Condividi

Nell’ambito di una partnership annunciata tra il colosso svedese di mobili IKEA, il gruppo di spedizione CMA CGM, il porto di Rotterdam e il programma non profit GoodShipping, una nave container effettuerà la sua prima navigazione con un nuovo biocarburante il 19 marzo.

Il biocarburante ha richiesto tre anni per lo sviluppo da parte di GoodFuels, ed è costituito da “residui forestali” – scarti di produzione di carta e cellulosa – e rifiuti di olio da cucina. Si prevede che ridurrà le emissioni di CO2 fino al 90% e “eliminerà virtualmente” le emissioni di ossido di zolfo rispetto al combustibile marino standard, senza richiedere modifiche ai motori delle navi.

CMA CGM non ha rivelato dettagli del viaggio o della destinazione della nave, e non è chiaro se porterà con sé merci IKEA.

“Attraverso il nostro progetto pilota vogliamo dimostrare che sono disponibili i mezzi per la decarbonizzazione in termini di carburanti alternativi”, ha affermato Elisabeth Munck di Rosenschöld, responsabile della sostenibilità di IKEA Global Transport and Logistics Services. “Abbiamo la responsabilità di fare la nostra parte per ridurre l’impatto del nostro trasporto marittimo e attraverso la nostra partecipazione inviamo un segnale ai nostri clienti e all’industria sul nostro impegno a decarbonizzare”.

Le spedizioni attualmente contribuiscono a circa il 3% delle emissioni globali, ma le emissioni cresceranno probabilmente tra il 50% e il 250% entro la metà del secolo se non controllate.

Il settore marittimo, non coperto dall’Accordo di Parigi, ha  promesso  di produrre un dettagliato piano di riduzione del carbonio entro il 2023, mirando a ridurre del 50% le emissioni entro il 2050.

I creatori del biocarburante sperano che la mossa contribuirà a dimostrare la scalabilità dei biocarburanti marini basati sui rifiuti, e che possa stimolare “lo sviluppo di alternative per ridurre le emissioni di gas serra e di ossido di zolfo derivanti dai trasporti via mare. L’obiettivo del nostro programma non è stato solo quello di ridurre le emissioni di carbonio prodotte dalle spedizioni, ma di mostrare che i mezzi per accelerare la transizione energetica sono già disponibili per il settore”, ha dichiarato Dirk Kronemeijer, CEO di The GoodShipping Program.