Condividi


“E dopo la festa il pd va a curare i propri interessi facendo una visita ai cantieri della TAV. Intanto dopo il Portogallo anche la Russia rinuncia alla TAV. Un bel danno per i francesi, che però per fortuna possono continuare a contare sull’Italia. Interessante il titolo del giornale francese La Tribune: “Mosca rinuncia al TAV. Un duro colpo per Alstom e SNCF”. Duro ancora di più perché persino la Francia ha appena rinunciato ad alcune tratte TAV, e Alstom e SNCF ora contano più che mai sui quattrini degli altri Paesi (Italia ndr). Così, tanto per chiarire chi è che in Europa ha in mano il business del TAV, in modo da saper bene tradurre quando i nostri politici difendono l’Alta Velocità “per il bene del Paese”. Perché non lo specificano mai, di quale Paese parlano. Tranquilli! L’Europa resterà senza corridoio 5 ma in Italia grazie al pd & annessi gli affari si faranno comunque.” Beppe A.