Condividi

Blogger del giorno è il “giurista internazionale”… Fabio Marcelli (IlFattoQuotidiano.it)
“Non ho mai ritenuto che Beppe Grillo o, peggio ancora, Casaleggio, potessero in qualche modo essere definiti persone di sinistra. Ma l’inconsulta decisione di approdare in un gruppo parlamentare denso di figuri razzisti, xenofobi e nazionalisti nel senso peggiore del termine, mi ha davvero sconvolto. Eppure, basta guardare questi sedicenti democratici svedesi, che hanno nel loro DNA il più puro razzismo di stampo nordico. Se pure per motivi di presentabilità pare abbiano momentaneamente messo in soffitta le uniformi naziste, continuano a caratterizzarsi essenzialmente come partito anti-immigrazione. Al pari di Farage. Del resto si tratta di tema ben scottante da quelle parti, si veda la strage compiuta dall’infame nazista norvegese Breivik, per il quale Borghezio ebbe a suo tempo parole di comprensione. Tutto sommato avevo ragione quando, nel primo posto che dedicai a Grillo, parlavo di cattivismo razzista, anche se successivamente ho tentato in tutti i modi di trovare gli aspetti positivi del personaggio, di convincermi che non voleva assumere posizioni di un certo tipo sull’immigrazione ma solo polemizzare con Napolitano, ecc. Niente da fare. La scelta di collocazione strategica all’interno del Parlamento europeo è rivelatrice. E non ci si venga a raccontare la favoletta dell’accordo tecnico. Se di questo si trattava perché non raggiungerlo con i Verdi o, meglio ancora, con il GUE? La verità è che la scelta di Grillo e Casaleggio, purtroppo avvallata dagli iscritti in rete segna l’inizio dell’inevitabile tramonto di un’esperienza politica non priva, nonostante tutto, di aspetti positivi. A meno che, come da tempo vado affermando, il Movimento si distacchi definitivamente dai suoi indegni leader”.
Fabio Marcelli