Condividi

>>>>>Expotour: la lezione al Politecnico di Milano<<<<<

Cosa c’è sotto l’EXPO? Interessi, affari, lobby, partiti, speculazioni, due inchieste, un mare di cemento e una montagna di soldi. Oggi i portavoce del M5S faranno una visita ispettiva ai cantieri dell’EXPO. Io sarò con loro per tutta la giornata. Il Blog trasmetterà in streaming tutto l’evento. Questi gli appuntamenti:
– alle ore 11 visita ispettiva ai cantieri
– alle ore 15 ai cantieri delle Vie d’Acqua in Via Cancano, Parco delle Cave
– alle 17.30 presso il Politecnico di Milano (in via Durando 10) per una lezione

I passi seguenti sono tratti dal libro in Creative Commons “Expopolis” di Roberto Maggioni. Il libro completo è liberamente scaricabile da qui

“Di quello che avverrà dentro i padiglioni di Expo non sappiamo nulla, così come non sappiamo nulla di cosa sarà il dopo Expo. È il vuoto di una città che non sa guardare oltre il 2015.”
“Avete presente il Crystal Palace di Londra, la Torre Eiffel a Parigi o il traforo del Sempione? Queste architetture, veri e propri simboli del territorio che ancora li ospita, rappresentavano all’epoca in cui furono realizzate la sintesi delle sfide dell’epoca e sono ancora oggi la marca delle rispettive esposizioni (1851, 1889, 1906). Oggi sappiamo che Expo sarà una fiera internazionale di medie dimensioni e grandi aspirazioni (centotrenta i paesi partecipanti attesi) che ha completamente snaturato il tema originario “Nutrire il pianeta, energia per la vita” con cui ha vinto la sfida contro Smirne. Una fiera che si ripeterà ogni giorno uguale a se stessa e che avrà bisogno, come linfa vitale, di tanti eventi mediatici attorno per fare in modo che ogni giorno sia un giorno perfetto, un giorno con qualcosa da raccontare: un mega-evento mediatico e poco più, senza mai dimenticare che, quando il circo finisce, l’erba non può più crescere sotto l’asfalto.”
“Interessi e affari veri sono altrove: strade, ferrovie, case, centri commerciali, poltrone in Spa, visibilità per i politici, insomma tutto quel corredo del peggio “made in Italy” che conosciamo. E poi c’è il dopo Expo, la manna dal cielo per proprietari dell’area, palazzinari e costruttori. Alla polis resteranno un mucchio di soldi in meno e nuovi debiti.”
“I proprietari dei terreni ci guadagnano triplo: prima nella vendita delle aree, durante con l’urbanizzazione della zona (costruzione di strade e ferrovie, allacciamento a rete fognaria, acqua, elettricità, gas), dopo con la costruzione del nuovo quartiere che prenderà il posto di Expo. Fondazione Fiera e Cabassi erano proprietari di terreni classificati nel vecchio piano urbanistico come “verde agricolo” e su cui non si sarebbe potuto costruire. Con la passata di spugna di Expo il verde agricolo diventa cemento black & grey: 50% di terreno edificabile (oltre 400mila metri quadrati) con un indice di edificabilità molto alto, dello 0.52%: è l’Accordo di programma (Adp) messo a punto dalla giunta Moratti e sottoscritto, a neanche due mesi dal suo insediamento, dalla giunta Pisapia. Il voto del consiglio comunale di Milano arriva il 25 luglio 2011.”
“Expo sarà un evento in perdita sostenuto in questi anni da investimenti pubblici. Anche le banche lo sanno, tanto è vero che innumerevoli bandi fatti per scegliere il partner bancario di Expo 2015 sono andati deserti. La situazione si è sbloccata solo dopo che il comune di Milano ha votato la fideiussione di 55 milioni di euro a favore di Arexpo.”
“Expo 2015 ha pochi primati fino a ora. Ma un record svetta su tutti: due bandi per i lavori sul sito, due inchieste. La magistratura milanese indaga sia sul bando vinto dalla Cmc, sia su quello vinto dalla Mantovani. Senza contare le aziende segnalate dalla prefettura di Milano tramite le informative tipiche e atipiche perché in odore di mafia
“Il primo appalto di peso è quello vinto il 20 ottobre 2011 dalla Cmc, la Cooperativa muratori e cementisti di Ravenna della galassia Legacoop, area Pd, già al lavoro a Vicenza per la costruzione della base Usa e in Val Susa per il Tav. Si tratta dell’appalto relativo alla pulizia e allo sgombero dell’area (rimozione delle interferenze). La Cmc vince al massimo ribasso, meno 42,83% rispetto alla base d’asta (sbaragliando tutti i concorrenti). In euro 58,5 milioni rispetto al valore iniziale di 90 milioni. A questa cifra vanno sommati 6,8 milioni di oneri per la sicurezza, che portano il totale dei lavori a quota 65 milioni. Un anno dopo, a fine novembre 2012, la Cmc otterrà un aumento del costo delle prestazioni pagate da Expo Spa di 28 milioni. Quindi, calcolatrice alla mano, 58 milioni l’offerta con cui ha vinto l’appalto al massimo ribasso, 28 milioni quelli richiesti e ottenuti un anno dopo, totale 86 milioni. Quasi la base d’asta iniziale di 90 milioni, a solo un anno di distanza dall’aggiudicazione (..dopo però averla vinta dimezzando la prima l’offerta).”
“Con l’amministratore delegato (diventato ex solo dopo l’arresto) in carcere per associazione a delinquere finalizzata all’evasione fiscale, la Mantovani continua tranquillamente a guidare la cordata di imprese che lavorano all’appalto più importante assegnato fino ad ora per Expo 2015.”
“Expo 2015 si gioca sul fatto che nessuno si prenderà la briga di verificare i debiti accumulati e il flop di tutti gli immaginari di prosperità, lavoro e vivibilità urbana che il partito pro Expo disegna per Milano e i suoi abitanti.” Roberto Maggioni