Condividi


La scorsa estate mi trovavo insieme a un amico in montagna. Mi raccontò che era stato avvistato un daino per la prima volta da molto tempo nel bosco vicino alla sua casa. Non era contento. La voce della comparsa del daino era già girata in paese e di certo i cacciatori lo avrebbero ucciso. Mi disse che il suo figlio più piccolo non aveva mai visto un daino in libertà. Non era contento. “La commissione Agricoltura della Camera ha approvato a maggioranza, con 21 voti a favore e 17 contrari, il sub-emendamento all’articolo 43 sulla caccia della legge comunitaria, che consente alle Regioni di posticipare i termini del calendario venatorio dietro preventivo parere di validazione dell’Ispra (Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale).“. Tra qualche anno i cacciatori si spareranno tra di loro in assenza di specie animali disponibili. I produttori di armi faranno, ne sono certo, approvare un sub-emendamento per la legittima cacciagione umana. Tutto l’anno, tranne Natale e le festività comandate.