Condividi

“Sono un artigiano elettricista, e mi occupo anche di impianti solari, climatizzazione, e sicurezza. Sto pensando già a come rivoluzionare la mia piccola attività. Allora ho pensato che dall’inizio dell’anno nuovo, chi lo desidera, potrà pagare la mia manodopera anche con scambio di beni. Ad esempio: se faccio un intervento a casa di un cliente del valore di 100 euro, il cliente può darmi in cambio beni di largo consumo in suo possesso, anche se usati. Se l’intervento elettrico lo faccio a una masseria, la stessa invece di pagarmi in contanti può darmi in cambio ortaggi, latte, formaggi e così via. A mia volta metterò un locale nel mio paese di baratti. Quindi varia parte di merce, che magari a me non serve per gli usi personali o della mia famiglia, la metto a disposizione per ulteriori scambi con altri cittadini,che a loro volta potrebbero portarmi della merce che serve a me”.
Diego P.