Condividi


“Partiremo dai nostri interventi ieri in Aula sul dramma di Lampedusa. A seguire gli ultimi aggiornamenti dalla Giunta per le elezioni, dove oggi si vota sulla decadenza del condannato Berlusconi. Il MoVimento 5 Stelle voterà compatto SI’. Poi la parola passerà al Senato. La settimana parlamentare era iniziata con il blitz di Beppe Grillo ed i portavoce del M5S nella sede RAI di Viale Mazzini per chiedere un servizio pubblico libero da partiti e lobby. Poi le fasi salienti della commedia dell’ipocrisia andata in onda con la sfiducia – fiducia al Governo Letta, dove il M5S ha ricordato al Paese tutte le bugie del Presidente del Consiglio e del suo Governo. Questi partiti non meritano #nessunafiducia. Un piccolo successo si è registrato alla Camera, dove all’interno del Decreto Cultura sono stati approvati quattro emendamenti M5S a favore dei giovani artisti. Al Senato è iniziato il dibattito sul Decreto Pubblica Amministrazione con il Governo che fa l’opposto di quello che chiede il Parlamento in maniera trasversale. Che strano.” M5S Camera e Senato