Condividi
Movimento Cinque Stelle Campania
(1:34)

B or not B? To be! Un mondo contro B o pro B mi ha stancato, mi è venuto a noia, è una istigazione a non essere, non vivere, non pensare. A delinquere contro sé stessi. Una camicia di forza. Questo chiacchiericcio sordo, le accuse e le contro accuse. L’uso osceno della televisione e dei giornali per affermare e contro affermare. I nomi casinifinibersanibindilupibonaiutinapolitano sono fili di fumo. Soffiate forte, si disperderanno nel vento. Se avete uno specchio e una faccia di cui non vi vergognate ancora, guardatevi come se fosse la prima volta. Cosa vedete? Cosa siete? Cosa vorreste essere? Che sogni avete per i vostri figli? Per la vostra famiglia? Molti di voi vedranno l’immagine di una vecchia talpa seppellita nel suo rifugio (ma esiste un rifugio?). Una talpa che vive le vite degli altri, perché il peso di una vita propria spesso non è tollerabile. Se avete un orologio osservate le sue lancette per qualche minuto senza pensare a nulla. Fermate il rumore del mondo e concentratevi su di voi. Siete o non siete? Potete essere, non ci sono scuse. Non avete altro tempo, altre vite. Mettetevi un elmetto quando uscite di casa e reagite, fate, costruite.
Non abbiate paura. B è una coperta di Linus stracciata, divorata dalle tarme in cui si rifugiano i topi di regime. I politici girano con la scorta, chiusi dentro alle macchine blu. Non li vedrete mai al supermercato o in metropolitana. Hanno terrore dei cittadini. Vivono in un mondo a parte, sospeso, in cui le critiche sono offese, la Rete è un luogo di criminali, una voce incontrollata da spegnere. I cortei gentaglia da disperdere a manganellate. Spariranno, la storia li sta cancellando, più minacciano, più temono il cambiamento. Professionisti del nulla.
Non essere, vivere dentro un eterno reality show ha dei vantaggi. E’ rilassante essere servo, complice o semplicemente stare a guardare. Che fare? Fare! Non si tratta più di resistere, resistere, resistere a qualcuno, ma di costruire, costruire, costruire. Cittadini, incensurati, giovani, preparati, non iscritti a nessun partito si presenteranno per il MoVimento a Cinque Stelle per le elezioni regionali in Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Campania. Sono informatici, studenti, professionisti che si sono messi l’elmetto. Hanno un programma, delle idee e molto coraggio. Nulla è impossibile, è solo quello che ci vogliono far credere. Il futuro è nelle vostre mani non di chi un domani non lo vedrà mai per motivi anagrafici. Mummie da esibizione. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene decomporsi?). Noi nemmeno.

Condividi
Articolo precedenteItaliani specie a rischio
Prossimo articoloPdl in fuga