Il Blog delle Stelle
Giustizia per i risparmiatori siciliani truffati

Giustizia per i risparmiatori siciliani truffati

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 5

di David Borrelli e Gaetano Roberto Filograno

Lo scandalo che ha coinvolto le ormai tristemente celebri banche venete non ha confini. Banca Popolare di Vicenza acquisì nel 2002 Banca Nuova - istituto di credito con sede a Palermo -, trascinandola nel "semi-crack" che ha coinvolto migliaia di cittadini e piccoli risparmiatori, sia nel Nord Italia sia in Sicilia. La formula è sempre la stessa, ciclicamente di ripete: non importa che tu sia un pensionato, uno dei pochi lavoratori che è riuscito a mettere da parte qualcosa, o un malato di Alzheimer. A loro interessa venderti il pattume, rifilarti con qualche formula magica della spazzatura finanziaria. Perché una volta che vi sarete fidati e comprerete delle azioni subordinate o altre schifezze simili, i vostri soldi potrebbero essere polverizzati. Ecco cos'è successo ai risparmiatori siciliani, azionisti e clienti di Banca Nuova, un istituto di credito che nel giro di un decennio è stato venduto, è "scoppiato" ed è poi stato ceduto a Banca Intesa al prezzo simbolico di 1 Euro. Il tutto mentre i soldi dei cittadini, i vostri e nostri soldi, navigavano in questo mare in tempesta fatto di cattivo management e truffe camuffate da investimenti sicuri.

Oggi, che le acque si sono solo apparentemente calmate, iniziano a delinearsi i profili dei cittadini siciliani che hanno perso i risparmi di una vita: un professionista che ha visto sparire 200 mila Euro di colpo; un'anziana malata - che percepisce la pensione minima - a cui sono stati sottratti 30 mila Euro; un ragazzo di 18 anni che ha visto sparire oltre 6 mila Euro e che veniva catalogato dalla banca come "investitore esperto" e percepente un reddito importante, peccato non avesse un lavoro. E poi imprese siciliane messe in ginocchio e altre centinaia di persone truffate.

Per le piccole e medie imprese, in particolare, il meccanismo era ancora più perverso: venivano concessi finanziamenti destinati agli investimenti e alla sopravvivenza stessa delle aziende in cambio dell'acquisto di azioni. O meglio, in cambio di cartastraccia, rivelatasi spazzatura finanziaria. È il ricatto in assoluto più becero e infame che un istituto di credito possa proporre a un imprenditore, che i soldi li usa per creare lavoro e occupazione. E non, al contrario, per vedere polverizzati i risparmi in una logica suicida.

Lo scorso luglio la controllata Banca Nuova è stata condannata a restituire circa 47 mila Euro a un imprenditore siciliano per l'acquisto di azioni della controllante Banca Popolare di Vicenza che non avevano più valore corrente, a causa come detto delle vicissitudini dell'istituto di credito vicentino. È solo il primo di una lunga lista. Ogni cittadini dovrà essere risarcito fino all'ultimo centesimo, perché non si tratta di soldi persi a fronte di un rischio calcolato, ma di risparmi estromessi col ricatto o estorti grazie a un rapporto di fiducia.

Noi siamo, e saremo sempre, schierati dalla parte del popolo. Abbiamo lanciato (grazie ai fondi derivanti dal taglio degli stipendi dei parlamentari regionali veneti) una grande azione legale presso la Corte di Giustizia Europea dei Diritti dell'Uomo, sia per la tutela del risparmio e dell'integrità dell'individuo, sia per la salvaguardia e il futuro delle imprese. Non sarà chiesto un solo Euro ad alcuno. Verranno poste nero su bianco, anche a livello internazionale, le omissioni di chi doveva controllare: Bankitalia in primis. E di chi doveva tutelare, ovvero lo Stato, e non l'ha fatto. Già, lo Stato, che è riuscito a trovare in fretta e furia ben 20 miliardi di Euro (a debito, sempre dei cittadini) per salvare Monte Paschi di Siena, senza contemporaneamente ripulire il management e allontanare quei partiti che hanno creato il disastro. Ad essere polverizzati dovrebbero essere loro, questo duo inverecondo costituito da banchieri disonesti e uomini "amanti della cosa pubblica", non i risparmi dei cittadini.



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

14 Ott 2017, 08:01 | Scrivi | Commenti (5) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 5


Tags: banche, Borrelli, cedu, Filograno, risparmiatori

Commenti

 

le azioni a delinquere delle banche fallite contro i propri risparmiatori e piccoli/grandi azionisti truffati, da Vicenza alla Sicilia, rivelano drammaticamente le gravissime responsabilità dei cosiddetti sistemi di (non)-controllo della Banca d'Italia e del governatore I. Visco, dipendente ossequiente dei padroni della stessa Banca d'Italia, ovvero delle banche private e dei loro loschi affari.

marval2012 14.10.17 20:07| 
 |
Rispondi al commento

Forza 5 stelle,forza noi

elena guerini, bergamo Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 14.10.17 13:39| 
 |
Rispondi al commento

Banca nuova, inchiappettata vecchia, marchio DC, come lo ius sola.

mario genovesi 14.10.17 13:29| 
 |
Rispondi al commento

I rapinatori non vanno più in banca perché dovranno mettersi in fila.
Se nessuno di questi responsabili verrà ammanettato la questione la vedrò nera.
Ho deciso di non fare più investimenti in banca perché non mi fido di loro e non ho tempo di leggere "LITANIE CONTRATTUALI" fatte da avvocati per avvocati e non per i cittadini.

giovanni c. Commentatore certificato Commentatore in marcia al V3day Commentatore che partecipa alle Europee Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2015 Commentatore che ha donato a Rousseau Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2017 14.10.17 12:49| 
 |
Rispondi al commento

mio nonno diceva: le banche ti offrono l'ombrello quando non piove.
Oggi si può dire: le banche ti portano via i soldi con o senza pioggia.

mzee.carlo 14.10.17 08:34| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori