Condividi

Ogni giorno si sente parlare di “Industria 4.0”. Il Giappone, tuttavia, sta già andando oltre. A giugno, l’Ufficio del Primo Ministro ha pubblicato la Strategia di crescita giapponese, presentando un progetto strategico per la Japan’s Society 5.0, con piani specifici per l’integrazione di tecnologie all’avanguardia per risolvere problemi economici e sociali, dal momento che il Giappone cerca di garantire la sua economia a fronte di una carenza di manodopera e di invecchiamento della forza lavoro.

Il modo in cui il Giappone implementa la Società 5.0 potrebbe portare spunti per altre nazioni per far fronte a dinamiche demografiche ed economiche simili.

“Ora stiamo assistendo all’apertura del quinto capitolo. Ora siamo in grado di trovare soluzioni a problemi che non potrebbero essere risolti prima”, ha detto il primo ministro Shinzo Abe durante la presentazione della nuova visione della società 5.0 alla fiera CeBIT  di Hannover, Germania, “Questa è l’età in cui tutte le cose sono collegate, tutte le tecnologie si fondono, e questo è l’avvento della Società 5.0”.

Essenzialmente, il Giappone sta progettando di creare una “società super-intelligente” in grado di fornire soluzioni personalizzate attraverso l’adozione di nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale (AI), la robotica, i big data e i droni – nonché attraverso politiche e riforme normative.

“L’essenza della Società 5.0 è che sarà possibile ottenere rapidamente la soluzione più adatta che soddisfi i bisogni di ogni individuo. Diventeremo in grado di risolvere qualunque sfida.”, ha dichiarato Abe alla Conferenza internazionale sul futuro dell’Asia a giugno.

La Società 5.0 mira a responsabilizzare tutti gli attori della società, ponendo un’enfasi speciale sul permettere a ciascun individuo di partecipare attivamente e vivere in sicurezza, facendo il primo passo per realizzare una nuova visione per la società e l’economia.

Ma in che modo il governo intende mantenere lo stesso livello di crescita della produttività e assicurare la prosperità del Giappone? Parte della sua visione è quella di utilizzare nuove tecnologie come i droni e le navi ad azionamento automatico per innovare i settori della logistica e dei trasporti.

Un esempio è il servizio di consegna di droni, che il governo prevede di implementare l’anno prossimo. “Il nostro obiettivo è essere in grado di consegnare i pacchi nelle aree montane il prossimo anno”, afferma il documento sulla strategia di crescita. “Intendiamo anche impegnarci nella consegna sicura dei pacchetti nelle aree urbane nel 2020”.

Tali cambiamenti arriverebbero in un momento importante: il settore delle consegne è alle prese con una carenza di lavoratori, anche se sempre più persone acquistano online e il volume delle consegne ha raggiunto il livello record di 3,9 miliardi di pacchi l’anno scorso.

Un altro aspetto è quello sanitario. Il governo, preoccupato dalle malattie croniche legate alla vecchiaia, vuole pensare ad “nuovo sistema di salute, assistenza medica e assistenza infermieristica”.

La robotica, da tempo utilizzata in contesti industriali, è ora in fase di sperimentazione nel settore sanitario per supportare l’invecchiamento della popolazione del paese. I ricercatori stanno esplorando l’uso di robot e sensori nell’assistenza infermieristica per ridurre il carico del caregiving e ridurre i costi delle cure mediche e dell’assistenza.

La Japan’s Society 5.0 non riguarda solo la tecnologia, ma le politiche e i regolamenti che ne determinano lo sviluppo.

I grandi dati sono alla base di molte tecnologie emergenti come l’apprendimento automatico. Il governo sta incoraggiando le aziende a condividere i big data e a promuovere la cooperazione per guidare l’innovazione.

Attualmente, i produttori tendono a possedere i diritti sulle enormi quantità di dati raccolti da automobili, fabbriche, ecc. Nella maggior parte dei casi, le aziende stesse hanno capacità limitate di sviluppare nuove tecnologie utilizzando le informazioni estratte dai dati chiave di altre entità, lasciando così il grande potenziale dei dati non sfruttato.

Questo potrebbe essere in procinto di cambiare sotto la società 5.0 in quanto i settori pubblico e privato collaborano per stabilire un sistema in cui i Big Data possano essere scambiati in modo sicuro ed efficace. Ciò consentirebbe a più aziende di essere più disponibili a condividere le informazioni e consentire ad altre società di utilizzare i dati per sviluppare prodotti migliori. Ad esempio, i produttori di pneumatici saranno in grado di migliorare i loro prodotti se hanno i dati del tempo e della posizione in cui l’auto è scivolata sulla strada.

Molti dei cambiamenti nella società 5.0 giapponese sono guidati dalla necessità di affrontare la contrazione della forza lavoro nazionale, che rappresenta una grave minaccia economica che potrebbe causare un massiccio sforzo per la spesa pubblica e la produttività dell’industria.

Come evidenziato nel censimento della popolazione ufficiale giapponese  pubblicato nel 2016, il paese ha oltre 33,4 milioni di persone, ovvero il 27,3% della popolazione di età pari o superiore a 65 anni. E la popolazione anziana dovrebbe superare il 40% entro il 2050, ha avvertito l’OCSE.

Ma questo non è un problema riguardante solo il Giappone. Il numero di persone di età pari o superiore ai 60 anni dovrebbe raddoppiare entro il 2050 e più del triplo entro il 2100, secondo la revisione del 2017 delle Prospettive demografiche del mondo   pubblicata dalle Nazioni Unite.

Ciò suggerisce che molti paesi farebbero bene a monitorare il modo in cui la Japan’s Society 5.0 si muove e come il Giappone stia usando le nuove tecnologie per reinventare la società.