Condividi


Il cornuto (o la cornuta) deve essere anche contento, altrimenti scatta la sanzione.
“L’amante non si offende. L’avvertimento arriva dalla Cassazione che promette multe a chi osa rivolgere epiteti sgradevoli a chi intrattiene una relazione adulterina. Nessuno sconto nemmeno se lo sfogo ingiurioso rivolto all’amante arriva dalla moglie tradita. In questo modo la Quinta sezione penale ha convalidato una multa di 800 euro per ingiuria nei confronti di una 43enne di Catanzaro, Fiorenza V., colpevole di essersi sfogata in pieno centro cittadino, a pochi metri dal Tribunale, dicendo all’amante del marito di professione avvocato: “sei un cesso, ma ti sei vista? Io sono la moglie di Flavio e questo cesso è l’amante…”. democratico b., Milazzo