Condividi

tra poco il video dell’intervento

Intervento di Beppe Grillo all’assemblea dei soci di FNM (Ferrovie Nord Milano).

“All’assemblea degli azionisti di ENI sono stato pregato di utilizzare un linguaggio “consono”. Quindi inizierò il mio discorso pronunciando una parola che ormai desta scandalo ed è costata ai parlamentari del M5S, colpevoli di averla pronunciata alla Camera dei Deputati, una sospensione di due settimane. Questa parola è: “onestà”.

FNM, Ferrovie Nord Milano, è una società partecipata. Già un anno fa parlavamo di società partecipate perché erano stati arrestati dirigenti importanti. Ricordate? Vi rinfresco la memoria con due esempi. Angelo Paris di Expo per associazione a delinquere, corruzione e turbativa d’asta. Antonio Rognoni di Infrastrutture Lombarde per turbativa d’asta e truffa.
Norberto Achille, presidente di questa società, si è dimesso il 19 maggio perché indagato per i reati di peculato e truffa aggravata. Achille è stato per 17 anni a capo di FNM, società quotata in Piazza Affari e controllata al 57,57% dalla Regione Lombardia, al 14,7% dalle Ferrovie dello Stato e e al 3,74% dal Gruppo Gavio. La decisione di abbandonare la poltrona è stata presa dopo il «provvedimento cautelare che lo ha raggiunto».

VIDEO Buffagni M5S interviene all’assemblea FNM

Secondo la procura di Milano nel periodo 2008-2014 il presidente di Ferrovie Nord Milano avrebbe acquistato con fondi della società beni di natura personale. Gli inquirenti hanno rintracciato pagamenti per abbonamenti alla pay-tv, capi d’abbigliamento, materiale elettronico, ma anche scommesse sportive e pranzi non aziendali. Una violazione che ammonterebbe ad un totale di 110.000 euro. Anche il presidente del collegio sindacale, responsabile del controllo, Carlo Alberto Belloni, è stato raggiunto da un avviso di garanzia. Belloni risulta «indagato per tentato favoreggiamento per aver omesso di assolvere agli obblighi di controllo conseguenti al ruolo rivestito e, invece, adottato condotte attive finalizzate a nascondere le distrazioni di beni riconducibili al predetto Achille». L’indagine della Procura di Milano è nata il 9 febbraio scorso dopo una relazione dell’Audit interno di FNM.

VIDEO L’arrivo di Beppe Grillo all’Assemblea dei soci di FNM

Le partecipate sono società nelle quali un ente pubblico, una regione o un comune, possiede una quota di capitale sociale. Le partecipate dovrebbero offrire servizi alla collettività. Nei fatti viene lasciato campo libero ai disonesti, tramite l’infiltrazione dei partiti.
La comprovata mala gestione dei servizi comporta uno spreco di denaro pubblico che grava sulla cittadinanza: tariffe più alte e buchi di bilancio da ripianare con soldi pubblici. La Corte dei Conti ha indicato un peso delle partecipate sulla finanza pubblica intorno ai 26 miliardi, per quanto riguarda le società partecipate dallo Stato, e intorno agli 800 milioni di euro per le partecipate degli enti locali.
Regione Lombardia possiede quasi il 60% di FNM, la partecipata di cui oggi siamo qui a rappresentare gli azionisti, cioè i cittadini lombardi, perché lo scandalo di questi giorni è l’ennesimo e non può passare sotto traccia, perché ci sono persone ONESTE che hanno rischiato il loro posto di lavoro per denunciare questi illeciti e il loro sforzo deve essere riconosciuto e premiato.

Il Presidente è accusato di aver usato soldi pubblici per le proprie spese personali, dal poker online al ristorante dei VIP, senza dimenticare la toelettatura del cane! Un Presidente che dà ai figli l’uso delle auto aziendali accumulando centinaia di migliaia di euro di multe messi carico della società stessa.

Sono state fatte inoltre assunzioni per meriti politici, non per il CV e la competenza. Per esempio,
Emanuele Bottini, ex consigliere comunale a Busto Garolfo, assistente all’europarlamento vicino a Mario Mantovani vice Presidente di Regione Lombardia nonché assessore alla Sanità, di Forza Italia.
Giorgia Sclosa ex assistente di direzione della Visibilia, concessionaria di pubblicità per “Il Giornale” di Daniela Santanchè;
Michele Passamani, Responsabile ufficio comunicazione di FNM, Curriculum disperso, in Forza Italia dal 1994, ha fondato il movimento giovanile ed è stato sempre con Forza Italia consigliere comunale e capogruppo.

VIDEO Il M5S denuncia parentopoli e spese pazze in FNM

Chi deve rendere conto del loro operato? Che servizio hanno reso?
I cittadini pagano queste persone e i loro privilegi sia in tasse, biglietti e abbonamenti, viaggiano perennemente in ritardo, in piedi, al freddo d’inverno e al caldo d’estate, coi servizi igienici impraticabili!
Abbiamo un indice di ritardo dei treni del 18%, senza contare il picco di fine 2014 del 28%!
Sono aumentati dal 4 al 6% gli abbonamenti ed i biglietti. Non viene fatta nessuna programmazione ed investimenti per potenziare linee ferroviarie al collasso. Sono stati spesi 30 milioni di euro per riqualificare treni a doppia carrozza lasciati marcire dal 2011! Cosa avete fatto?
Vorrei ricordare a tutti i soci la mission di questa azienda: «la finalità di “muovere” persone (non i figli del Presidente con le auto aziendali!), beni e informazioni (non scarpe firmate e video porno!) per rispondere alle nuove esigenze di mobilità e di comunicazione di individui e imprese (non le mogli dei dirigenti che parlano per ore al cellulare con la sim aziendale!).»

Il problema delle partecipate è chi le guida e come le guida, come vengono usate e mal gestite! FNM dovrebbe incentivare il trasporto pubblico locale e l’infrastrutturazione del nord Italia su ferro.
Chi doveva controllare, cosa ha fatto per tutti questi anni? Cosa ha fatto il Collegio Sindacale? E’ mai stata fatta una verifica di cassa? Esiste una contabilità parallela?.
Chi doveva controllare guardava da un’altra parte, spendeva soldi (anche lui) in telefonate e ostacolava i funzionari che chiedevano spiegazioni. Ostacolavano gli onesti. Noi invece siamo qua per tutelarli! Noi siamo qui per dire agli onesti che sono qui dentro: “Soffiate nel fischietto”. Soffiare nel fischietto, in inglese “whistleblowing”
Il Whistleblower riferisce di un illecito compiuto (o a compiersi), in danno delle Istituzioni, del quale sia stato diretto testimone – nell’esercizio delle proprie funzioni -, all’interno della propria organizzazione lavorativa. Un agnello in mezzo ai lupi. Un onesto.
In FNM alcuni cittadini ONESTI hanno deciso di tutelare il bene di tutti e noi siamo qua per sostenerli e per difenderli. Il MoVimento 5 Stelle ha una proposta di legge sul whistleblowing, depositata in Parlamento. Tuteliamo i pentiti di Mafia e non tuteliamo chi si attiva per difendere gli interessi della collettività. Il M5S vuole far tornare di moda l’onestà e non lasceremo solo chi si batte per il nostro stesso fine. Pretendiamo che venga totalmente rinnovata la Governance di FNM, che vengano inserire persone scelte per merito e competenza. In maniera trasparente. Persone oneste. Non i soliti trombati dalla politica o ex parlamentari. Gli onesti non devono limitarsi a denunciare, possono e devono amministrare le società di interesse pubblico e il Paese, solo così lo cambieremo. FNM deve costituirsi contro chi ha gestito l’ente fino a oggi in maniera impropria e se verranno accertate le responsabilità vogliamo che chi ha sbagliato paghi! E che questo non si ripeta mai più. Noi, come soci, crediamo che ci siano i presupposti per chiedere un’azione di responsabilità verso il management. Ma voi non azzardatevi a pagare buone uscite a chi oggi ha sottratto soldi alle casse della nostra società e a chi ha mantenuto gli occhi chiusi mentre ciò accadeva! Chi ha sbagliato se ne deve andare e deve essere allontanato per sempre da qualsiasi incarico pubblico.” Beppe Grillo

VIDEO Beppe Grillo: “Vado a fare un salutino…”