Condividi

La startup ICON di Austin, nota per aver realizzato molti progetti di stampa 3D per abitazioni, ha appena lanciato Project Olympus, un progetto ambizioso per sviluppare sistemi di costruzione stampati in 3D per lo spazio.

Il progetto Olympus riceverà un forte supporto da un contratto SBIR (Small Business Innovation Research) che ICON ha recentemente firmato con l’aeronautica americana per espandere le capacità della sua tecnologia di stampa 3D.

L’accordo quadriennale vale 14,55 milioni di dollari, secondo l’Austin Business Journal. La NASA sta contribuendo con il 15% della somma SBIR.

Come parte del nuovo accordo SBIR, ICON collaborerà con il Marshall Space Flight Center della NASA in Alabama per testare una varietà di tecnologie di elaborazione e stampa utilizzando il suolo lunare simulato. La ricerca si baserà sulla tecnologia che ICON ha dimostrato nel 2018 durante la 3D Printed Habitat Challenge della NASA.

“Vogliamo aumentare il livello di prontezza della tecnologia e testare i sistemi per dimostrare che è fattibile sviluppare una stampante 3D su larga scala in grado di costruire infrastrutture sulla Luna o su Marte”, ha affermato Corky Clinton, direttore associato dell’ufficio scientifico e tecnologico di Marshall.

“Fin dalla fondazione di ICON, abbiamo pensato alla costruzione fuori dal pianeta Terra. È una progressione sorprendentemente naturale se ci si chiede in che modo la costruzione additiva e la stampa 3D possono creare un futuro migliore per l’umanità”, ha annunciato co-fondatore di ICON e CEO Jason Ballard. “Sono fiducioso che imparare a costruire su altri mondi fornirà anche le scoperte necessarie per risolvere le sfide abitative che dobbiamo affrontare in questo mondo”, ha detto Ballard. “Questi sforzi si rafforzano a vicenda”.