Condividi

Dalle piccole cose può rinascere il senso civico in questo Paese, anche dalla ricostruzione di un capanno incendiato in Puglia.
Diamo una mano a questi ragazzi coraggiosi. che si rivolgono al blog per ricostruire il capanno al più presto.

Gentili tutti,
è con profonda amarezza che vi segnaliamo un fatto increscioso:
ieri, 13 marzo 2006, ignoti hanno appiccato il fuoco, distruggendolo irrimediabilmente, ad un piccolo, ma grazioso capanno LIPU eretto in una zona abbandonata del Bosco Difesa Grande, in territorio del Comune di Gravina in Puglia.

Forse è pletorico descrivervi la tristezza che proviamo in questo momento, ma permetteteci di farlo.

E’ lo sfogo di chi, mosso da smodata passione, ha da sempre mostrato particolare attenzione verso il mondo circostante e le sue grandiose meraviglie; di chi ha sacrificato gli affetti familiari, anche moglie e figli neonati, per dedicare il “tempo libero” alle opere di manutenzione e miglioramento dell’area interessata dalla presenza di questo piccolo, ma significativo “gioiello”; di chi, piuttosto che passeggiare la domenica per la città, piuttosto che dedicarsi alle gite fuoriporta o alla pasquetta con gli amici, ha preferito imbracciare il tagliaerba per sistemare l’area del capanno, piantare nuovi alberi, o semplicemente rendersi disponibile all’ascolto e comunicare ai passanti curiosi l’esistenza di un’associazione nazionale che si chiama LIPU – anche esponendosi alla derisione di chi non comprende l’importanza della protezione degli uccelli e con essi di tutto l’ecosistema – che raccoglie il consenso di tanti aderenti sensibili e che si attiva quotidianamente, grazie a tanti volontari, per offrire il proprio contributo in aiuto alla Natura.

Dopo il proiettile sparato alla finestra, gli uccelli impiccati (tra cui una poiana) sul palo antistante l’ingresso, dopo lo sfondamento del muro di recinzione e lo scardinamento degli infissi, ora con un incendio hanno raso al suolo questo capanno.
Perdonateci per queste riflessioni, ma forse in questo momento ci sentiamo un po’soli.
Vi invitiamo ad osservare le foto. Grazie!”.

Gli amici della Lipu -Sez. di GRAVINA IN PUGLIA (Ba)

Condividi
Articolo precedenteTelecolpodistato
Prossimo articoloLa nuvola gialla