PD si conferma partito orientato a destra

Cinzia C., Verona Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 13.09.17 13:17| 
 |
Rispondi al commento

La lotta per salvare l’ambiente globale è molto più difficile che la lotta per sconfiggere Hitler, perché questa volta la guerra è con noi stessi. Noi siamo il nostro nemico, così come abbiamo solo noi stessi come alleato.
(Al Gore)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:15| 
 |
Rispondi al commento

La nuova consapevolezza maturata in noi di essere parte costitutiva dell’ecosistema e di partecipare in prima persona, vittime e carnefici, alla sua distruzione, ci suggerisce che inquinare l’ambiente significa avvelenare noi stessi. Che quando i pesci muoiono nei fiumi, quel veleno che li ha uccisi giungerà ben presto nella caraffa d’acqua cosiddetta potabile sulla nostra tavola. Che quando vendiamo per 30 denari una foresta, abbiamo venduto, con gli alberi abbattuti, parte della nostra eredità d’ossigeno, che con l’ape uccisa oggi dalle molecole di sintesi muore la speranza nei fiori del futuro.
(Giorgio Celli)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:13| 
 |
Rispondi al commento

In nome del progresso, l’uomo sta trasformando il mondo in un luogo fetido e velenoso (e questa è “tutt’altro che” un’immagine simbolica). Sta inquinando l’aria, l’acqua, il suolo, gli animali… e se stesso, al punto che è legittimo domandarsi se, fra un centinaio d’anni, sarà ancora possibile vivere sulla terra.
(Erich Fromm)

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:12| 
 |
Rispondi al commento

"........e quella che diciamo l'umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezzi uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) piglianculo e i quaquaraqua. Pochissimi gli uomini; i mezzi uomini pochi, che mi contenterei l'umanità si fermasse ai mezzi uomini. E invece no, scende ancora più giù, agli ominicchi: che sono come i bambini che si credono grandi, scimmie che fanno le stesse mosse dei grandi. E ancora più in giù: i piglianculo, che vanno diventando un esercito. E infine i quaquaraquà: che dovrebbero vivere con le anatre nelle pozzanghere, chè la loro vita non ha più senso e più espressione delle anatre"

Il giorno della civetta, Leonardo Sciascia

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 13:10| 
 |
Rispondi al commento

vitalizi

https://www.youtube.com/watch?v=0X97g5nJVz8

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 13.09.17 13:08| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Chi ieri ha governato e chi governa oggi si prenda le responsabilità del disastro economico che viviamo, se al potere ci fosse stato il MoV ora tutti punterebbero il dito contro i 5Stelle, e questo è assolutamente normale, anzi è la regola. Gentiloni non ci parlasse di “crescita” ad ogni aumento millesimale dell’occupazione, questa non è crescita, è l’estremo tentativo degli italiani di non morire. Abbiamo bisogno di un governo non “stabile”, come si usa dire, ma innovatore e che abbia voglia davvero di cambiare, di riformare il Paese. Chi nutre tuttora simpatie per il “centrosinistra” o per il “centrodestra” non accampi scuse, il fallimento delle loro politiche è sotto gli occhi di tutti.

Franco Mas 13.09.17 12:53| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

OT "'anvedi questi".

Il padre dei due minorenni marocchini arrestati per gli stupri di Rimini:-" due o tre anni, poi usciranno e si faranno una famiglia".


Nun 'o metto in dubbio, solo che ce dovrebbero pure dì quale famija se vojono fa', così, l'avvertimo in tempo...

harry haller Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day 13.09.17 12:52| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

...ma certo , la riproduzione demografica africana..da chi dipende ?...dalle religioni ?...dalla loro miseria ?...da chi ?... da me ?
I primi responsabili nel riprodurre gente che non avrà possibilità lavorative...cioè FUTURI SCHIAVI..sono proprio i loro genitori.
Se volessi farmi carico di figli degli altri..ce ne sarebbero già nel condominio dove abito,..nel comune dove abito,..nella regione dove abito,..nella nazione dove abito.
Non mi faccio carico di quelli che ho evidenziato,..e dovrei farmi carico dai figli nati da irresponsabili che cercano di andare a letto con ragazzine africane...fando miriadi di figli.

Ma basta....basta....mi pare di sentire il politico di turno del pd o sel che te la racconta alla rovescia la favola...

Eposmail. ,,, ; Commentatore certificato 13.09.17 12:47| 
 |
Rispondi al commento

E non ci venga a parlare Renzi del suo presunto impegno contro il cemento! Non è forse il CEMENTO, da lui autorizzato quando era sindaco, quello che serpeggia per le strade scavate di Firenze, confinando interi quartieri ad alta densità di popolazione, in deserti di polvere, smog, inquinamento acustico e disagi enormi di ogni tipo per decenni? Non è forse per facilitare le manovre delle betoniere di calcestruzzo che si tagliano alberi centenari e sani in ogni angolo in cui passa o passerà la... TRAMVIA? Certo che vogliamo mezzi elettrici ad impatto zero in città! Ma questa TRAMVIA fiorentina, bocciata dai cittadini con un referendum e costruita ugualmente dalla politica, quanto costa in termini di IMPATTO e di DENARO PUBBLICO? Alla fine ne sarà valsa la pena? La città, ad oggi, risulta più inquinata e sempre più priva di verde pubblico proprio a causa di una Tramvia che ''impatta'' la città come una guerra!

ulla passarelli 13.09.17 11:48| 
 |
Rispondi al commento

Annamaria
YEMEN: UN GENOCIDIO DI BOMBE E COLERA, CANCELLATO
http://www.movimentoesseresinistra.it/blog-movimento/antimilitarismo/2017/07/10/yemen-epidemie/
"il caso dello Yemen,un paese devastato da una guerra che sta falcidiando centinaia di migliaia di persone proprio causata dall’Arabia e che nessuno ricorda.Non c’è media ufficiale che dia visibilità a questa immane tragedia.
I suoi abitanti sono già fantasmi che popolano il pianeta e i suoi bambini neanche meritano di essere nominati.Ci siamo in mezzo anche noi italiani a tutto questo, per l’appoggio che diamo all’Arabia Saudita e agli Stati Uniti in questa guerra vergognosa mediante le bombe che fabbrichiamo e inviamo al fine di massacrare la popolazione inerme
Diciamo che nello Yemen il lavoro pulito lo fanno le bombe, il lavoro sporco lo fa il colera.
Ma a noi dello Yemen non importa un fico secco.

VERGOGNE
Turchia, il disastro umanitario: così i rifugiati siriani vivono tra baracche e lavoro minorile
Un anno dopo l’accordo con la Ue, milioni di profughi sono bloccati nel Paese di Erdogan. Dove sopravvivono o sono ridotti in schiavitù. E il regime di Ankara non vuole che il mondo ne parli."
http://espresso.repubblica.it/plus/articoli/2017/04/27/news/turchia-il-disastro-umanitario-cosi-i-rifugiati-siriani-vivono-tra-baracche-e-lavoro-minorile-1.300523
E infatti: come vuole Ankara (e come vuole la Merkel) noi non ne parliamo.
Sono milioni? Sono ridotti in schiavitù? Noi non facciamo una piega
http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/01/05/birmania-il-massacro-dei-rohingya-nel-silenzio-di-san-suu-kyi-ora-si-stanno-radicalizzando/3298114/
In Birmania la pulizia etnica sfiora già il genocidio e mostra il volto feroce e violento del buddismo
Ma sì, quelli so' lontani, che ci frega?
Niente, a noi proprio niente.
Poi però i profughi non li vogliamo.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 11:43| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Annamaria
"Qualche anno fa noi occidentali giustificavamo l'intervento armato in altri Paesi - Afghanistan, Iraq, Libia - come "operazione umanitaria": la nostra coscienza non poteva accettare che feroci dittatori insanguinassero il loro paese".

Operazione umanitaria? Con le virgolette o senza, questa cosa faccio fatica a leggerla.
Perché io avevo capito un'altra cosa: avevo capito che quelle guerre (Afghanistan, Iraq, Libia, Siria e molte altre, purtroppo) tutte di aggressione contro Stati liberi e sovrani, mascherate dietro grotteschi pretesti di cui TUTTI NOI conoscevamo l'inconsistenza e la falsità, non avessero nulla di umanitario.
Quello che volevamo era il controllo di intere aree del pianeta e lo sfruttamento delle loro ricchezze: per questo abbiamo invaso, bombardato, saccheggiato, distrutto, massacrato e ridotto alla disperazione milioni di esseri umani.

Questo abbiamo fatto con quelle guerre, in PIENA consapevolezza. Abbiamo creato inferni. Noi Occidente, noi giusti, noi umanitari, noi portatori di democrazia e civiltà. Noi assassini.
La carneficina la facciamo da sempre. E la coscienza non è a giorni alterni, no, la coscienza è sempre la stessa: nera come la notte.

Sappiamo benissimo, per esempio, che di 'feroci dittatori' intenti a insanguinare il loro Paese (e non solo) il mondo è pieno: ma sono quelli 'giusti', quelli che ci fanno comodo, quelli a cui non si fanno guerre umanitarie.
La nostra coscienza nera come la notte.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 11:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

MIGRANTI
Ivo Serenthà
Siamo tutti colpevoli,anche chi non ritiene di esserlo,l'Africa è in queste condizioni per un innumerevoli ragioni,le proprie prima di tutto,e dal colonialismo altre responsabilità si sono aggiunte e in modo colpevolmente grave,grazie allo sfruttamento del loro territorio lasciando in miseria chi ovviamente le ricchezze le deteneva.
Ora c'è il crudele giochino a scaricare le responsabilità,dall'Italia alla Grecia che una parte l'hanno fatta,magari in modo approssimativo,del resto il fenomeno è talmente vasto che sarebbe stato difficile fare di meglio,arrivando a una condizione diventata insostenibile per la chiusura dell'Europa.
Ieri la corte europea ha condannato alcuni paesi,gli ultimi arrivati che non ne vogliono sapere di accogliere chicchessia,quelli sono entrati per prendere cosa c'è di buono,mica per ospitare un pezzettino d'umanità.
Si,siamo tutti colpevoli del disastro umanitario,forse perché siamo in troppi su questo pianeta,le risorse che non sono illimitate ad iniziare da quelle idriche sempre più scarse e gli sconvolgimenti climatici,sono tutte componenti che affosseranno la qualità di vita vissuta sino ad ora,e non solo la qualità.

viviana vivarelli, bologna Commentatore certificato 13.09.17 11:36| 
 |
Rispondi al commento

...e qui nella terra dei fuochi non hanno fatto manc'o ca22. Anzi prima della tromba d'aria si sentiva il puzzo dei roghi che continuano indisturbati. mi auguro che la tromba d'aria dell'altra notte se li sia portati a mare con tutti gli stronzi di merda.

Giovanni F. 13.09.17 11:18| 
 |
Rispondi al commento

Il pd ha preso ogni decisione sbagliata per il nostro Paese...non dimentichiamoci del pericolosissimo e nocivo Ceta. Del resto questi erano gli ordini...

Anna L., Genova Commentatore certificato 13.09.17 10:57| 
 |
Rispondi al commento


La propaganda ai tempi dell'URSS : l'art. 58 vissuto e commentato da Aleksandr Isaevič Solženicyn nella sua monumentale opera Arcipelago Gulag e Primo Cerchio.

Analizza in dettaglio tale articolo e mostra come qualunque attività svolta da qualunque persona potesse essere interpretata alla luce di tale articolo come "attività controrivoluzionaria". Si fa inoltre presente che le altre repubbliche dell'URSS avevano codici penali praticamente uguali. Questo articolo ha trovato l'apice dell'applicazione nelle Grandi Purghe Staliniane. Wikipedia (in circolazione ancora a piede libero..) [IMO, mammamia]

Francesco C. Commentatore certificato 13.09.17 10:55| 
 |
Rispondi al commento

andiamo al voto e liberiamoci della casta maledetta!!

Luca M., Rho Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.17 10:47| 
 |
Rispondi al commento

Non per mettere in discussione dei sani progetti ambientali oppure minimizzare la nostra sensibilità ecologica, ma non vi pare che 19000 persone circa che approvano il programma siano un po' pochine rispetto al numero sia di simpatizzanti che di popolazione totale?
Inoltre, non c'è il rischio che diventi controproducente questo continuo accusare il PD delle peggiori nefandezze?
Credo sia meglio confrontare i risultati delle iniziative e delle decisioni prese dai nostri sindaci nelle città che amministrano e confrontarle con gli analoghi ottenuti da sindaci di altri partiti; ossia, prove concrete e non

Antonio Valentini 13.09.17 10:37| 
 |
Rispondi al commento

La propaganda ai tempi dell' URSS.

Ricordate o vi e' mai capitato di leggere l'art. 58 del Codice Penale della Repubblica Socialista Sovietica? Ve ne riassumo velocemente alcuni punti:
58-1- stabilisce che è controrivoluzionaria ogni azione diretta a sovvertire o indebolire il concilio dei lavoratori, lo Stato, la sua sicurezza o i guadagni della rivoluzione proletaria. 58-7-minare attività statali, le circolazioni monetarie o i sistemi di credito con scopo controrivoluzionario: come 58-2 : fucilazione con confisca di beni; in circostanze tenui, carcere non inferiore a 3 anni. 58-10-propaganda controrivoluzionaria o agitazione (ovvero propaganda o agitazione con incitamento a sovvertire, minare, indebolire lo stato o a compiere le attività controrivoluzionarie indicate negli altri articoli o distribuzione o preparazione di scritti che contengono tali incitamenti): almeno 6 mesi di prigione. In caso di guerra, stato d'emergenza o con sfruttamento di pregiudizi religiosi o nazionalisti: fino alla pena di morte con confisca dei beni

Francesco C. Commentatore certificato 13.09.17 10:28| 
 |
Rispondi al commento

Segue: La propaganda ai tempi dell'URSS

58-11-qualsiasi tipo di organizzazione nonché il supporto di azioni a scopo di preparare o eseguire suddetti crimini è punita dai seguenti articoli.
58-12-non denuncia di attività controrivoluzionaria da parte di un civile: almeno 6 mesi di prigione.
Ne risulta che, art.58-10, non solo l'attivita' di propaganda e' punita con almeno 6 mesi di prigione ed in casi straordinari con la pena di morte con confisca dei beni ma anche l'omessa denuncia di attivita' controrivoluzionaria, art.58-12, e' punita con almeno 6 mesi di prigione. L'art. 58-7 poi, si puo' ritenere strettamente connesso all'art. 58-10 perche', ai sensi di quest'ultimo mina evidentemente ad indebolire lo stato quindi : pena di morte e confisca dei beni. Ovviamente la proposta di legge Fiano e' ben lontana dall'ispirarsi a tali principi. [IMO]

Francesco C. Commentatore certificato 13.09.17 10:26| 
 |
Rispondi al commento

Ah, ecco, l’ho trovato il rigurgito nazi-fascista che il PD vuole combattere, è situato sul web ed è portato avanti dai populisti, e da chi se no! Quanta strada dobbiamo fare ancora per mandare a casa questi cialtroni? Distruggono l’Italia e ne danno colpa agli altri, come se a dirigere il Paese non fossero stati loro ma le Giovani Marmotte. Incapaci di progettare il futuro e di riconoscere i propri errori. Prepariamoci ad un’altra accozzaglia di governicchio elettorale.

Franco Mas 13.09.17 10:16| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Una domanda dobbiamo farcela sinceramente:
"Ma pensate che tutte queste cose senza senso (per non dire altro), siano state fatte per ideologia (qualora ne avessero ancora)o per incompetenza?, oppure sono state fatte con ragione di causa per schiacciare l'occhio a qualcuno per interessi inconfessabili.
Iniziamo da subito le parlamentarie con regole ferree e, una volta individuate le persone che si vorranno mettere in gioco, iniziamo subito una campagna capillare di informazione e sensibilizzazione.
Non si può aspettare l'ultimo mese per organizzarsi: gli "ALTRI" sono già sguinzagliati.
Dobbiamo o no, arrivare al 40 percento?

VINCENZO ANTONA, Vercelli Commentatore certificato Commentatore che ha donato a Rousseau 13.09.17 10:14| 
 |
Rispondi al commento

Il partito del ducetto, odia l'ambente, lo una solo per mettere del somari a dirigere parchi parchini e oasi verdi varie; che come vengono toccate da questi individui diventano subito un deserto,con crolli vari e smottamenti, allagamenti
tutto per fottere soldi pubblici.

Marco Bonanome, Paderno d'Adda Commentatore certificato 13.09.17 10:13| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori