Condividi
foto di Fabrice Coffrini/AFP

di P. G. Bejerano – Il 2019 è un anno impegnativo per Sir Timothy John Berners-Lee. Sono trascorsi 30 anni da quando ha lanciato la sua proposta di collegare i computer del mondo e stabilito la prima comunicazione HTTP. E’ reclamato ovunque in occasione delle grandi commemorazioni dell’anniversario, in occasione di eventi, e in ogni angolo del mondo è invitato a tenere conferenze. In una di queste conferenze lo incontriamo, nell’ambito dell’Enterprise World 2019, organizzato dalla società di software OpenText a Toronto.

Sono trascorsi 30 anni dalla nascita del Web. Se fosse un essere umano, in quale fase della vita si troverebbe ora?

Quello che so è che il Web non ha lo stesso livello di maturità di un essere umano di 30 anni. Forse sarebbe adolescente e avrebbe i suoi primi problemi con la polizia…

Perché?

Non c’è un singolo incidente che riassuma tutto ciò che è accaduto. Ci sono molte cose che sono andate male: perdite di dati in alcune aziende, aspetti legati alla democrazia, problemi di privacy…

Le notizie false e il caso Cambridge Analytica sono state l’ultima goccia?

Lo scandalo Cambridge Analytica ha mostrato a molti utenti che i meccanismi alla base delle aziende che operano sul Web sono più complessi di quanto sembri. Con le elezioni di Donald Trump e Brexit, molti cittadini che pensavano che il Web fosse una forza della democrazia lo hanno iniziato a mettere in discussione.

Tutti questi problemi sono la conseguenza di una cattiva evoluzione del Web?

Sì. Durante i primi dieci anni l’evoluzione del Web ha portato grandi risultati. Poi è arrivata la crescita di diversi fenomeni che hanno causato la modifica di alcuni parametri. E’ cambiato il modo in cui le persone reagiscono e si connettono a Internet e il modo in cui il Web e gli utenti vengono sfruttati.

Uno degli aspetti trasformativi è stata la pubblicità online.

Alcuni affermano che dal momento in cui la pubblicità è apparsa su Internet il web ha iniziato a viaggiare nella direzione sbagliata. All’inizio gli annunci erano fastidiosi perché cercavano di venderti cose che non volevi o di convincerti a votare per un altro partito. Ora il clickbait è estremamente fastidioso.

Tutto ciò ha a che fare con la dinamica della pubblicità online, che consente alle aziende di utilizzare le nostre informazioni personali per guadagnare denaro. C’è bisogno di un cambiamento?

No. Il fatto che le persone pubblicizzino e facciano affari vendendo prodotti è utile. La pubblicità commerciale mi aiuta a trovare rapidamente le cose, a comprare regali per la mia famiglia. Il problema è la propaganda politica. Se potessimo vietare la pubblicità elettorale, se i politici potessero solo pubblicare documenti e partecipare a dibattiti per convincere i cittadini, sarebbe meglio. Nel Regno Unito, ad esempio, i partiti politici non possono essere pubblicizzati in televisione. Se sei un partito politico devi mostrarti in un dibattito o fare una dichiarazione.

Quindi, sei favorevole a vietare la pubblicità politica su determinate piattaforme Web?

La cosa migliore per la democrazia sarebbe che la pubblicità politica su Facebook non ci fosse. Ci sono molte cose che non vanno nel modo in cui le parti usano la pubblicità su questo social network .

Le formazioni politiche ricorrono alla microsegmentazione nei social network: catalogano gli utenti che fanno parte del loro pubblico per conoscerli meglio e personalizzare i messaggi che li raggiungono. Ciò consente ai partiti politici di raggiungere il pubblico che li interessa di più e di dire loro quello che vogliono ascoltare.  Facebook e Google sono i due grandi nomi che sono stati il ​​volto visibile del problema. I giganti di Internet hanno accumulato troppo potere?

C’è stato un consolidamento, sì. Ciò non fa bene all’innovazione, ma può cambiare. Guardando indietro puoi vedere i periodi in cui alcune società hanno avuto un dominio eccezionale, come è successo con AT&T, Netscape e, successivamente, Microsoft. Ma puoi scoprire che mentre ti preoccupi molto dell’aumento del potere di alcune aziende, altre iniziano a crescere.

Google e Facebook vogliono anche influenzare l’accesso a Internet di milioni di utenti nei paesi in via di sviluppo. Che cosa dovrebbe essere richiesto a loro?

Di essere neutrali. Chiaramente, ciò che vogliamo è che quando colleghi qualcuno a Internet, ti assicuri di connetterti all’intera rete (non solo ai siti che interessano i fornitori). Penso che non ci siano stati problemi con il Project Loon di Google. Per quanto riguarda Facebook Free Basics, so che il social network si è reso conto che è stato fortemente criticato per non essere neutrale.

Se dovessi esprimere un desiderio per il Web, quale sarebbe?

Una correzione di rotta. Il Web stava andando bene, ma è andato fuori rotta. Quindi bisogna cambiare direzione. Ciò richiede molta energia, molti agenti che lavorano nella società, che regolano la tecnologia e comprendano le reti sociali.

 

Intervista apparsa sul quotidiano spagnolo El Pais