Condividi


Se hanno chiuso per turpiloquio “Lo zoo di 105” devono immediatamente chiudere il Parlamento e tutti i talk show dei politici.
“Nell’indifferenza totale di tutti i mezzi di comunicazione, il garante dell’editoria, ha multato e sospeso dall’etere “LO ZOO DI 105”, il programma più seguito in assoluto della radio. Il motivo ufficiale è quello delle troppe parolacce pronunciate da Mazzoli e Company. Il fatto strano infatti sta proprio in questo e cioè che solo oggi il garante si accorge delle parolacce dopo 10 anni che il programma è in onda sempre allo stesso modo. Ma più probabilmente si tratta dell’ennesimo attacco gretto e fascista alla libertà di espressione da parte di questi politici (molto punzecchiati dallo ZOO) che ci vogliono tutti buoni buoni e omologati alla tv delle tette e dei culi (culi, in senso lato). Perché infatti non ci si ricorda di provvedimenti analoghi precedenti da parte del garante in merito ai puttanai televisivi propinati ad ogni ora del giorno e della notte indistintamente ad adulti, ma soprattutto a bambini, specialmente in quelle fasce orarie che prima erano tutelate e solo a loro dedicate. Insomma, la storia puzza lontano un miglio.
SALVIAMO LO ZOO DI 105. FIRMA LA PETIZIONE“. Tonj Coccjo

Condividi
Articolo precedenteUNMINUTODODICISECONDI
Prossimo articoloI futili motivi