Il Blog delle Stelle
Accordo (al ribasso) sull'economia circolare: ecco cosa cambia nella gestione dei rifiuti

Accordo (al ribasso) sull'economia circolare: ecco cosa cambia nella gestione dei rifiuti

Author di MoVimento 5 Stelle
Dona
  • 9

di Piernicola Pedicini, Efdd - MoVimento 5 Stelle Europa.

La montagna ha partorito un topolino. Dopo un lungo negoziato il Parlamento Europeo e il Consiglio hanno trovato un accordo sul cosiddetto pacchetto rifiuti. Rispetto agli obiettivi ambiziosi che ci si era posti, il compromesso è al ribasso. Gli Stati Membri hanno fatto muro contro un cambiamento vero nella gestione dei rifiuti municipali e contro una veloce transizione verso l'economia circolare. La nuova legislazione riguarda solo i rifiuti municipali, cioè il 10% circa di quelli generati dalle nostre economie industriali. Il compromesso è un primo timido passo in avanti, speravamo in più coraggio. Ecco le principali novità:

IL RICICLO
Il testo finale fissa gli obiettivi al riciclo dei rifiuti municipali al 55% entro il 2025, al 60% (entro il 2030) e al 65% entro il 2035, mentre il Parlamento aveva richiesto di arrivare al 60% nel 2025 e al 70% nel 2030. Alcuni Stati godono di ampie deroghe, avendo la possibilità di raggiungere gli obiettivi 5 anni più tardi: si tratta degli Stati che hanno avuto maggiore difficoltà nella gestione dei rifiuti. Tra questi, non compare l'Italia che quindi ha tempo fino al 2025 per raggiungere il primo obiettivo minimo previsto del 60%.

Ci sono inoltre nuovi obiettivi specifici per materiale, sicuramente rivisti al rialzo rispetto alla legislazione del 2008, ma ancora poco ambiziosi: ad esempio, per il 2025, gli obiettivi di riciclo sono fissati al 50% per la plastica (il PE chiedeva il 60%) , al 25% per il legno (il PE chiedeva l'80%), al 50% per l'alluminio (il PE chiedeva l'80%), al 70% per il vetro (anche qui il PE chiedeva l'80%) e al 75% per la carta e il cartone (contro la richiesta del PE che voleva fissare il target al 90%).

LE DISCARICHE
Il risultato peggiore del negoziato riguarda la messa in discarica dei rifiuti: qui il Parlamento aveva chiesto un limite massimo del 5% entro il 2030, mentre il compromesso finale fissa il target al 10% e concede agli Stati tempo fino al 2035. Sono stati inoltre cancellati gli obiettivi di preparazione al riuso proposti dal Parlamento Europeo che avrebbero avuto un impatto positivo sulla riduzione dei rifiuti e sulla creazione di posti di lavoro.

RIFIUTI ALIMENTARI
Secondo la Commissione europea, ogni anno vengono sprecati in tutti gli Stati europei 88 milioni di tonnellate di alimenti, pari a 173 kg di alimenti a persona. I costi di questo spreco sono stimati in circa 143 miliardi di euro. Un recente rapporto sostiene che per ogni euro investito nella riduzione dei rifiuti alimentari vengono risparmiati ben 14 euro. Nonostante questo, il Consiglio ha accettato l'obiettivo di riduzione dei rifiuti alimentari del 30% entro il 2025 e del 50% entro il 2030 proposto dal Parlamento Europeo. Di fatto, sono obiettivi non vincolanti anche se gli Stati Membri dovranno inviare alla Commissione europea un report sulle quantità di rifiuti alimentari.

Abbiamo lottato al Parlamento europeo per trasformare l'Europa nella prima economia circolare al mondo. Oggi si è persa un'occasione: si sarebbero potuti creare nuovi posti di lavoro, risparmiare molte tonnellate di CO2 e anche generare un importante impatto economico sostenibile. Tutto questo andrà spiegato alle generazioni future. Ora tocca a noi il compito di far rispettare le nuove regole effettuando a livello nazionale le scelte giuste per raggiungere tutti gli obiettivi fissati e rivedere nel 2024 al rialzo gli obiettivi concordati.

SOSTIENI IL RALLY PER ANDARE AL GOVERNO CON UNA DONAZIONE:

scopriprogramma.jpg



Fai una donazione a Rousseau: http://bep.pe/SostieniRousseau e poi annuncialo su Twitter con l'hashtag #IoSostengoRousseau

bannerrousseau.jpg

22 Dic 2017, 10:10 | Scrivi | Commenti (9) | listen_it_it.gifAscolta
Invia il tuo video | Invia ad un amico | Stampa

  • 9


Tags: economia circolare, m5s, municipio, rifiuti

Commenti

 

Sì producono più rifiuti perché è tutto il meccanismo che è sbagliato. .rimettiamo i liquidi nel vetro a rendere. .basta scatole di carta e PLASTICA il vetro è igiene e non inquina perché reciclato pensate già solo quanto latte nelle scatole si eliminerebbe. .aceto. olio. candeggina .detersivi. bagnoschiuma. E finché ce n'è. Basta volerlo cominciamo da casa nostra. Se la disastrosa Europa non è d'accordo ci butti fuori. .ne usciremo con immenso piacere 😀😀😀😀😀

ANNA TUZZOLINO, Trino Commentatore certificato 23.12.17 18:36| 
 |
Rispondi al commento

1 ogni municipio dovrebbe tenersi la sua merda e pulirsela per conto suo quindi ogni municipio dovrebbe avere il suo sistema completo di smaltimento rifiuti e ogni residente dovrebbe mangiarsi la sua di merda e non appiopparla ai piccoli comuni deboli politicamente.

2 le tasse di spazzatura dovrebbero essere nominali cioè 1 paga per 1 e la famiglia di 5 persone paga per 5 senza stronzate di metri calpestabili e menate varie.

se hai 2 case o più case paghi proporzionalmente al numero delle case ciascun municipio municipio per esempio se hai la casa a milano e la casa a rimini e la casa ad aosta pagherai 1/3 a milano e idem agli altri municipi.... nel caso di 3 case tutte nello stesso municipio pagherati tutto ad un solo municipio e così via.

gli extracomunitari devono pagare dentro il permesso di soggiorno la quota individuale di spazzatura e anche i neocomunitari pena la revoca del permesso di soggiorno ed espulsione per 5 anni anche per i comunitari se non hai pagato per 2 anni di fila la spazzatura o hai 3 anni di arretrati sulla tassa nominale di spazzatura.

solo che così è troppo equo e i politicanti italioti odiano l'equità anche quelli che parlando di "liberi e UGUALI"

riguardo le aziende si individuano 5 classi di inquinamento e si inquadra ogni azienda in una di queste 5 classi... successivamente di farà pagare l'azienda in base al fatturato ( non al guadagno alrtimenti si inventano un finto passivo o un finto pareggio di bilancio ) una quota legata ciascuna delle 5 classi.

equità di comodo e solo a parole 22.12.17 23:05| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

probabilmente non si sono messi d accordo su come spartirsi la torta ...e non mollano l altra

FABRIZIO P., PARMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza Commentatore che partecipa a Italia a 5 stelle 2016 22.12.17 20:00| 
 |
Rispondi al commento

A beppe con simpatia:
E' mai possibile che in Italia non si riesca ad avere una magistratura autonoma a tutti gli effetti dalla politica,avere dei consigli che non siano nominati ne dal governo ne dal parlamento ma da un possibile organo superiore di nome e di fatto che possa realmente operare senza subire influenze esterne ne interne di alcuna natura: chi nomina i rappresentanti dei tre consigli superiori della magistratur:perche non viene istituito un organo indipendente dai partiti.

Roberto Masi Masi, Sesto Fiorentino (FI) Commentatore certificato 22.12.17 17:59| 
 |
Rispondi al commento
Discussione

Se tutti noi stiamo più attenti allo spreco e riutilizziamo contenitori , oggetti vari insegnamo ai bambini ai ragazzi a riciclsre le cose a scambiarle con gli amici con tante idee la nostra immondizia sicuramente diminuirà anche con l umido possiamo fertilizzare le nostre piante portarlo agli orti.
Solo noi con i nostri comportamenti POSSIAMO CAMBIARE QUESTE CIFRE diamoci da fare AFFAMIAMO LE DISCARICHE!!!!!

ROSSANA I., ROMA Commentatore certificato Commentatore che partecipa alla marcia per il reddito di cittadinanza 22.12.17 17:32| 
 |
Rispondi al commento



Inserisci il tuo commento

Il Blog di Beppe Grillo è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Beppe Grillo

Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio.
Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento"

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

La lunghezza massima dei commenti è di 2000 caratteri
Se hai dei dubbi leggi "Come usare il blog".


 

Invia un commento

Invia un commento certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori




Numero di caratteri disponibili:      




   


Inserisci il tuo video

Invia un video

Invia un video certificato





Memorizza i miei dati?

*Campi obbligatori











Invia il post ad un amico


Invia questo messaggio a *


Il tuo indirizzo e-mail *


Messaggio (opzionale)


*Campi obbligatori