Condividi

“Stavamo per crollare economicamente, e l’Europa si è mossa per sostenerci, comprando nostri titoli di stato. Naturalmente non lo ha fatto per solidarietà, ma solo perchè se cade uno cadono tutti, cosa che valeva già per la Grecia. Comunque ci hanno detto che in cambio l’Italia doveva fare delle scelte politico economiche serie e cominciare a risanarsi seriamente. Stessa cosa chiesta a suo tempo alla Grecia. La Grecia non lo ha fatto e poteva farlo l’Italia? Abbiamo sparato due cazzate in tv e giornali promettendo all’italiana, per poi ritirare tutto il giorno dopo, e quello dopo ancora. I titoli di Stato hanno ricominciato ad andare male in maniera pesante, e ovviamente non può che peggiorare. Falliremo? Direi sicuramente, ma è anche probabile che per un po’ provino ancora a sostenerci (se cadiamo noi cadono tutti, come in un domino). Siamo una barca senza timoniere, alla deriva. Finchè la cricca politico economica non se ne va in blocco (fuori dall’Italia o in galera), il nostro destino è già scritto: affondare, affondare, affondare.”
Fabrizio C.