Condividi

di Beppe Grillo – Ho un po’ di frammenti di pensiero, quando sento parlare di governabilità: “il paese ha bisogno di sicurezze, di governi solidi, ha bisogno di affidarsi a un governo solido”. Ma cosa significa? Che tipo di governabilità? Cosa è la governabilità? Qual’è la democrazia nella governabilità di questa gente? Dove è la governabilità? In Svizzera? E’ governabile la Svizzera? E’ governata la Svizzera? C’è un governo, ci sono i cittadini che decidono con un referendum alla settimana sui progetti, che cosa fare, se fare un buco al San Gottardo, aumentarsi, diminuire le tasse, abolire, non abolire il canone della televisione, sono i cittadini, quella è la governabilità dei cittadini.

Allora vorrei dirvi, tanto per puntualizzare, cosa significa governabilità, che le riforme più grandi della nostra storia sono state fatte in 12 anni dal 1968 al 1980 dove sono cambiati 15 governi e mezzo, ogni anno cambiava un governo e mezzo, quindi non c’era governabilità, eppure sono state fatte le più grandi riforme della nostra storia.  Riforma dello stato, sono state istituite le regioni e le autonomie locali, lo statuto dei lavoratori, la legge fiscale, le leggi sulla casa, il diritto di famiglia, il divorzio, l’obiezione di coscienza è stato riconosciuto, gli organi collegiali della scuola e circoscrizioni, voto ai diciottenni, consultori familiari, depenalizzazione dell’aborto, riconoscimento dell’aborto libero e gratuito, e assistito. Tutto in quei dodici anni lì con un governo e mezzo che spariva, ne arrivava un altro e un altro. Non venitemi più a parlare di governabilità!