Condividi

Come si nutre una città? È una delle grandi domande del nostro tempo. Il professor Christian Bugge Henriksen, esperto di sicurezza climatica e alimentare presso l’Università di Copenaghen in Danimarca, afferma che alimentare in modo sostenibile gli abitanti delle città è una “tripla sfida”.

La prima sfida perchè sta aumentando l’urbanizzazione: entro il 2050, si prevede che 6,5 miliardi di persone vivranno in megalopoli, ovvero quasi 2 persone su 3 persone . La seconda questione riguarda gli effetti negativi sul nostro clima; le foreste vengono abbattute per i terreni agricoli, i ruminanti producono metano e il trasporto di cibo verso le città emette enormi quantità di anidride carbonica. La terza sfida sono le cattive abitudini alimentari: molti di noi, specialmente nelle città, mangiano prodotti che fanno male, in particolare carne lavorata. “Attualmente, il 70% di tutti i decessi in Europa può essere in qualche modo collegato a malattie non trasmissibili colpite dalla malnutrizione”, ha affermato il prof. Henriksen.

Una soluzione potrebbe consistere nel far mangiare agli abitanti delle città cibo che viene prodotto il più vicino possibile a loro. Meno chilometri, meno inquinamento. Ma cosa dicono le prove a favore?

A dire il vero, non ce ne sono molte, motivo per cui il professor Matthew Gorton dell’Università di Newcastle, nel Regno Unito, ha iniziato a coordinare il progetto Strength2Food, che guarda alle filiere alimentari corte in termini di sostenibilità ambientale e sociale. Il prof. Gorton afferma che, in generale, il progetto ha scoperto che le filiere alimentari corte sono all’altezza della loro buona reputazione. “In generale, forniscono margini migliori ai produttori, le impronte di carbonio tendono ad essere più basse, con indicatori migliori per la sostenibilità sociale”, ha affermato.

Dallo studio emerge un problema comune. Le persone spesso pensano con il portafoglio quando escono per fare la spesa settimanale e tendono ad acquistare prodotti più economici anche se a loro piace l’idea del cibo locale. Il Prof. Gorton afferma che ciò può essere risolto se ci fossero messaggi nei punti vendita che ricordano alla gente i benefici del cibo locale.

Questa idea è stata testata con uno dei partner del progetto, Konzum, una catena di supermercati. Il team ha avviato un esperimento in 18 negozi in Croazia, Serbia e Slovenia, dove sono state vendute mele locali insieme a mele importate più economiche, in tre modi diversi.

In un gruppo di negozi le mele locali avevano espositori con lo slogan: “Compro locale; Lo compro più fresco; Sostengo l’agricoltore locale”. In un secondo gruppo di negozi c’era la foto di un giovane agricoltore dall’aspetto sano con la bandiera nazionale. In entrambi questi gruppi, l’idea era quella di dare il messaggio che queste mele locali fossero buone, sane e acquistarle sostenesse la popolazione locale. Il terzo gruppo non aveva alcun materiale di marketing aggiuntivo.

Il team ha scoperto che il materiale promozionale aggiuntivo ha avuto un effetto significativo sulle abitudini di acquisto delle persone. Ad esempio, nei negozi a Zagabria e dintorni, le mele locali hanno rappresentato il 34% delle vendite nei negozi senza messaggi pubblicitari, e il 56% nei negozi con i gli annunci che invogliavano l’acquisto perchè sano. Tutto ciò suggerisce che le filiere alimentari corte sono una mossa positiva e possono essere fatte funzionare, anche se può non sembrare facile.

Ma come possiamo aumentare gli schemi che funzionano? Una risposta dovrebbe venire fuori dal progetto FoodSHIFT2030 , guidato dal Prof. Henriksen. Il suo team sta esaminando come possiamo ampliare le innovazioni che aiuteranno a rendere il cibo nelle aree urbane sia più sostenibile che più sano. C’è un’attenzione particolare per indurre le persone a passare a una dieta a base vegetale, che può dimezzare le emissioni di carbonio associate a una dieta onnivora.

Sono i primi giorni del progetto, che è iniziato nel gennaio 2020. Ma ha già creato laboratori di accelerazione in 9 città europee che esplorano ognuna diverse innovazioni che potrebbero essere scalabili. Si va dall’educazione degli alunni delle scuole sul cibo locale ad Atene, all’agricoltura verticale e ad altre tecnologie di produzione alimentare a Barcellona, fino a Bari, con un laboratorio sul riutilizzo etico e responsabile delle terre abbandonate da utilizzare nell’innovazione del sistema alimentare sociale e tecnologico.

Oltre alle filiere alimentari corte esiste anche il potenziale per aumentare l’agricoltura urbana. “Uno studio globale ha dimostrato che fino al 10% della produzione globale di legumi, radici e tuberi e colture orticole potrebbe essere prodotta dall’agricoltura urbana”, ha affermato il prof. Henriksen. In altre parole, le città potrebbero coltivare una quantità significativa di ortaggi di cui le loro popolazioni hanno bisogno, su tetti e altri luoghi della città.

Il potenziamento di qualsiasi innovazione in un’intera città richiede un consenso politico, ma ci sono alcuni buoni segnali su questo fronte. Ad esempio, nel 2015 è stato lanciato il Patto per la politica alimentare urbana di Milano e questo impegno collettivo per lo sviluppo di sistemi alimentari sostenibili è stato firmato da 209 città di tutto il mondo.

C’è anche la Dichiarazione di buone politiche alimentari, organizzata attraverso la rete delle città C40 per le megalopoli del mondo. Le città firmatarie di questo patto hanno concordato di lavorare per raggiungere la dieta della salute planetaria entro il 2030. Questa dieta, sviluppata da EAT, un’organizzazione senza fini di lucro, in collaborazione con la rivista medica The Lancet , è principalmente composta da piante e cereali integrali ed è progettata essere sana e sostenibile dal punto di vista ambientale per l’intera popolazione mondiale.  

Inoltre, il prof. Henriksen ritiene che la pandemia di Covid-19 potrebbe fornire un ulteriore impulso alle autorità per ripensare le catene di approvvigionamento alimentare. Finora, lunghe catene di approvvigionamento alimentare internazionali sono state straordinariamente resistenti, ma non è chiaro quanto durerà – o che qualsiasi futura pandemia sarebbe così tollerante. Per lo meno, il cambiamento è nell’aria quando si tratta di cibo nelle città e i tempi sono davvero maturi per trasformare il nostro sistema alimentare.

 

image_pdfScarica la pagina in PDFimage_printStampa la pagina