Il Blog delle Stelle
2018 con stangata europea: pronti i tagli per le Regioni del Sud Italia

2018 con stangata europea: pronti i tagli per le Regioni del Sud Italia

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 6

Intervento di Rosa D'Amato, Efdd - MoVimento 5 Stelle Europa, tenuto al Parlamento europeo durante il meeting con i parlamentari nazionali sul futuro della politica di coesione.

Cari parlamentari, le Regioni più povere d'Europa oggi rischiano grosso. La proposta della Commissione sul quadro finanziario pluriennale post 2020 è una stangata sulla politica di coesione. Già adesso c'è una cattiva percezione della politica di coesione da parte dei cittadini, la sua complessità causa diffidenza verso l'Unione europea; i contribuenti non comprendono l'obiettivo della coesione, non ne conoscono le opportunità e i risultati.

In Italia, in particolare nel Sud Italia, sia per una scarsa informazione, sia per un più che discutibile uso dei fondi, la politica di coesione non è credibile. È rimasto alla storia l'utilizzo di fondi europei per finanziare un concerto di Elton John a Napoli. Ricordiamo, inoltre, i risultati di alcune regioni. C'è chi vuole creare lavoro, ma non può impiegare 2000 giorni per finanziare un'impresa o addirittura 1.211 giorni (3 anni!) per approvare un unico progetto.

La soluzione non è il taglio indiscriminato dei fondi o le regole punitive dell'austerity e quindi le macrocondizionalità economiche. Invece la proposta di questa Commissione sarà una riforma sempre più sottomessa a condizioni, vincoli di bilancio e riforme strutturali. Mi rivolgo ai eletti dei parlamenti nazionali: come spiegherete ai vostri cittadini che senza selvagge liberalizzazioni e privatizzazioni, senza tagli alle pensioni e agli ospedali pubblici, non ci saranno i fondi europei di coesione?

Per il gruppo Efdd - MoVimento 5 Stelle nessun taglio deve essere fatto all'unica politica realmente redistribuitiva dell'UE, né alla quota percentuale né all'allocazione totale. Altrimenti è inutile riempirsi la bocca della necessità di una politica di investimenti.

Faccio appello ai governi degli Stati membri, al governo italiano, alle forze politiche che li appoggiano, e in Italia al PD e a Forza Italia fedeli esecutori dell'Unione europea:

- opponetevi al taglio per le Regioni più povere
- lottate perché i cofinanziamenti regionali e nazionali siano esclusi dal calcolo dei disavanzi pubblici nazionali.
- lottate affinché siano usate le risorse del Fondo sociale europeo per istituire un regime di reddito minimo inesistente in Italia e in Grecia".

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:
scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

29 Nov 2017, 09:05 | Scrivi | Commenti (6) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 6


Tags: europa, m5s, meridione, regioni del sud, rosa d'amato, tagli

Commenti

 

Qua ci vuole una "divisione dei beni",altro che economia condivisa.
Ogni stato sprechi il suo.
Purtroppo è una utopia in un mondo globalizzato.
Tutto è utopia nel mondo globalizzato...lo sarà sempre più il lavoro e poi anche la felicità.

Lorenzo Accornero 01.12.17 08:32| 
 |
Rispondi al commento

FACCIAMO IL SOLDO ITALIANO E USCIAMO DALLA TRAPPOLA EUROPA. .PARLATENE LA GENTE VUOLE SENTIRE

ANNA TUZZOLINO, Trino Commentatore certificato 30.11.17 07:06| 
 |
Rispondi al commento

a regà!
I 20 consigli regionali vanno abrogati, sono 20 buchi neri che assorbono oltre 150 MILIARDI di EURO all'anno!!!!
Le regioni così concepite NON servono ad una ceppa di lippa se non ad ingrassare le solite cricche partitiche, per attuare il vero federalismo sono sufficienti le 110 Province, con alcune semplici modifiche politiche/strutturali si risparmierebbero 100 di quei 150 MLD oltre ad eliminare feudi di potere dalle mani della partitocrazia aderente o subalterna alla criminalità organizzata di stampo mafioso.
Essendo le Province più per aree e interessi economici sarebbero più facili da gestire e controllare finanziariamente da un Ministero ad hoc.

Il M5S rifletta seriamente su questa possibilità che permetterebbe di liberare ingenti somme di denaro da investire realmente per ridurre la pressione fiscale e il debito pubblico giunto a 2300 MILIARDI.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 29.11.17 11:27| 
 |
Rispondi al commento

Questi interventi vanno meglio strutturati, perché messi così non sono comprensibili a chi di politica non ne mastica,e non pongono in maniera evidente le soluzioni

A L., roma Commentatore certificato 29.11.17 10:56| 
 |
Rispondi al commento

in questo periodo la Regione Lazio sta elargendo denaro (anche fondi UE) per finanziare iniziative comunali/locali in previsione delle prossime elezioni regionali.
Praticamente fanno campagna elettorale con i soldi pubblici, modus operandi consolidato in questa Italia di spendaccioni, preferendo investire il denaro in progetti secondo convenienze partitiche.

Tale sistema politico/amministrativo elargitorio è usuale più o meno in tutte le 20 Regioni.

Clesippo Geganio, LT Commentatore certificato 29.11.17 10:24| 
 |
Rispondi al commento

Beh, vabbè, se guardiamo agli sprechi in generale l'Italia non è così diversa dagli altri Stati membri, specie se pensiamo alle inutili spese di palazzo (Lussemburgo in primis) o agli aiuti sociali ai calciatori (ridicolo!) o persino ai concerti di rutto di gruppi inglesi, sempre finanziati dall'Europa, per comprendere che l'intera UE è da disfare. La soluzione? Fuori dall'UE e dall'euro il prima possibile...

Zampano . Commentatore certificato 29.11.17 09:52| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori