Condividi

Un nuovo servizio di consegna di droni sta aiutando l’infermiera Gladys Dede Tetteh e il suo team a portare alle comunità che assistono i vaccini e i medicinali di cui hanno bisogno.

New Tafo Akyem è una città nell’est del Ghana. È a 2,5 ore di macchina a nord dalla capitale, lungo un’autostrada a corsia unica che diventa progressivamente un tracciato di pietre, terra rossa e fango. L’ospedale distrettuale è un complesso di edifici di cemento a un solo piano, raggruppati attorno a cortili pattugliati da polli. Qui, madri e neonati si accalcano silenziosamente nell’aria densa e umida su panche di legno. L’infermiera della comunità Gladys Dede Tetteh e il suo team somministrano medicine e fanno quello che possono, ma spesso finiscono i vaccini.

I vaccini hanno una durata di conservazione limitata e devono essere conservati in condizioni asciutte e controllate dalla temperatura. Ma Tetteh sa che se non vaccina tutti i bambini di queste donne, molte delle quali hanno camminato per chilometri per arrivare qui, c’è la possibilità che non tornino più.

Ma Tetteh con il suo telefono può inviare un messaggio e richiedere i vaccini in più.

Quindici minuti più tardi, il telefono di Tetteh squilla, esce nel cortile d’erba e in alto nel cielo, la croce luccicante di un aereo giocattolo è già visibile. Il drone si avvicina silenziosamente e rilascia una scatola che galleggia sotto un paracadute di carta oleata. Quando il pacchetto atterra, il drone è già sulla via del ritorno alla base. Sono i vaccini.

Gavi, l’alleanza mondiale sui vaccini, ha sostenuto il servizio di consegna di droni. Così ha finanziato il progetto in collaborazione con l’UPS social of delivery giant, la Bill & Melinda Gates Foundation e Pfizer.

Moz Siddiqui, a capo dell’innovazione di Gavi, spiega: “Abbiamo un obiettivo, vaccinare oltre 300 milioni di bambini entro il 2020. Ora abbiamo raggiunto l’86%. Ma l’ultimo 14% è il più difficile da raggiungere. Vivono nelle aree remote, nelle baraccopoli urbane. Speriamo tutti che la consegna con i droni contribuisca a colmare questa lacuna”.

I droni operano da hub che dispongono di un magazzino climatizzato per lo stoccaggio di medicinali e forniture di emergenza, nonché di un centro di lancio e di una struttura operativa per i droni.

Il servizio non è stato esente da critiche. Infatti molti si sono lamentati del fatto che i soldi sarebbero stati spesi meglio per servizi tradizionali, come ad esempio più ambulanze. Ma il governo dice che i droni sono più efficienti.

Ma per le infermiere come Tetteh, non ci sono dubbi. Il servizio è un’ancora di salvezza. Vedremo come si svilupperà la cosa. I droni possono essere la chance che tutti aspettavano. Piccoli, poco ingombranti, efficienti e capaci di raggiungere ogni luogo.