Il Blog delle Stelle
Regeni e il vergognoso silenzio di Alfano

Regeni e il vergognoso silenzio di Alfano

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 78

di Alessandro Di Battista

Il 14 agosto scorso il governo italiano decide di inviare di nuovo l'Ambasciatore italiano in Egitto, questo nonostante la verità sulla morte di Regeni sia ancora lontana. Il 15 agosto esce sul New York Times una denuncia incredibile: "mesi fa l'amministrazione Obama aveva fornito a Renzi (Alfano era Ministro degli Interni) prove esplosive sul coinvolgimento dei servizi segreti egiziani sulla morte di Regeni". Ebbene è una vergogna che il Parlamento sia stato convocato su questo caso solo oggi ma ancor più vergognose sono le parole di Alfano.

Alfano ha detto soltanto che verranno intitolate a Regeni borse di studio, università o istituti culturali (la solita squallida ipocrisia) ma non ha detto una sola parola sulla denuncia del New York Times. Il suo vergognoso silenzio conferma quella denuncia. La loro vergognosa ipocrisia dimostra il sacrificio di un ragazzo morto ammazzato sull'altare degli interessi economici.

I5S2017_460X230.png



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

5 Set 2017, 10:14 | Scrivi | Commenti (78) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 78


Tags: alfano, di battista, New York Times, regeni

Commenti

 

Casini, Renzi, Alfano, Berlusco & co. Vedremo se la trinacria o almeno le nuove generazioni sono maturate o se preferiscono perpetuare l'attuale e il passato.

Barlafuss 06.09.17 19:34| 
 |
Rispondi al commento

Buon giorno. Ringrazio Oreste... da la Spezia (città complessa e delicata dove, ad esempio, opera la volpe Volpi), per la chiarezza della risposta.

La mia precisazione era a tua salvaguardia per evitare equivoci essendo io, ad esempio, un dichiarato segnalatore dei comportamenti illeciti proprio di non pochi spezzini, tra gli altri, appunto, il Volpi che ha accumulato ricchezza smisurata anche e non solo trattando petrolio nigeriano. Grande paese africano intreccio di macro-interessi tra l'ENI, la criminalità internazionale, i grovigli geopolitici. Grazie ancora per la disponibilità e la chiarezza tenendo conto che, da ultra settantenne, sia pur affezionato al MoVimento dalla prima ora, ho scarsa dimestichezza con le regole del blog e della agorà telematica. Buon risveglio a tutti.

Oreste Grani 06.09.17 06:31| 
 |
Rispondi al commento

Ma non si può correre dietro così alle beatificazioni della sinistra, soprattutto non si rende un servizio alla verità, dovuta per la morte così atroce di un cittadino italiano.
In Egitto è tragicamente finita la vita di Regeni, ma le cause sono, sicuramente, da ricercarsi in Inghilterra, dove, a quanto pare, nessuno le cerca. E si che proprio li c'è un granitico muro di omertà! Non è per nulla chiaro cosa facesse, realmente Regeni in Egitto e, soprattutto, per conto di chi. E proprio sull'inizio della vicenda....nebbia densa.

Orazio L., Verbania Commentatore certificato 05.09.17 23:32| 
 |
Rispondi al commento

Quella sotto è la mia risposta a Paolo Z.

Veronica2 05.09.17 20:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Non si capisce molto quello che scrivi. Ad ogni modo ci sono imprenditori onesti, capaci, che permettono anche ai dipendenti di star bene, mediante il loro salario. Poi ci sono imprenditori, farabutti, che si arricchiscono usando le risorse dello stato,che delocalizzano dopo aver ricevuto centinaia di milioni di fondi, imprenditori che fanno fallire le banche, perchè non restituiscono i prestiti e quelli che usano la politica per fare affari e lasciare agli italiani i danni delle loro strategie, dopo magari aver distribuito mazzette. Questo lo capisci?

Veronica2 05.09.17 20:16| 
 |
Rispondi al commento

OTTIMO ALESSANDRO SEI UN GUERRIERO e sè gli italiani vogliono x l'anno prossimo mandiamo a CASA tutti gli stronzi di dx e sx W M5S

lupodieci 05.09.17 20:04| 
 |
Rispondi al commento

Una goccia, dico una goccia di orgoglio nazionale, non di più, dovrebbe essere presente in ogni governante che dirige un Paese, e in special modo se è di “centrodestra”. Niente da fare, questi sono ciechi, sordi e muti, presi a destra o a sinistra è la stessa cosa. Mi chiedo per quanto tempo dovremmo ancora sopportare questi “mai eletti” che ti negano l’orgoglio di sentirti italiano, che anzi hanno favorito un’invasione paurosa di clandestini chiamandoli “migranti”, che non garantiscono le libertà costituzionali ma i diktat dell’Europa che loro stessi hanno controfirmato, che ci prendono per il culo quando parlano di “crescita” dell’occupazione e dell’economia. Chissà quali ragioni suicide s’inventeranno gli italiani per votarli ancora alle prossime elezioni. Ma di italiani, ce ne sono ancora?

Franco Mas 05.09.17 17:56| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Siccome non ci siamo fatti mancare nulla, sappiamo che Renzi ha acquistato un aereo blu, per portare gli imprenditori italiani a fare gli affari all'estero (così ci motivò l'acquisto del velivolo. Gli imprenditori dovevano far bella figura).Che fine ha fatto quell'aereo, lo stanno ancora usando, qualcuno ne sa qualcosa?
Abbiamo appreso da Cicchitto che Renzi portò 60 imprenditori italiani in Egitto. Curiosamente pare, stessa abitudine di Berlusconi, che portava questi sinori in Albania ecc... a fare affari.
Sempre in tema di imprenditori italiani, alcuni giorni fa, abbiamo letto che De Benedetti, possiede un cospicuo tesoro in una banca francese. Avete capito? MPS è spolpata con prestiti mai restituiti, De Benedetti, mi pare sia uno di quelli che non ha restituito il prestito. Quindi evidentemente non si fida di istituti italiani e allora i suoi soldi li porta in Francia.

Veronica2 05.09.17 17:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Alessandro, hai iniziato ad incidere il bubbone nel dipartimento estero,ma devi andare ancora più a fondo. Vi abbiamo eletti anche per far luce sulle malefatte dei nostri governi. Ci sono altre cose non trovano una spiegazione.Non mi so spiegare perchè l'Italia sia succube della Francia, direi asservita. Non capisco perchè Renzi abbia regalato spazi del mar Ligure alle Francia. Poteva farlo? In fin dei conti è andato a incidere sul patrimonio nazionale, aveva avuto mandato dal parlamento?
Chiedi a qualcuno di farti la verifica e poi rendi noto i risultati.

Veronica2 05.09.17 17:04| 
 |
Rispondi al commento

Giulio non si chiamava ne Alfano ne Casini ne come qualcun'altro della cricca politica fuori dalla realtà.
Le decisioni che prendono a cuor leggero e le dichiarazioni che fanno con il ghigno ipocrita, o il tono serio nei Tuoi confronti (Alessandro....) da maestrini delle istituzioni, non sarebbero le stesse se il figlio fosse di uno della cricca fuori dalla realtà.
Le file alle asl di questi giorni per il "diversivo" vaccini, la cricca istituzionale non le vede neanche da lontano, e nella loro ovattata e protetta realtà tutte le decisioni sono solo un alitata in più.....
Piace a tutti prenderlo col culo degl'altri...peccato per il culo che capita.....
questo è il motto della cricca istituzionale.

alberto comune 05.09.17 16:49| 
 |
Rispondi al commento

Al commento del signor Brin Shine Delle 10.30, vorrei rispondere che per calcolo non dovremmo trovare neppure la cura per il cancro.. ma lo sa quante figure professionali sarebbero in mezzo ad una strada?? E le armi.. se le guerre finissero.. sarebbe un dramma per i lavoratori..
Un paese serio e non l'Italietta governata da arraffoni votati da italioti sa, se vuole (certo dovrebbe volerlo), fare pressione su un paese partner o 'alleato' o con cui si fanno scambi commerciali o si hanno interessi. Quando si hanno accordo a smenarci se questi accordi fossero messi in discussione non è un paese solo. E poi.. esistono parecchi modi per fare pressioni, non esiste mica solo l'apertura di ostilità o la dichiarazione di guerra e neppure la rinuncia unilaterale ad un affare in comune.. ma possibile che siamo tutti così ingenui.. se non lo si fa è perché non si intende andare a fondo di una faccenda dove i risvolti sono di non conveniente diffusione. Punto. Non esiste motivo nobile alcuno.


meno male che ci sei tu, carissimo Alessandro, che ci dai la forza e la speranza di poter cambiare questo sistema marcio. Onore a te ed a tutti gli Eletti 5 Stelle. Massimo sostegno dal Popolo 5 Stelle!

Giovanni F. Commentatore certificato 05.09.17 15:47| 
 |
Rispondi al commento

REGENI E IL VERGOGNOSO SILENZIO DI ALFANO

Alessà, intervento di assoluta cialtroneria l'ha definito PierAzzurro Caltagirovago!

Lo vedi come ce trattano lì dentro st'infami?

Lì dentro se la sonano e se la cantano come je pare, approvano che je pare e non se vergognano de gnente, st'infami n'altra volta!

Lì dentro siamo in minoranza, fuori abbiamo la maggioranza, c'è solo da trovà er sistema pe' fa saltà er banco.

Arrivederci e grazie, graziella e grazialfano.

Nando da Roma.

Nando Meliconi (in arte "l'americano"), roma Commentatore certificato Commentatore in marcia al V2day Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 05.09.17 15:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

La verità sulla morte di Regeni non la possono dire né' gli egiziani ne' gli italiani, anche se è' nota a tutti. È' la dura legge della realpolitik.

Adolfo Treggiari, Romai Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 05.09.17 15:24| 
 |
Rispondi al commento

Sembra un caso classico di spionaggio ,, gli egiziani volevano informazioni da Regeni e dovevano essere importantissime visto l'accanimento con il quale hanno straziato il nostro concittadino ! Brutta storia che ha avvelenato i rapporti tra noi e gli egiziani e che fa vibrare le antenne verso il periodo delle rivolte egiziane e delle primavere arabe , esportazioni di democrazia comprese . Non si saprà mai la verità che pure traspare evidente .

vincenzodigiorgio 05.09.17 15:17| 
 |
Rispondi al commento

Incredibile.. la faccia da tolla del padre della Boschi (da lì si prova definitivamente che la mela non cade mai distante dall'albero.. la figlia avrà preso da qualcuno..)! Si è dichiarato INCAPIENTE e quindi impossibilitato a pagare la sanzione di 120.000 euro.. possiede solo un'orto! Apriamo sottoscrizione "Un aiuto subito"? Pover'uomo .. dove cenera' stasera? Alla Caritas? Maria Elena aiutalo tu.. e firma un assegnino.. dai! Sarai mica INCAPIENTE pure te?? Ma porca miseria! .. VERGOGNATEVI!


Se
Non sei un esodato
Non hai equitalia alle calcagna (come si chiama adesso?)
Non vivi nella terra dei fuochi
Non sei oppresso dalla criminalità organizzata
Non sei disoccupato over 50
Non sei cmq disoccupato
Non sei giovane , specialmente del sud
Non sei vittima di "omissis" per ragioni di stato che capiscono solo politici di stampo perpetuo
Non devi barricati in casa con allarmi, sbarre e pistole
Non provi senso di vomito di fronte alle menzogne dei politici e ai cambi di casacca
Se non vivi tutto questo e tanto altro, puoi serenamente dire che l' Italia è un bel paese. Se poi, cucini salamella alla festa dell' unità, niente di strano, è la conferma che sei felice di ciò che ti circonda.

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 05.09.17 14:53| 
 |
Rispondi al commento

Se con tutto quello che ha combinato Alfano e che combina ancora nel suo feudo raccatta voto in cambio di impieghi all'Interno del Cara di Mineo, e poltrone di varia importanza.. caso paranormale di concentrazione voti in un fazzoletto di terra, di cui si dovrebbero occupare più le procure che un operatore dell'occulto.. è ancora lì con i suoi voti nel piatto in Sicilia a tener banco significa solo che sa di poter dire e fare ciò che più lo sollazza.
Spero che duri poco e che finisca ai giardinetti a dar becchime ai piccioni assieme ai suoi compari e all'altro fenomeno da baraccone Renzi. E che qualcuno riesca poi ad arrivare alla verità.

undefined 05.09.17 14:52| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Di Battista Non tutti hanno il coraggio di parlare chiaramente.e dire le cose come stanno Mi chiedo che tipo di Cristiano cattolico e'Casini Vorrei una risposta di condanna dalle gerarchie cattoliche Che vergogna Gli interessi prevalgono ma per lui non c'e'posto penso nel regno dei cieli

laura sammartino, levanto (SP) Commentatore certificato 05.09.17 14:46| 
 |
Rispondi al commento

OT? ricordatevi che siamo tutti figli di Zohr

Egitto, ministro del Petrolio: "Eni è partner strategico"

http://bit.ly/2vHWS4v

id &as Commentatore certificato 05.09.17 14:43| 
 |
Rispondi al commento

Certo che non gliene frega un ca..zo troppi interessi in ballo dai giacimenti di gas scoperti da Eni all'appoggio in Libia con Haftar telecomandato dall'Egitto. In questo Governo di delinquenti e massoni le mazzette volano dalle case farmaceutiche con alcuni vaccini inutili obbligatori, agli aumenti nelle tariffe bancarie (Banche fallite salvate con i soldi dei contribuenti), alla tariffazione a 4 settimane per le compagnie telefoniche, alle norme sulle assicurazioni a danno dei cittadini.
LADRI BASTARDI !!

Marcello P. 05.09.17 14:26| 
 |
Rispondi al commento

ancora gira e parla quella grandissima prostituta di pierferdinando casini.....che squallore la politica italiana .


Buongiorno
Caro Di Battista vai forte li tocchi come mai nessuno ha mai fatto, per il semplice motivo che le collusioni tra di loro hanno sempre reso i dissapori molto soft e non sbattuti in faccia come giustamente hai fatto in tante occasioni... Ora stai spiegando meglio l'inghippo e la vergogna ma.. A CHI LA STAI SPIEGANDO? qui nel Blog non è sufficiente e lo sai, al Popolo, nostro coalizzato sai cosa gli resta della faccenda? la reazione scellerata, denigratoria e ipocrita di Casini, perchè l'ha vista in TV, d'accordo hanno visto anche te ma il concetto è che con quattro parole i cialtroni al governo ti mettono all'angolino...
Non è così lo sappiamo, ma non tutti, ed è proprio lì la mancanza, DEVONO SAPERE TUTTI LO SCHIFO CHE FANNO E L'ARROGANZA CHE HANNO.

sebastiano b., catania Commentatore certificato 05.09.17 14:20| 
 |
Rispondi al commento

*****
Piazza Fontana, Ustica, Ilaria Alpi, Stazione Bologna ecc, ancora nel buio assoluto con verità a seconda del momento politico: figuriamoci per Regeni. Di questi fatti non si saprà mai la verità e se ciò accadesse ci sarà sempre un grosso punto di domanda. Gli interessi di stato coprono tutto e tutti.
*****

Pietro Z., Padova Commentatore certificato 05.09.17 14:04| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Questa gente che sta al governo, sono delinquenti infiltratisi nelle istituzioni e per cacciarli bisogna agire con la forza. Si sono fatti padroni dell'Italia e degli italiani. Altro che mafiosi

Antonio Errico 05.09.17 13:48| 
 |
Rispondi al commento

per chi dice che va bene cosi', ha visto troppi film di 007.

carlo 05.09.17 13:40| 
 |
Rispondi al commento

Per la prima volta sono in disaccordo con il mio "amato" Diba.
Primo: gli interessi del paese (cioè di tutti noi) devono essere sempre superiori rispetto agli interessi (in tal caso la parola è impropria) di un singolo italiano.
Secondo: trovo incredibile che il nostro povero concittadino non si sia reso conto che quello che stava facendo, in un paese arabo, era comunque una cosa assai pericolosa. Trovo ancora più incredibile che la struttura ... universitaria (?), che gli aveva commissionato quell'incarico non sapesse dei pericoli a cui mandava incontro quel povero ragazzo. Il processo andrebbe fatto, in primis, a quella struttura, non al governo egiziano che comunque, tra mille difficoltà, deve essere considerato un baluardo contro le orde antioccidentali, come lo era il tiranno Gheddafi, che ora viene rimpianto (nonostante tutto).
Quindi caro Diba, questa volta, mi permetto dirti, stai sbagliando. Spero solo che la tua non sia solo una mossa politica opportunistica, poiché in tal caso sarebbe peggiore la mia valutazione su quanto hai detto sulla vicenda. Con affetto

paolo boccali 05.09.17 13:38| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

che regenio sia stato torturato e ammazzato per qualche motivo, su questo non ci piove. non credo gli abbiano fatto quella cattura "gratis".

se quelle motivazioni siano vere o no, non si sa. c'erano dei motivi, ma non si sa quanto veri. non e' stato provato niente.

comunque, siccome sembra non avesse, almeno al momento, commesso dei reati (niente e' stato detto su questo), se casomai fosse coninvolto in qualcosa di inconfessabile, sarebbe dovuto essere espulso dall'egitto come persona non gradita. e stop. senza gtorturare nessuno.

o esiste gia'lal tortura preventiva? ci siamo protati av<nti di aprecchio.

carlo 05.09.17 13:35| 
 |
Rispondi al commento

La cosa veramente vergognosa e che ad occupare ruoli di governo così importanti ci siano persone di levatura così infima. Gli auto definiti 'professionisti'...

undefined 05.09.17 13:19| 
 |
Rispondi al commento

Da FB:
l'unica verità su Regeni è che fa rima con ENI

Paola L., Verona Commentatore certificato 05.09.17 12:50| 
 |
Rispondi al commento

c'e' una legge, made in usa, alla quale si attengono tutte le nazioni e tutte le spa, che dichiara che quello che fa una multinazionale all'estero non puo' essere giudicato con le leggi della nazione di provenienza, ma dalle leggi dello stato in cui sta agendo.

cosi', in paesi corrotti ma ricchi di risorse, le "corporations" possono depredare e fare quello che vogliono impunemente.

carlo 05.09.17 12:39| 
 |
Rispondi al commento

l'eni e' il classico esempio di azienda pubblica dove i profitti, a livello politico e economico, sono solo privati.

mica per niente, all'epoca la gestiva scaroni, un ex galetotto.

carlo 05.09.17 12:32| 
 |
Rispondi al commento

È necessario procedere con grande prudenza. Ormai è assodato che Regeni era un agitatore delle rivoluzioni colorate made in USA ed è stato sacrificato per fermare gli interessi economici italiani in Egitto.
Al Sig. Alfano cui riconosco la bassezza umana e politica, vedi vicenda Shalabaleya, dico che per una volta ha fatto la cosa giusta. Non so per quanto tempo sarà in grado di sostenere nei fatti gli interessi italiani.


l'eni, non so prima, ma e' storia recente che sia in mezzo alle politiche estere italiane. e le dirige.

come ad es per la libia di gheddafi. i tentativi di riverginazione di gheddafi (e di conseguenza di berlusconi, suo amicone) nasce dall'eni, perche' all'epoca il petrolio libico le costava un euro al barile. e adesso la pacchia puo' essere che sia finita. cosi' nasce il rimpianto (come si stava bene con gehddafi) per quell'epoca e per il modo con cui veniva portata avanti la politica estera italiana.

qualcuno potra' dire: bene che un'azienda italiana faccia affari. ok. il problema e' che pero' l'eni, pur essendo un'azienda pagata da noi e i nostri padri con le loro tasse, cioe' e' un'azienda statale (anche se spa), a noi cittadini ci tratta come "clienti", vendendoci il petrolio libico da un dollaro al barile a prezzo di mercato. cosi' come il petrolio "italiano".

e gli enormi guadagni dell'eni dove finiscono? non si sa. anche perche' le sue azioni complessivamente non rendono niente.

carlo 05.09.17 12:21| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

non avevo dubbi, non dimentichiamo che stiamo ancora aspettando i colpevoli DI PIAZZA FONTANA e da lì in seguito !


“... sull'altare degli interessi economici.”

... sull’altare degli interessi economici, il popolo è sacrificato ogni giorno alle politiche di governanti che dall’alto decidono al suo posto.

Per una Vera Sovranità Popolare, una Trasparente Democrazia Orizzontale,
non voterò dunque alcun governante, neanche il meno peggio.
Voterò esclusivamente un Portavoce che avrà attivato una Trasparente Piattaforma e-democracy anti delega uno vale uno con cui mi dimostri, nei fatti, che intende accertare ed eseguire la volontà del popolo sovrano.

Rosa Di Bocca 05.09.17 11:58| 
 |
Rispondi al commento

Mi chiamo Oreste Gran/Leo Rugensi e non sono, non sono, non sono l'Oreste che scrive al blog senza fornire (a noi che leggiamo) il suo cognome. Per motivi che si possono facilmente capire preferirei che l'Oreste che scrive anche cose giuste (ma che potrebbe improvvisamente scriverne altre) mi dicesse come si chiama. Lo dico per lui perché essere confuso con uno scomodo come sono io potrebbe per lui essere pregiudizievole. Grazie caro Oreste e buona giornata a tutti. per quanto riguarda casini ovviamente la penso come Oreste. Così siamo in due!

Digitate nel web Leo Rugens se volete sapere cosa pensa l'Oreste che sono io.
https://leorugens.wordpress.com/


Il New York Time...che giornalaccio,scrive della fake...perchè Alfi non lo querela?
Invece per Lillo la querela è partita,le perquisizioni pure...ahhh...il potere fa fare questo ed altro se poi ci metti dentro pure il denaro..all'ora è l'apoteosi della politica!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.09.17 11:36| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Andate su Wiky.... cercate casini... e vi renderete conto!
Ecco chi ci (s)governa da anni!
Ma vi rendete conto chi avete votato per anni!
Povera Italia ridotta in macerie da grandi statisti!

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 05.09.17 11:25| 
 |
Rispondi al commento

Caro Di Battista, sei andato a chiedere spiegazioni e non te le hanno date.
Si sono infuriati, hanno criticato, offeso e anche minacciato (non ci faremo intimidire).La verità la sanno, ma la devono tenere solo per loro. Neanche si rendono conto che sono lì con un mandato, perchè qualcuno purtroppo li ha votati.
Dobbiamo chiederci se agli italiani va bene la politica estera, messa in atto, nel tempo, da questi partiti.L'impressione è che se ne sa molto poco, la prova è la risposta di ieri.
Renzi è andato in Egitto con 60 imprenditori, (sappiamo chi sono?) a fare affari e c'è di mezzo, sempre lei: Eni. Lo stesso giorno ci fanno trovare un italiano torturato e ammazzato. Alfano dice che bisogna soprassedere.
Sempre con il governo Renzi, gli imprenditori sono andati nei paesi dell'ex Unione Sovietica a fare affari. Noi dobbiamo sopportare la posa di un gasdotto, privato, nel territorio pugliese.
Poi in Libia, al governo Berlusconi e la Lega, firmano Dublino, Berlusconi partecipa a destabilizzare la Libia, Renzi firma Triton e a noi tutti gli africani da mantenere, tutto questo pare per far spazio a Eni.
Ora possiamo dire che forse Berlusconi non ha saputo misurare le sue ambizioni. E' un dato di fatto che la Libia si stava espandendo, che la Francia temeva per la sua moneta africana, che forse anche gli usa temevano per il dollaro.
Allora il pd la Lega, Fi ecc.. hanno portato avanti questo genere di politica e gli italiani ne pagano le conseguenze, ma è quello che vogliono? Gli imprenditori che devono fare business, sono quelli di Cernobbio?
Onorevole Di Battista, fai luce in questo pantano, deve essere fondo parecchi metri, e facci sapere.

Veronica2 05.09.17 11:19| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Ma al di là di Alfano che bisogna fare? Dichiarare guerra all'Egitto?

Benny leoci 05.09.17 11:09| 
 |
Rispondi al commento

Chiariamoci.
Un pò di tempo fa, i giornali non erano affidabili e sono destinati a schiattare.
Adesso si dice che un giornale, addirittura americano ( aiuto!!!), ha sentito che ci sono prove sull' omicidio di Regeni.
1)O i giornali sono affidabili, o non affidabili.
2) Questo ricercatore è morto? Pazienza. Altrimenti dovremmo dichiarare guerra all'India, agli USA, Libia, Libano.... ovvero tutti gli stati che sono coinvolti nella vita / morte di nostri connazionali.

Paolo TV

Paolo Z., Crocetta Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 05.09.17 10:46| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

CASINI
Ho sentito che casini ha avuto pure il coraggio di replicare blaterando di intervento "cialtronesco" lui! un soggetto che vive sulle spalle degli italiani da una vita. Che non ha mai lavorato in vita sua e che la sua unica preoccupazione è stata sempre quella di conservarsi la poltrona. L'emblema del cialtronismo italiano. Ma quando riusciremo a spazzare via dalle istituzioni soggetti del genere? C'è poi chi fa addirittura un calcolo economico! Una meschinità degna di questo miserevole paese. I soldi non possono mai compensare l'orgoglio e la fierezza di un popolo. Vorrei vedere se lo avessero fatto agli USA o a Putin. O mores o tempora!

giovanni ., Roma Commentatore certificato 05.09.17 10:45| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Caro Di Battista, sei ancora un giovane pasionario e dovresti riflettere molto prima di esprimerti cosi’ accoratamente.
Regeni e’ stato molto sfortunato, ma ha sbagliato anche molto.
E’ ormai chiarissimo a tutti che e’ stato vittima di servizi segreti egiziani.
MA:
-Se era veramente, consapevole o inconsapevole, un agente segreto anche lui, ha sbagliato molto a fidarsi di personaggi chiaramente inaffidabili
-Se invece era solo un ricercatore, ha sbagliato molto ad addentrarsi in argomenti ed inchieste che, chiaramente davano fastidio ad un governo in grandi difficolta’.

In ogni caso, la domanda che devi porti adesso e’:

L’interscambio commerciale e produttivo tra Italia ed Egitto e’ MOLTO consistente.

Quante imprese produttive, vuoi che diminuiscano il loro lavoro, chiudano, falliscano, delocalizzino ???
Quanti dipendenti vuoi che rimangano senza lavoro ???
Quanti puoi portarne a casa tua vitto ed alloggio ???

La politica e’ arte di COMPRENDERE e VALUTARE.
Lascia perdere estremismi INCONSAPEVOLI.

Questo, comunque, dimostra chiaramente, come NESSUNO che non abbia almeno una minima esperienza di lavori PRODUTTIVI, sia minimamente in grado di fare politica.

bron shine 05.09.17 10:31| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

è sempre la solita storia vergognosa..
e i cittadini per difendersi hanno un unico mezzo:
mandarli a casa, per non vedere più la faccia di Casini!
cittadini, sveglia!

pasquale 05.09.17 10:28| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori