Il Blog delle Stelle
Il nostro voto sul glifosato

Il nostro voto sul glifosato

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 14

di Piernicola Pedicini, EFDD - M5S Europa

Da quando sono qui al Parlamento Europeo ho visto cose difficili da credere e, molto spesso, cose ancora più difficili da raccontare. Ho visto ragionare, discutere e, senza battere ciglio, decidere su percentuali che corrispondevano a vite umane in nome della salvaguardia di una qualsiasi "irrinunciabile" attività produttiva. Grandi azzuffate tra quelli a favore dell'industria, da una parte, e quelli che provano a difendere l'ambiente, dall'altra. Quasi sempre, nel mezzo tra i due schieramenti, il PD che cercava di difendere solo le poltrone. Ma lasciamo perdere.

Il glifosato è un erbicida prodotto da una delle più grandi e potenti multinazionali al mondo, la Monsanto. Questo prodotto chimico non viene usato soltanto per eliminare l'erba che infesta le produzioni agricole, ma anche per accelerare la maturazione dei raccolti. Questo consente a paesi come il Canada, per fare un esempio, di esportare i prodotti a prezzi estremamente competitivi che finiscono poi per distruggere quel settore produttivo nei paesi più deboli come l'Italia.

Negli ultimi dieci anni più della metà delle aziende che producevano grano duro sono sparite nel Sud Italia. Nel 2015 lo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) si era espressa in merito alla possibile cancerogenicità del glifosato e lo aveva classificato come probabile cancerogeno per l'uomo. Da lì a poco, puntuali come sempre, l'Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) si è affrettata a smentire il parere dello IARC.

A noi sembrava ovvio che, di fronte ad una tale incertezza scientifica, quantomeno si sarebbe dovuto procedere ad applicare il principio di precauzione. E invece no! Poi si scopre che buona parte del parere dell'EFSA sulla improbabile cancerogenicità del glifosato era stato ricalcato, pari pari, da un documento scientifico prodotto dalla stessa Monsanto.

A noi sembrava ovvio che, di fronte ad un tale conflitto di interesse e ad una tale mancanza di trasparenza, quantomeno si sarebbe dovuto sospendere l'autorizzazione fino a nuovi risultati di studi scientifici indipendenti. E invece no! La Commissione Europea ha presentato un progetto di rinnovo dell'autorizzazione del glifosato per 15 anni.

La risposta del Parlamento Europeo è stata una sostanziale opposizione al rinnovo della Commissione con una controproposta di 7 anni. Noi abbiamo votato contro il testo della risoluzione del Parlamento europeo perché, nel rispetto del principio di precauzione, non avremmo supportato alcun rinnovo al glifosato. A quel punto la Commissione ha presentato una nuova proposta di rinnovo per 10 anni.

Ed è così che siamo arrivati fino ad oggi. Il Parlamento ha risposto alla Commissione votando per tenere il glifosato in commercio per 5 anni mentre noi, anche questa volta, siamo stati dell´opinione che il glifosato non avrebbe dovuto più circolare, neanche per un solo giorno. Come un anno fa, per loro 7 anni erano meglio che 15, adesso sono 5 anni sono meglio di 10.

Ma qual è il prezzo della vita umana?
Quale compromesso si può accettare in termini di vita umana?
Far circolare una sostanza cancerogena sapendo che per questo moriranno delle persone può prevedere un compromesso accettabile?
Noi non siamo i Verdi.

E non lo siamo perché non ci basta essere semplicemente un po' meglio degli altri. Noi siamo qui per fare la cosa giusta e la cosa giusta è vietare "senza se e senza ma" una sostanza che può provocare il cancro, anche se per questo dovesse rischiare di morire soltanto una persona!

Abbiamo presentato un emendamento per vietare con EFFETTO IMMEDIATO la circolazione del glifosato nell´Unione Europea e siccome l'emendamento non è passato, abbiamo deciso di non accettare nessun compromesso al ribasso perché bisogna poter aspirare a un mondo diverso e non necessariamente giocare sul meglio che si può avere dalle regole sul tavolo.

Chi vi dice che i 7 anni di allora o i 5 anni di oggi sono meglio dei 10 chiesti dalla Commissione dimostra di non comprendere né le dinamiche decisionali a livello europeo né la posta in gioco. E infatti come allora, quando dopo il voto del Parlamento la Commissione ne approfittò per presentare una nuova proposta a 10 anni facendo leva sul fatto che persino il Parlamento aveva richiesto il rinnovo per 7 anni, oggi succede esattamente la stessa cosa.

Tre giorni dopo il nostro voto in plenaria, il 27 ottobre, la Commissione ha rimesso sul tavolo una proposta in cui si legge a chiare linee che "il Parlamento europeo ha adottato, il 13 aprile 2016 e il 24 ottobre 2017, delle risoluzioni RINNOVANDO L´APPROVAZIONE DELLA SOSTANZA ATTIVA GLIFOSATO".

Una cosa è certa, noi abbiamo tenuto la schiena dritta in questa vicenda. Forse abbiamo perso una battaglia, ma questo ci dà la grande occasione per far capire chi siamo. Abbiamo la grande occasione per far capire che una delle nostre stelle rappresenta la tutela dell'ambiente e quindi la tutela della salute e, come ci hanno insegnato prima i nostri nonni e poi i nostri genitori, la salute viene prima di ogni altra cosa.

A riveder le stelle!

Ecco di seguito i principali passaggi che spiegano quanto è successo nelle Istituzioni Europee.
- Parere dello IARC sulla cancerogenicità del glifosato: link
- Parere dell'EFSA sulla improbabile cancerogenicità del glifosato: link
- Scandalo Monsanto papers: link
- Obiezione del Parlamento europeo alla proposta della Commissione sul rinnovo della sostanza attiva glifosato: link
- Nostro emendamento in cui chiedevamo alla Commissione di "VIETARE CON EFFETTO IMMEDIATO" il glifosato nell´Unione Europea: link
- BEN 501 eurodeputati di differenti schieramenti politici hanno votato contro questa nostra richiesta respingendo l´emendamento in questione: tra questi LEGA (Bizzotto, Borghezio, Fontana e Zanni), FORZA ITALIA (Cicu, Cirio, Comi, Dorfmann, Gardini, Martusciello, Matera, Patriciello, Pogliese, Salini) e PD (Benifei, Bettini, Bonafè, Bresso, Briano, Chinnici, Cozzolino, Danti, De Castro, De Monte, Gasbarra, Giuffrida, Grapini, Gualtieri, Kyenge, Mosca, Panzeri, Paolucci, Picierno, Pittella, Sassoli, Toia, Viotti, Zanonato, Zoffoli). Tutto registrato qua alle pagine 88-89: link
- Emendamento dei socialisti (dove confluisce il PD a livello europeo) che chiedeva di "eliminare progressivamente" il glifosato "ENTRO IL 15 DICEMBRE 2022": link
- BEN 353 eurodeputati hanno votato a favore di questa richiesta, tra cui i soliti Lega, Forza Italia e PD, capendo o facendo finta di non capire che dietro queste parole si celava di fatto una richiesta di rinnovo della sostanza in questione dal 16 dicembre 2017, data in cui ne scadrà l´approvazione a livello europeo, al 15 dicembre 2022. Si tratta cioè di avere la sostanza sul mercato per altri 5 anni. Tutto registrato qua alle pagine 90-91: link

Oltretutto questo emendamento andava ad aggiungere due anni alla proposta di testo iniziale, laddove, al fine di riuscire a presentare il testo in sessione plenaria, si era trovato come compromesso con i vari gruppi quello di chiedere l´eliminazione della sostanza ENTRO IL 15 DICEMBRE 2020. Inutile dire che noi abbiamo votato contro.

- BEN 355 europarlamentari hanno votato a favore di quello che non è un bando a 5 anni ma un nuovo rinnovo dell´approvazione della sostanza attiva glifosato fino al 2022. Tra cui i soliti LEGA, FORZA ITALIA (Cicu, Dorfmann, Patriciello), PD e l´"indipendente" Affronte. Non solo, ma ben 111 europarlamentari si sono astenuti. Tra questi Mussolini, Pogliese e De Castro.
Tutto registrato qua alle pagine 106-107: link

- Inutile dire che noi abbiamo votato contro, così come votammo contro il 13 aprile 2016 quando si trattò di far passare la prima obiezione del Parlamento europeo su questo stesso argomento. Il motivo è semplice: anche allora venne inserito all´ultimo momento nel testo un emendamento che chiedeva il rinnovo del glifosato per 7 anni. Potete leggerla qua: link

- Proposta della Commissione in cui si legge, al considerando 13, che "il Parlamento europeo ha adottato, il 13 aprile 2016 e il 24 ottobre 2017, delle risoluzioni CHE RINNOVANO L´APPROVAZIONE DELLA SOSTANZA ATTIVA GLIFOSATO": link

- Proposta finale della Commissione con, indovinate un po', UN RINNOVO A 5 ANNI FINO AL 15 DICEMBRE 2022: link



scopriprogramma.jpg

Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

6 Nov 2017, 10:18 | Scrivi | Commenti (14) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 14


Tags: glifosato, m5s, monsanto, veleni

Commenti

 

Questo messaggio è per gli individui, o chiunque sia nella
hanno bisogno di un prestito speciale per ricostruire la propria vita.
stai cercando un prestito per rivitalizzare le tue attività o per
la realizzazione di un progetto,
per comprarti un appartamento ma siete bancati o
il tuo file è stato rifiutato presso la banca.
Sono in particolare concesso prestiti da qualsiasi importo a
tutte le persone in grado di rispettare le condizioni. Il mio tasso di interesse
è del 3% all'anno. Se hai bisogno di soldi per altri motivi,
non esitate a me
contatto per ulteriori informazioni. seri e onesti individui. grazie
per contattarmi
E-mail: maries.garreau.fabienne@gmail.com

MARIES 10.11.17 00:53| 
 |
Rispondi al commento


Ciao Signora e Signore. Si ha la ricerca di finanziamento per sia rilanciare le vostre attività sia per la realizzazione di un progetto , o acquistare un appartamento o anche di soddisfare le esigenze dei bambini, ma ahimè la banca ti chiede di condizioni che si sono in grado di riempire. Niente più preoccupazioni per voi io sono un individuo che fornisce prestiti che vanno da 1000 € a 2500 000 € a tutte le persone in grado di soddisfare i propri impegni. Inoltre, il tasso di interesse è del 3% all'anno. O hai bisogno di soldi per altri motivi personali , non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni prestito di denaro contatto e-mail :anaellpoux@yahoo.com

anaelle poux 08.11.17 16:39| 
 |
Rispondi al commento

riflessione sulle SACARTOFFIE della sanità toscana.

quando studiavo grafica mi avevano insegnato che su qualunque elaborato grafico ( biglietto, insegna, cupon ecc.) vanno sempre messe in evidenza le 2 o 3 cose più importanti e lasciato tutto il resto in secondo piano.... evidentemente i programmatori di software per le azienede sanitarie toscane sono digiuni delle più basilarti regole di impaginazione e di comunicazione .... fatto sta che se vi trovate di fronte una scartoffia stamapata dal terminale di un qualunque ospedale toscano vi metterete a ridere ( forse c'è da piangere ) perché al paziente interessano fondamentalmente 2 cose e cioè il QUANDO e il DOVE... poi in aecondo piano ma sempre visibilissimi CHI ( il medico che vi deve vedere ) e CHE COSA ( che terapia dovete fare)..... e invece si ritrovano in mano un "fogliaccio" pieno di sigle e info incomprensibili e poi.... scritto piccolo piccolo da qualche parte che non è mai la solita per ogni scartoffia .... dove presentarsi e quando presentarsi per la visita ma scritto così male che.... se capita al vecchieto ottantenne o a quello orbo.. mano lo trova sul foglio.
stessa solfa per la ricetta delle medicine ....

non mi dilungo più di tanto ma voglio dire che sarebbe meglio rivedere quella "merda" prodotta da qualche informatico raccomandato che ... io lo licezierei immediatamente alla manera donald truppetto.

ha dimetivavo di dirvi che ho scoperto che esistono anche le ricette ROSSE che tampate con la stampante in bianco e nero non sono rosse ma che loro le chiamano rosse anche se sono in bianco e nero hahahahahahahha

PS: ecco perché rido quando scrivo con i puntini e arriva qui il maestrino di turno a correggermi la grammatica hehehehehhehe

scartoffie disutili 07.11.17 12:54| 
 |
Rispondi al commento

secondo me Di Maio ha sbagliato a rifiutare l'incontro con Renzi, poteva metterlo K.O.dopo il risultato in Sicilia e poteva nche ricordargl quando Renzi ha rifiutato il confronto ritenendolo non all,altezza.

giovanni sartini 07.11.17 00:06| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

A volte mi chiedo se spariremo prima noi da questo pianeta o le innumerevoli sostanze chimiche o quant'altro dannoso creato non dall'uomo ma da queste sottospecie di viscidi invertebrati che in nome della finanza, scambi commerciali....dei soldi insomma stanno producendo malattie e morti. La politica e le istituzioni sono il mezzo per legittimare i morti ed i malati. Il popolo viene "ammorbidito" e "decerebrato" dalla tv ed i potenti mezzi mediatici; la cultura, il sapere e la scuola depauperata e pilotata affinché ci si preoccupi solo del lavoro e guadagnare soldi. Ci sarà il tempo necessario a cambiare un sistema ben ancorato e strutturato? Intanto non molliamo ed ognuno di noi ha il sacrosanto dovere di impegnarsi in questa lotta anche quando si va a fare la spesa. Può sembrare strano ma è un'arma per pilotare il settore dell'agroalimentare.

Gerardo 06.11.17 20:26| 
 |
Rispondi al commento

ottimo lavoro Pedicini, degno di un servizio (pubblico) di REPORT. La sintesi dell'elenco dei parlamentari italiani che hanno votato a favore del glifosato è un servizio di trasparenza amministrativa apprezzabile anche, e soprattutto, dai loro elettori e sicuramente utile il giorno che finalmente metterete in discussione l'opportunità del vincolo di mandato dei parlamentari, specialmente lì a Bruxelles, dove anche le lobby industriali non hanno nè vincoli nè scrupoli.

biagio salvati SALVATI Commentatore certificato 06.11.17 19:06| 
 |
Rispondi al commento

vi ricordate il film di ficarra e picone ,ridendo anno spiegato comè la sicilia e i siciliani. che dio ci aiuti,un abbraccio faetano

gaetano raffa 06.11.17 16:46| 
 |
Rispondi al commento

NON FREGA NULLA A NESSUNO ..SONO TUTTI IMPEGNATI A " SALVARE" BERLUSCONI ...PER SALVARE I LORO PRIVILEGI ...DEI VELENI E AFFINI ..SOLO IN CASI ESTREMI ..IL SOLITI BLA BLA 1 PAIO DI GIORNI POI TUTTI DI NUOVO A BLATERARE ....FINO AL PROSSIMO GIRO ...

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 06.11.17 13:03| 
 |
Rispondi al commento

Cari amici, sono qui per chiedervi di NON DARE PIU UN SOLDO a tutte quelle associazioni tipo IARC AISM e altre onlus fino a quando non verranno eliminate LE CAUSE di queste terribili malattie. Cosa serve finanziare la ricerca quando poi si immettono nell'alimentazione tanti veleni come il glifosato (che è solo uno dei tanti)?
Negli ultimi 50 anni sono state immesse 100.000 molecole che il nostro organismo dovrebbe metabolizzare, dei veleni che fanno aumentare le malattie. La VERA prevenzione sta nel mangiare, bere, respirare cosee sane.

Rino 06.11.17 12:23| 
 |
Rispondi al commento

Spero abbiate visto la risposta del ministro (!) ministro dell'agricoltura martina alla domanda di report sul glifosato.
D E M E N Z I A L E
Questa gente va mandata a casa nel più breve tempo possibile, fanno più danni della peste!

Fabio Modena Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 06.11.17 11:34| 
 |
Rispondi al commento

E'gravissima la colpa di chiunque permetta questi attentati alla vita umana e all'ambiente come quella di coloro che permettono a mafiosi, massoni, corrotti, condannati, incarcerati di presentarsi come candidati ed essere nominati/eletti. Altrettanto grave è la colpa di chi li vota e sostiene e di chi scrolla le spalle e non vota perché si costruisce l'alibi del "tanto sono tutti uguali !!!".

Roberto Caforio 06.11.17 11:26| 
 |
Rispondi al commento

Grazie per quello che fate, peccato che agli italioti non gliene frega niente, troppo stupidi per capire.

Andrea Zanella, Pedavena Commentatore certificato Commentatore che partecipa alle Europee 06.11.17 10:54| 
 |
Rispondi al commento

grazie per quello che fate. siamo sempre davide contro golia e quindi non si combina molto. che la fortuna ci assista. ci vuole un sacco di tempo perche' gli italiani capiscano che siamo affidabili e che ci diamo da fare per il bene comune. in sicilia ancora non hanno capito. vedo che siamo stati bravissimi e ringrazio tutti quei siciliani che hanno capito e che ci hanno votato. non basta, ma ci vuole pazienza. intanto continueremo a morire avvelenati per i profitti di scellerati che dominano ovunque. non c'e' nulla da fare per ora se non insistere e continuare sulla strada della coerenza. alla lunga paghera' come sta gia' facendo.

rosanna scarpa 06.11.17 10:27| 
 
  • Currently 5/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
 
(voti: 3)
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all'atto della loro iscrizione sono limitati all' indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. La mail di segnalazione dell'avvenuta pubblicazione di un nuovo post sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità di consultazione e/o acquisto di materiali editoriali, fotografici e filmati realizzati dal MoVimento 5 Stelle, dalla Associazione Rousseau e non solo. Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione del proprio indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all'email, à richiesto l'inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall'utente, l'indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l'invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l'aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell'utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell'utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi, salvo quanto previsto di seguito, è, dunque, prevista. In ogni caso, l'utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 196/2003. Per l'utilizzo dei cookies, si rinvia alla lettura della Cookie Policy. Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è l'Associazione Rousseau in persona del Presidente pro-tempore, con sede in Milano, Via G.Morone n. 6, 20121.




Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori