Il Blog delle Stelle
Gioco d'azzardo: la tremenda storia di Massimo

Gioco d'azzardo: la tremenda storia di Massimo

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 19

di Chiara Appendino

Ci tengo a condividere con voi questa lettera. Qui ci sono tutti i motivi che ci spingono a batterci con tutte le nostre forze contro la piaga del gioco d’azzardo patologico. A nome mio e di tutta la Città di Torino voglio ringraziare di cuore Massimo per aver avuto la forza di scrivere queste parole.

————————————————————

Per tutelare la mia famiglia e il mio lavoro mi presento solo come Massimo.

Sono un ex giocatore delle slot machine e scrivo questa lettera aperta che non è altro che una riflessione e mi auguro possa servire a qualcuno.

Per prima cosa domandati perché stai leggendo questa mia lettera, sono due le opzioni: o sei curioso di leggere come certa gente ( che magari reputi anche stupida ) si è rovinata giocando alle slot, oppure sei un giocatore e di conseguenza ti senti toccato.

Se fai parte dei giocatori abbi il coraggio di ammettere a te stesso che HAI UN PROBLEMA come l’ho avuto io, ma la buona notizia è che i problemi si risolvono, e se ci sono riuscito io che sono il Signor nessuno, tutti ci possono riuscire.

Gioco d’azzardo: una droga silenziosa

Il gioco d’azzardo patologico è una vera e propria droga proprio come il tabacco, l’eroina, la cocaina ecc.., solo perché non si assume fisicamente nessuna sostanza non vuol dire che non crei dipendenza, anzi molto spesso è molto più deleteria e molto più distruttiva in quanto subdola, è subdola perché ci si accorge tardi di avere un problema, è subdola perché la trovi sotto casa, è subdola perché adesso è addirittura in casa tramite un semplice computer, è subdola perché anche la televisione pubblicizza il gioco online, è subdola perché ogni cosa che ha come fulcro il denaro non guarda in faccia a nessuno.

Ho usato il prefisso “ex“ giocatore – e lo reputo sbagliato, in quanto a mio modo di vedere essere convinti di aver smesso definitivamente con una qualsiasi dipendenza, elimina la paura di ricaderci e proprio per questo motivo è facile che ci ricadi, mi spiego meglio, il falegname che non ha paura della sega circolare probabilmente si taglia un dito, l’ex fumatore convinto che una sola sigaretta (magari offerta) non lo possa far ricadere nella dipendenza molto spesso è proprio il motivo per cui ci ricade, per cui non voglio definirmi “ex”, ma la definizione giusta è che sono TERRORIZZATO dai video poker.

Questo è uno dei motivi per cui inizia una qualsiasi dipendenza, la NON paura nei confronti di quello che si sta per provare, e questo accade per molti motivi che vanno dalla non conoscenza specifica, alla spavalderia intesa come “ io non sono mica scemo, non ci cascherò mai e smetto quando voglio! “.

Sappi che non voglio farti la morale e dirti quanti soldi stai buttano o dirti che giocare è deleterio, sono tutte cose che sai già, provo solo a dirti come ho IMPARATO ad avere il terrore delle slot machine.

Come tutto ha avuto inizio

Ho iniziato prendendolo come uno svago, un momento di relax e magari vincere qualcosa, l’ambiente mi ha catturato e rapito, ero lontano da tutti i problemi e i fastidi della vita.

Come tutte le dipendenze si comincia poco alla volta, ricordo benissimo di aver giocato 70 Euro, che sono pochi e nello stesso tempo sono molti, era il contante che avevo in tasca, una volta uscito dalla sala quel giorno dissi a me stesso che era una cosa da pazzi entrare in quei posti e la cosa sembrava terminata li.

Il giorno seguente avevo un’ora libera e questa sala era a 1 Km dalla mia abitazione, andai a prelevare proprio lì a fianco e memore di aver perso 70 euro il giorno precedente dissi a me stesso di ritentare, tutto sommato 70 euro non mi mandavano in fallimento, ma il fatto di averli persi mi infastidiva, mi dicevo che non era possibile e che me li dovevo riprendere, quel momento lo ricordo benissimo e fu il momento in cui senza saperlo è iniziata la mia dipendenza, e infatti anche quel giorno buttai via altri 100 Euro, senza vincere nulla.

Nei giorni seguenti ritentai sempre con 50 o 100 Euro, rivolevo i miei soldi, e dopo una decina di giorni successe quello che mi portò alla rovina, vinsi ben 5000 Euro, come puoi immaginare ero sulle nuvole, ero contentissimo e abbondantemente appagato, ebbene vincere fu la mia rovina,

Vincere ti da fiducia e ti da l’illusione che tu non possa mai perdere o che comunque se provi oggi e provi domani prima o poi ti pagano, nulla di più falso, inutile dire che nel giro di una settimana me li ero rigiocati tutti e anche di più.

Le sfumature che portano a giocare tanto e assiduamente sono molteplici e non basta una lettera per analizzarle.

La discesa verso il baratro…

Con il tempo la frustrazione si era impossessata di me in tutti gli ambiti, dalla vita privata alla vita sociale, ero diventato schivo, nervoso e BUGIARDO, si bugiardo perché a casa dovevo trovare ottime scuse per giustificare la sparizione dei risparmi e non esiste cosa peggiore e puoi immaginare il perché.

Ma come sono arrivato ad avere il terrore?

Per 5 anni sono stato completamente dipendente, fino ad un anno fa quando mi sono ritrovato a dover fare i conti con tutti i debiti accumulati giorno per giorno, che alla fine sono diventati una vera e propria bomba, non avevo soldi per il mutuo, non avevo soldi per pagare la corrente, non avevo soldi per il gas, non avevo soldi per il cellulare, né tanto meno per portare la famiglia in vacanza e nemmeno per mangiare una pizza al ristorante, ero completamente assorbito da questa malattia che mi portava a inserire in quelle dannate macchine fino all’ultimo centesimo a disposizione.

Dopo varie vicende che mi dilungherei troppo a raccontare ero arrivato ad avere cattivi pensieri, quei pensieri davvero terribili che ti passano per la testa e che giorno per giorno maturano dentro di te fino a pensare di metterle in pratica, perché ti convinci che sia l’unica via di uscita, e sto parlando dell’atto estremo che un uomo possa fare. Ora non voglio né pronunciare né scrivere quell’orribile parola che senz’altro hai capito, solo a pensare a quella parola mi vengono i brividi memore di come mi sentivo.

Gioco d’azzardo: uscirne si può

Nel mio caso la svolta è stata osservando una foto, precisamente la foto di mio figlio nel pieno della sua pubertà, in quell’istante ho realizzato VERAMENTE che aveva bisogno di me come io avevo bisogno di mio padre alla sua età, realizzai che non potevo essere ricordato da lui come un fallito ma soprattutto non potevo essere ricordato da lui come un non padre.

Da quel momento tutti i soldi che mi passavano per le mani obbligavo me stesso a darli a mia moglie ( sempre stata ignara del mio problema anche se sospettosa ) feci una riflessione e presi una decisione, decisi di andare comunque nella sala slot non come giocatore ma solo come osservatore con niente in tasca, e con niente intendo proprio zero soldi! Non portavo nemmeno il bancomat per non farmi prendere dalla voglia di prelevare. Iniziai ad analizzare i comportamenti delle persone mentre giocavano ed è tremendamente sorprendente quello che si percepisce e si comprende da osservatore, potrei stare ore a raccontare aneddoti e situazioni.

Quello che osservavo io era quello che gli altri vedevano in me stando al di fuori e mi ha completamente aperto gli occhi, in quei giorni ho cominciato ad avere paura delle slot, questa paura è cresciuta a tal punto che non ho più inserito un centesimo ed è un anno che non gioco.

Rivedere un futuro
Oggi sono completamente terrorizzato e ogni persona che vedo giocare anche al bar vorrei avvicinarmi e fargli un discorso di ore per farlo smettere, questa dipendenza uccide senza saperlo.

In conclusione quello che mi ha dato la forza di uscirne è stato l’amore.

Troppe volte questa parola viene usata a sproposito, o viene percepita come una parola da usare in un romanzo, qui è tutto reale, non ho bisogno di romanzare nulla, se avessi pensato solo a me probabilmente adesso sarei a dormire in stazione a Milano, ma fare male alle persone che ti amano ti ferisce nell’anima e questo non lo posso permettere.

Quindi caro giocatore, non devi smettere perché perdi soldi, non devi smettere perché potresti diventare un senza tetto, non devi smettere perché stai distruggendo la tua vita, devi smettere perché stai distruggendo la vita di chi ti ama e ha bisogno di te, loro non devono pagare per i tuoi errori, fosse anche solo il tuo cane.

Naturalmente sto pagando ancora le conseguenze e so che per ritornare al tenore di vita che avevo prima ( un tenore di vita normalissimo ) ci vorrà qualche anno ma sono sereno, sono tornato a sorridere, sono tornato a godere della mia vita fatta di piccolissime cose, la serenità e la consapevolezza mi rende forte e fiducioso per il futuro.

Considero la mia esperienza con le slot come fosse una grande storia d’amore, purtroppo la donna di cui mi sono innamorato era estremamente pericolosa e ho voluto e dovuto lasciarla per non morire, rimarrà nel mio cuore non come un bel ricordo ma come puro terrore.

Se tu che stai leggendo pensi che le mie parole possano essere esagerate, devi sapere che molte persone sono state o sono nella situazione da me descritta, non hanno il coraggio di dirlo come non lo avevo io, sono molti di più di quello che si possa pensare e sono persone normalissime che faticano a gestire le proprie debolezze e vanno aiutate

Insieme possiamo combattere questa piaga
In ultimo vorrei sensibilizzare i giocatori a farsi avanti e a chiedere con forza ai loro comuni o agli enti competenti di introdurre l’autoesclusione , proprio come avviene nei Casinò o nel gioco online.

Dovete chiedere che all’entrata delle sale ci sia un controllo sull’età in primis e inoltre chiunque deve avere la possibilità di chiedere di essere escluso, più volte preso dallo sconforto pensavo che se non mi avessero fatto entrare non avrei perso soldi e mi sarei rassegnato, ma questa possibilità nelle sale non esiste, so che di sale ce ne sono moltissime ma è anche vero che una volta che ci si è autoesclusi dalle sale nelle vicinanze si è sempre più scoraggiati a fare molti chilometri per andare a giocare, o perlomeno si limitano i danni, questa cosa credo fermamente che possa aiutare parecchie persone, so per certo che il comune di Torino sta lavorando per cercare di arginare questo fenomeno e mi auguro ci siano iniziative di propaganda informativa e legislativa.

Massimo



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

2 Ott 2017, 08:51 | Scrivi | Commenti (19) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 19


Tags: appendino, azzardo, gioco, lettera, massimo

Commenti

 

Un Paese che "diseduca" la sua gente con I suoi giochi d'azzardo, è un PAESE che non ama, non protegge, non "forma" in maniera positiva I suoi "figli".

Fino alla metà del 1900, la famiglia e il lavoro erano le prioritá assolute, ora invece l'esempio negativo sta dilagando, si è alla ricerca di espedienti umilianti, di soprusi, menzogne, azioni delinquenziali x emergere e ottenere il MASSIMO, col MINIMO sforzo...

Ora l'ITALIA non mi piace più!!!!!!!!!

AD MAIORA!
Paola

Paola Zito 03.10.17 10:13| 
 |
Rispondi al commento

OLTRE 185.000 FIRME RAGGIUNTE !

Credo molto nella petizione pro Gabanelli e per un suo ritorno in rai in un ruolo che le compete. Firmare significa mostrare un segno tangibile che il servizio pubblico deve essere degno di tale qualifica mentre è sotto agli occhi di tutti che la lottizzazione è da sempre l' obiettivo del potere per pilotare l' informazione .

Ho firmato la petizione "Direttore generale della Rai: Io sto con Milena Gabanelli" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?

Ecco il link:

https://www.change.org/p/direttore-generale-della-rai-io-sto-con-milena-gabanelli?utm_medium=email&utm_source=petition_signer_receipt&utm_campaign=triggered&share_context=signature_receipt&recruiter=780507088

Fuori i partiti dalla rai !
Fuori i partiti dalla rai !

Fabio T., Vicenza Commentatore certificato 03.10.17 00:56| 
 |
Rispondi al commento

Signor Massimo mi spiace per lei ma sono mortalmente stufo di dover assistere ad una deriva autoritaria e proibizionista per tutelare persone come lei. Non solo accosta tabacco ad eroina e quindi, immagino, una birra alla stricnina ma trascina una discussione che scatena una fila di luoghi comuni che passano per il "vietare"tutto ciò che,si dice, faccia male.
Io non sono daccordo, un po di alcool, qualche sigaretta, un po di sonno im meno, carne rossa e qualche alro stravizio di cui magari su due piedi non mi viene...e quindi anche un po di gioco NON SONO IL DEMONIO ed io non mi sento ne in colpa ne ho rovinato la vita di nessuno per giocare oramai da 4 anni a poker on line ed al 10 e lotto.
Grazie a questi giochi ho messo da parte dei soldi con cui ho pagato le due patenti delle mie figli ed alcuni lavori per la casa.
Al gioco non si vince mai ma si può spendere meno di quella cifra che ognuno in base alle sue finanze può dedicare a questo vizio.
Io non fumo ma metto 70 euro il mese nei giochi e siccome ne perdo meno(quasi nulla) alla fine dell'anno riesco a capitalizzare molto più di quanto non abbia fatto perdendo in investimenti o in immobili(che valgono la metà di quando li ho comprati).
Non cerchi nell'amore od in altri sentimenti chissa quale forza ma consideri che essere adulti implica confrontarsi con la realtà che è fatta anche di desideri e vizi che da bambini ci dominano ma da adulti dobbiamo dominare noi. In vece di condannare il gioco provi a darsi un limite e lo rispetti, coltivando così la fantasia di divemntare ricco senza rovinare nessuno.
Anche a tutti gli altri pensate a non imporre le vostre regole ma cercate di rispettare i comportamenti di tutti io non chiamo "enigmisti compulsivi"chi spende centania di euro al mese in quiz e sudoku e non giudico chi spende centinaio di euro per palestre o bispace e voi non giudicate me se voglio farmi qualche partita a poker....se volete vietare fatelo in casa vostra se il coniuge ve lo permette, Grazie.

andreacannelli 02.10.17 20:30| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Purtroppo ho un difetto: ricordo quando su un problema c'è contraddizione.
Poco tempo fa, in un Post, si è espresso sulla stessa questione il senatore del Movimento 5 Stelle, Giovanni Endrizzi, il quale era favorevole alla linea interventista. In quella circostanza un iscritto certificato attaccò la linea di Endrizzi e segnalò un mio commento favorevole alla linea dura, come inopportuno, tanto che fu cancellato.
Come la mettiamo?
Siamo (siete) favorevoli al gioco d'azzardo o contrari?

Maria 02.10.17 19:57| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

....c'è poco da commentere...come tutte le droghe, perchè di droga si parla, devono essere abolite...tabacco in primis...non sono un giocatore di slot o video poker ma ma un accanito fumatore si...non capisco perchè lo stato autorizzi piaghe simili....ricordo da bambino se ci prendevano a giocare a zecchinetta...ci arrestavano !!!...e adesso ????...è tutto legale....sapete al Servizio Sanitario Nazionale la cura del tumore al polmone????....NOOO!!!...sempre meno di quanto li stato ci guadagna....e questo vale anche per il gioco d'azzardo...io aNTONIO pERRI propongo l'abolizione dei TABACCHI e del GIOCO D'AZZARDO su tutto il territorio nazionale.....solo cosi riusciremo a debellare queste piaghe....

antonio perri 02.10.17 19:12| 
 |
Rispondi al commento

DA GIOCO ILLEGALE A GIOCO D'AZZARDO LEGALE E LA DRAMMA SOCIALE

È nuovo record per l’azzardo in Italia 2016 “giocato” ben 95 miliardi di euro: 260 milioni al giorno, 3.012 euro al secondo.

Malgrado crisi e problemi economici, o forse proprio per questo, c’è stato un aumento di 7 miliardi, l’8% in più rispetto agli 88 miliardi spesi nel 2015.

LO STATO TRA ENTRATE ERARIO E SPESE PER MALATI DEL GIOCO CI RIMETTE!!!???...

Shahab Shirakbari, TERNI Commentatore certificato 02.10.17 18:44| 
 |
Rispondi al commento

Grandissimo rispetto per questa persona che ha avuto la forza di bloccare e di analizzare la sua azione autodistruttiva.

Maria P., bologna Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 02.10.17 18:00| 
 |
Rispondi al commento

Bravo Massimo, mi ricordi quando io smisi di fumare, mi ci volle un annetto di auto convincimento, e quello che mi ha dato la forza è stato capire che solo se si vuole per davvero, ci si riesce, come hai fatto tu. Chi dice che non c'arriva è perchè in fondo non vuole. A parte questo, trovo che solo una classe "dirigente" come la nostra, può arrivare a permettere tutto quello che ti è capitato, e a quante decine o centinaia di migliaia di altri concittadini, che poi ci tocca pure curare da quella che è una vera e propria malattia. E tutto questo per aggiustare i conti, i bilanci che non son capaci di far quadrare. Poi il buon Umberto Rapetto, ai mafiosetti in formato biscazzieri, li aveva sanzionati a dovere, ma la classe di cui sopra, ha invece alla fine sanzionato lui. Ma cosa vuoi sperare da simili politici, sono peggio delle locuste. Ma finirà sai, eccome che finirà! Spero solo che per cacciarli non serviranno azioni di forza, come loro fanno politicamente nel caso della legge elettorale. Bravo ancora Massimo

mauro bertoni, Trieste Commentatore certificato 02.10.17 17:36| 
 |
Rispondi al commento

Il problema è più presente che mai,nel mio piccolo paese tutte le volte che vado a fare un pagamento al tabaccaio vedo sempre 3/4 donne in fila per giocare d'azzardo con i numeri del lotto e con gratta e vinci,non ci sono le slot ma è la stessa e identica cosa,numeri ritardatari etc.Mi fanno una pena.Io vivo con uno stipendio e siamo in 4,viviamo dignitosamente e con i salti mortali riusciamo anche a fare una vacanza all'anno(bassa stagione!),l'unico gratta e vinci che per rito ci concediamo una volta all'anno è quello di rientro dalle vacanze(da 1 euro) che sappiamo già al momento di comprarlo saranno soldi buttati,ma ci aiuta a ricordare che sarà un'altro anno di sacrifici e non esistono strade più facili da percorrere.Una volta abbiamo vinto 10 euro!Mia moglie.."al prossimo autogrill ne compriamo 10!" e io.."col caxxo!quest'anno vinciamo noi!".
Grazie Massimo per la tue parole.Esistono ricchezze incomparabili tutte intorno a noi fatte di esperienze e rapporti umani da recuperare.Se non capiamo questo la nostra società è già spacciata.Buone cose a tutti.

giuseppe cinquw, giuseppecinque76@gmail.com Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 02.10.17 10:59| 
 |
Rispondi al commento

E' una piaga che va combattuta anche perchè è strettamente collegata con il malaffare e anche se lo stato in parte ci guadagna poi lo rispende per riparare i danni che il gioco fa alla collettività.
Mi sono giunte voci che addirittura le società che dovrebbero fare manutenzione e controlli alle macchine sono anchesse colluse e avvertono quando vanno a fare i controlli in modo tale da far risultare tutto in ordine.

sergio gilioli 02.10.17 10:33| 
 |
Rispondi al commento

Grazie ,lettera toccante ,forza

elena guerini, bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 02.10.17 10:04| 
 |
Rispondi al commento

Ottima idea quella di pubblicizzare la "confessione" di Massimo. Chi lucra sul gioco d'azzardo ha una potenza economica enorme, che gli consente di corrompere persone a tutti i livelli.

A cominciare, per esempio, dai pubblicitari che fanno uno spot Tv in favore del gioco, ma poi la precisazione, obbligatoria per legge, "Il gioco può creare dipendenza patologica" la fanno dire tanto in fretta che non si riesce a capirla; e dai canali TV che quegli spot mandano in onda.

Leonardo Libero, TORINO Commentatore certificato 02.10.17 09:47| 
 |
Rispondi al commento

Giocare d'azzardo è una dipendenza, tutti lo sanno.Ma le conseguenze di certe scelte vanno pagate. Lo stato attuale è camorristico nelle sue scelte è vero, ma non credo che il divieto possa eliminare questa piaga.
Ci vorrebbe il ricovero coatto per certi malati.
Ritornare a Dio è un altro sistema per ritrovare se stessi e ripartire.

Bruno Fiocca 02.10.17 09:42| 
 |
Rispondi al commento

Ho letto la lettera..è toccante,ma c'è una terza opzione:
Perchè uno stato civile deve promuovere il gioco sopratutto in condizioni economiche precarie dei suoi cittadini?
Perchè poi riconoscendone i suoi danni si impegna per la guarigione dei giocatori?
Due cose vergognose che solo uno stato di delinquenti può pensare di attuare nei confronti dei suoi cittadini.
ps: ti ringrazio per il coraggio avuto nel mettere i tuoi problemi sul blog.

oreste .., sp Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee 02.10.17 09:33| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori