Condividi


Enzo Jannacci se ne è andato. Porta con sé una Milano che non esiste più, che era piena di umanità e non faceva distinzioni tra sciur e puaret, tra borghesi e operai, tra immigrati e milanesi. Il suo mondo al tempo stesso dolente e festoso, mai rassegnato, è un affresco ormai perduto, sostituito da una città di cemento e lamiere, da sguardi sfuggenti di persone chiuse nei giubbotti imbottiti, da una comunità di estranei. Jannacci era un grande poeta. Ha trasformato il milanese in una lingua universale e i milanesi delle periferie in eroi moderni. Milan, senza Enzo, non sarà più on gran Milan.
Ti , te sé no perchè ti vett minga in gir/che per faa la spesa per mi;/ perchè i ghe voeur mess’ura, e a ‘rivà/ giò in piazza del Domm i ghe veuren dù tramm…/ ma mi, quand’ènn vott ur, torni a cà de bottega;/ nascondi la cartèla cunt denter li mee strasc,/ me l’lasci la giacchetta come te me dis ti,/ camini per Milann: me par de vèss un sciur!/ Ti, te sé no: i gh’e tanto otomobil/ de tucc i culùr, de tucc i grandesc’/ lìè pien de lus, che el par d’ess a Natal,/ e sura, il ciel pien de bigliett de milla…/Che bel ch’el ga de vèss/ èss sciuri, cunt la radio/ noeuva e, nell’armadio,/ la torta per i fieu/ che vegn’in cà de scola…/e tocca dargli i vizi:/ “…per ti, un’altra vestina!/ A ti, te cumpri i scarp! …/Ti, te sé no… ma quest chi l’è on parlà de stupid:/ l’è bùn dumaa de tirà ciucch!/ Ti, te sé no… ma quand mi te caressi/ la tua bèla faccetta piscinètta, me par/ me par de vèss un sciur…