Condividi
L’Aids lo scandalo del vaccino italiano
(13:00)

pp_youtube.png

“Nel 1998 a San Marino, durante un convegno internazionale su Aids e tumori la dottoressa Barbara Ensoli annuncia al mondo che è partito un progetto per la ricerca del vaccino contro l’Aids , un progetto tutto italiano, con grande possibilità di successo, anche in tempi brevi. I giornali dedicano titoli enormi, i media, le televisioni ne parlano, celebrano questo come la scoperta del secolo, addirittura del millennio, c’è addirittura chi arriva a parlare di conferire alla Ensoli il premio Nobel. Sono passati 14 anni, di questo vaccino non c’è traccia!Doveva essere un vaccino vero e proprio, quindi un vaccino significa un vaccino preventivo, per evitare l’infezione, basato su una proteina del virus, la proteina Tat. C’è stata la fase di ricerca sugli animali e sono andate avanti le prime fasi di ricerca cliniche, bene, nel 2011 dopo 13 anni di ricerca, tutto riparte da capo, riparte con la nuova fase uno, riparte non solo con la proteina Tat, ma anche con un’altra proteina del virus, quindi con un disegno clinico completamente diverso. Quando si riparte vuol dire che la ricerca condotta non aveva dato i risultati attesi, che era fallita, eppure nessuno dice nulla, silenzio totale, la ricerca riparte da zero, ma continua a essere finanziata.” Vittorio Agnoletto

Intervento di Vittorio Agnoletto, ricercatore e fondatore della Lega italiana per la lotta contro l’Aids

Un progetto tutto italiano (espandi | comprimi)
“Buongiorno a tutti, innanzitutto voglio ringraziare tutti gli amici del blog di Beppe Grillo, e voglio ringraziare anche il blog stesso che per l’ennesima volta mi ospita a parlare di un libro denuncia, inchiesta, che ho appena pubblicato e che è destinato a sollevare molte polemiche e purtroppo anche a essere molto censurato.
Sono Vittorio Agnoletto, sono un medico, nel 1987 ho fondato e poi sono state Presidente della lega italiana per la lotta contro l’Aids , quindi sono un ricercatore, ho diretto diversi progetti di ricerca in Italia e all’estero, sempre nel campo dell’Aids.

Domande che restano sospese (espandi | comprimi)
Ho scritto un libro: “Aids, lo scandalo del vaccino italiano“, con la prefazione di Robert Gallo, uno dei più importanti scienziati a livello mondiale nel campo dell’ Aids e nella prefazione lui è chiarissimo, dice “Non credevo allora, nel ’95, come non credo ora, che esista un grammo di logica né di dati che indichi nella Tat un possibile efficace vaccino“. Eppure si è andati avanti.

Dopo 13 anni la ricerca sul vaccino riparte da zero (espandi | comprimi)
Di fronte a questo scenario sono cresciute in noi angosce, paure, e allora abbiamo chiesto un nostro editore, a Feltrinelli, di anticipare l’uscita del libro, nella speranza che questo libro da un lato spinga tutti coloro che sanno e che stanno zitti a parlare, a raccontare, noi abbiamo nel libro alcune testimonianze, per esempio dei veterinari, che mettono assolutamente in discussione la fase preclinica, quella sulle scimmie,