The warning from the Hill

Napolitano_Zeus.jpg

From the Hill, every so often, a warning arrives. It’s the famous “warning from the Hill”. From up there, the President of the Republic is always observing and when necessary, he “warns”.
Warning is that special attention devoted to magistrates and telephone intercepts. A warning is , usually , an appeal to reduce the noise levels, to protect the privacy of the politicians, to condemn the desire to be at the centre of attention of chattering judges. The warning is a battle in civility, an appeal for civil cohabitation. It’s like a flash of lightening from Zeus that always strikes the same trees and saves the rubbish tips.
The President, apart from warning, usually sleeps, not on his laurels, but on the honourability of Parliament. And its convicts and “prescritti”, on the obvious mafia contacts of some parties, about information that disappears. He sleeps soundly. If you mention the words D’Alema/Unipol, Berlusconi/Mondadori o Mastella/Why Not he has a slight jump. Tint tiny. Not noticeable. He takes his salts and then he gets better. With the names De Magistris and Forleo, however, he warns straight away without hesitation.
The President is elected by the parties, and does his duty, he looks after them tenderly. Hi s age ennobles him. With that age he can say what he wants. Like the grandpa at the table when the sweet arrives. Once upon a time, there was the mouth of Virna Lisi. Today there are the presidential false teeth. The President should be elected by the Italians, not by our employees. He must be no older than 50 years of age. It’s no use having a president from a nursing home offering a guarantee of the status quo for the parties. I want a young person, from civil society, not connected to the parties. Am I asking too much? We have to ask too much! We are playing for our future which these 70 and 80 year olds will never see.

business education articles new education business opportunities finance education deposit money education making art loan education deposits make education your home good income education outcome issue medicine education drugs market education money trends self education roof repairing market education online secure education skin tools wedding education jewellery newspaper education for magazine geo education places business education design Car education and Jips production education business ladies education cosmetics sector sport education and fat burn vat education insurance price fitness education program furniture education at home which education insurance firms new education devoloping technology healthy education nutrition dress education up company education income insurance education and life dream education home create education new business individual education loan form cooking education ingredients which education firms is good choosing education most efficient business comment education on goods technology education business secret education of business company education redirects credits education in business guide education for business cheap education insurance tips selling education abroad protein education diets improve education your home security education importance

Posted by Beppe Grillo at 11:49 AM in | Comments (7) | Comments in Italian (translated) Post a comment | Sign up | Send to a friend | | GrilloNews | listen_it_it.gifListen | TrackBack (0) |
View blog opinions
| | Condividi



Comments

EQUIVOCI E FINZIONI ITALIANE


Gli aspetti più rilevanti delle recenti evoluzioni sociali italiane. Evoluzioni iniziate circa 30 anni fa, divenute rapide negli ultimi anni; e che avranno un impatto negativo su: occupazione, conti pubblici e impossibilità di recuperare competitività,.... se niente si fa....

Molti tarli del DNA italiano, recentemente diffusisi, hanno un legame con alcuni grossi equivoci o finzioni sul sistema Italia, il Paese dai doppi scenari:

1° GRANDE EQUIVOCO:

- che una società nazionale possa esistere e funzionare, se per essa non sono mai stati creati pilastri solidi (ad es.obblighi e doveri per i cittadini, diritti; idem per lo stato. Un Patto Sociale chiaro). Si, é vero, ci sono delle leggi...e si para spesso di tanti diritti, senza conclusioni e realizzazione chiara (all' italiana). Ma troppe leggi o diritti sono scritti alla "pressappoco", cioé poco chiari (non é strano che la giustizia non funzioni). Altre volte le leggi sono teoriche perché sprovviste di adeguati strumenti di applicazione, chiarezza nei ruoli delle persone coinvolte; insomma casino, non struttura organizzata... (V. testi "DNA", "Favola"; "Metodi e Risultati");
- siccome una vera società italiana non è stata mai creata, allora ci sono tribù, cordate, correnti, bande, POTERI NASCOSTI. Tutti che troneggiano, combattono fra loro, perché la società nazionale é fatiscente, debole, scassata, talvolta a lungo assente. Ognun per sé. La giungla dei clans e dei loro interessi. Come potrebbe esserci una coscienza sociale, se non si fa educazione sociale ? Tutto è incerto, vago, in mancanza dei pilastri. (Una descrizione dei maggiori pilastri mancanti é nel testo "Colli di Bottiglia", v. nota)

IL 2° GRANDE EQUIVOCO

Il 2° grande equivoco é che gli uomini che operano nelle istituzioni, spesso mal formati, talvolta amici di referenti potenti, talora capaci ma messi in un angolo perché chi lavora dà fastidio a chi non lavora,...LAVORINO PER IL PAESE... ! NON E' VERO ... ! Essi lavorano per il proprio clan o per se stessi, non conoscono altri interessi da difendere..., anche perché in molte istituzioni il controllo del personale è una fatua illusione..., è sempre stato fatto all’italiana......

Essi lavorano nel clima di inefficienza e irresponsabilità totale, da decenni....Hanno sprecato, esaurito, rovinato le risorse che aveva il Paese. Siamo alla frutta; e non c' é dessert..!

GLI SPRECHI DI RISORSE PUBBLICHE CHE ABBIAMO, NON CREDO CHE ESISTANO IN NESSUN PAESE DELLA U.E. Dunque il limite 3 % per deficit/PIL, non si puo’ facilmente tenere, visto che le evoluzioni negative (che aumentano gli sprechi) non si sono arrestate.., i controlli si sono allentati, le capacità professionali dileguate, i valori sono spariti nel sociale, sostituiti dal lassismo. Non sorprende il numero di emergenze sociali, persino nel mondo calcistico. Quale settore della società é immune da corruzione ? E nel Paese non esite una strategia di lotta alla corruzione.....

3° EQUIVOCO

Pensare che, nell' epoca del mercato mondializzato (in rapida evoluzione) una società, rassegnata all' immobilismo, al lassismo, alla complicità per tradizione , per incapacità della classe dirigente pubblica che è stata scelta con criteri di selezione negativi (ci si adatta a tutto, chissene..), .......... , per l’incapacità sociale diffusa fra i cittadini, possa funzionare e veder la propria economia migliorare, é una CONTRADICTIO IN TERMINIS.

4°EQUIVOCO

Supporre che l’ accettazione della corruzione diffusa, dell’ incertezza sociale diffusa, siano compatibili collo sviluppo economico.

5° EQUIVOCO

Credere che la lottizzazione in aumento e la deriva diffusa della mentalità e comportamenti non determineranno la “frana” del sistema Italia a breve termine.

6° EQUIVOCO

Ipotizzare che la demagogia dei politici e la loro ignoranza degli interessi nazionali (e assenza di professionalità ) non abbiano conseguenze sulla loro diminuita capacità di risolvere i problemi enormi del sistema Italia e di colmare i notevoli GAPs rispetto all’ Europa.

7° EQUIVOCO

Supporre che la rarità (o assenza ?) di metodi di lavoro efficienti, di organizzazione, in ambito sociale, sia compatibile con un buon livello dell’ economia italiana.

8° EQUIVOCO

Pensare che che una società, in cui sono stati eliminati i valori dalla vita sociale, possa divenire funzionante ed efficiente. Una società dove i bastoni e le carote sono rari,
ove non ci sono criteri di selezione positivi per creare un’ élite, ma esistono criteri di selezione negativi (comparaggio) per chi prende il potere, é una società fottuta, oggi o domani.

COMMENTO 1

Il successo che acquisiscono facilmente gli emigrati, in tanti Paesi U.E., (sono spesso i più brillanti in Europa); il fatto che gli stessi avevano fatto un buco nell' acqua in Italia, induce a due commenti:
a) la stessa formazione alla vita sociale ed al lavoro ben programmato e di qualità, che molti emigrati acquisiscono in altri Paesi, potrebbe essere distribuita nel proprio Paese (emigrati aiutando); b) se il sistema Italia potesse trarre beneficio da una vita sociale del livello comune in molti Paesi U.E. (F, D, S, B, IRL), l' economia italiana riceverebbe un tale slancio nel giro di pochi anni, da essere seconda solo alla Germania (attualmente la ns creatività, ineguagliata in U.E., non serve a molto, visti i diffusi handicaps e inefficienze sociali).

COMMENTO 2

Un programma serio di europeizzazione del Paese (che é necessario, per allontanare il sottosviluppo) potrebbe portare a livello europeo non solo il funzionamento di attività sociali, ma anche i comportamenti e la forma del pensiero....Attualmente la forma del pensiero, nel sistema Italia é di livello europeo solo quando si tratta di persone che hanno una formazione scentifica. Chi é di formazione non scentifica, in Italia, ha generalmente una limitata capacità di risolvere problemi sociali, di costruire. Forma mentis distructiva....E talvolta una certa disposizione all’inghippo...Che é poi uno dei motivi per cui la società italiana oggi é capace più di distruggere che di costruire, in campo sociale.

COMMENTO 3

L' economia italiana non potrà acquisire competitività senza riportare in auge il LAVORO DI QUALITA', in troppi contesti seppellito. Cosa che non puo' succedere senza reale meritocrazia.

Conclusione

Un Paese non puo' creare occupazione, se i rapporti sociali, la gestione del personale, la modernizzazione delle strutture (talvolta fatta male per incapacità) sono spesso inefficienti. Senno', perché avremmo tanti primati negativi nella U.E. ? Fra le classifiche che ci mettono alla berlina, quella della libertà di commercio mette l’Italia al 60/mo posto !
Un cambiamento della testa dell’Italiano medio è necessario, bisognerà avvicinarsi all’Europa, se si vorrà una società funzionante, che possa creare occupazione...!

Lo Stivale è un adolescente che non è stato mai educato. Il risultato: troppi mettono la mano nella marmellata, credendo di non esser visti. In realtà l’Italiano sociale è cresciuto male, porta ancora i pantaloni corti (infatti non sa fare troppe cose). Ha bretelle di cattiva qualità, i pantaloni gli cadono giù. Ma l’Italiano vorrebbe camminare per le strade europee. Difficile......., molto difficile, è troppo immaturo.....

Colle conseguenze già visibili sulle prospettive economiche. L' immobilismo in uno scenario simile é solo colpevole. Bisogna subito affrontare il problema sociale, coll’aiuto degli espatriati ! ! !

Antonio Greco
angremi@orange.fr

P.S. I testi citati si trovano su:

http://angrema.blogspot.com
www.accademiaonline.net (testi di Antonio Greco, argomento “società”)




Posted by: Antonio Greco | November 28, 2007 06:18 PM


QUOTE
We are playing for our future which these 70 and 80 year olds will never see. UNQUOTE

Whoever translated this might be "playing" for Italy's future but I would say he/she is putting Italy's future "at risk" with such poor translation.

Posted by: Adri Mian | November 27, 2007 12:50 PM


Giacomo
You are wrong!
When the Italian president goes to China he will export the most known Italian product: Mafia.
That's what we are sadly known for.

Posted by: Giovanni Principe | November 27, 2007 03:26 AM


Dear Beppe,

I like your blog. But this time I do not agree with you. I think a President needs to be at least over sixty so that he has had broad experience of politics and can reflect...
If you think a President should be popularly elected, how would you do it? Isn't there the danger that some photogenic rich man (like Berlasconi) could start an advertising campaign and then, when in office, ruin the constitution?
I am beginning to doubt, Beppe, whether the populism in your programme is really the best way to solve the (so many) problems of Italy...
Sorry to disagree, but this is a democratic site, I thought,

Peter

Posted by: Peter Speedwell | November 26, 2007 10:36 PM


Hello there,
When the President of France goes to China, he signs about 20 Billions worth of deals for French Companies!
When Blear went to Saudi Arabia he signed 20 Billions worth of deals for English Companies!
When Merkel went to China, she sold to the Chinese 15 Billions worth of Siemens Meg-Lev!
Same for Bush, Howard and many other!
When the President of Italy goes somewhere (Never happen and never will!) he usually brings joy and mozzarelles!
Italy usually sends the Prime Minister (Whomever turn it is, it makes no difference!) he usually brings a slew of Industrialist with him hoping to sell them something, although like in Russia Italy has to invest money that doesn’t have in order to make any kind of deals.
Sorry to say it’s all about credibility these days and between President and Prime Minister Italy has none left.
After 30 years of fucking up everything in Italy this Institutions are recognized around the world as the Utmost Incompetent and Incapable hands down.
As for the President of Italy Mr. Grillo is right on, although hiding behind the Constitution and the lack of Power the Presidency has in Italy even without one I dare anyone to notice it.
The future looks bright wear dark shades.
Thanks

Posted by: Giacomo Chiametti | November 26, 2007 06:29 PM


The italian presidency cost 240 million euro / year : this means that 240,000 Italians pay their taxes only for the questionable pleasure to listen to the useless gibberish of a politician elected by politicians and who weighs less than zero in our political system.
G.Vidozzi

Posted by: Giuseppe Vidozzi | November 26, 2007 05:08 PM


Dear Mr. Grillo,
I have been living outside Italy since 1991. First in Germany and since 2002 in Australia. Both Federal countries. They have a central government for the country's issues such as defense, emergengy and so on.. but both countries have localy a local government for locally problems. I completely agree with you, people need to choose the President of the Republic as they need to decide who they want to have in charge to navigate the country. But we also need to take away some power from the central istitution.
To achieve that we need someone Brave enough, and probably dedicated to extreme sacrifice to get there and do the so need it changes. Will you be that person?
All the best and regards
Maurizio

Posted by: Maurizio Zanette | November 26, 2007 02:26 PM


Post a comment


Beppe Grillo's Blog is an open space for you to use so that we can come face to face directly. As your comment is published immediately, there's no time for filters to check it out. Thus the Blog's usefulness depends on your cooperation and it makes you the only ones responsible for the content and the resulting outcomes.

Information to be read before using Beppe Grillo's Blog

The following are not allowed:
1. messages without the email address of the sender
2. anonymous messages
3. advertising messages
4. messages containing offensive language
5. messages containing obscene language
6. messages with racist or sexist content
7. messages with content that constitutes a violation of Italian Law (incitement to commit a crime, to violence, libel etc.)

However, the owner of the Blog can delete messages at any moment and for any reason.
The owner of the Blog cannot be held responsible for any messages that may damage the rights of third parties Maximum comment length is 2,000 characters.
If you have any doubts read "How to use the blog".

Post a comment (English please!)


First name and Surname*:

Email Address*:
We remind you that anonymous messages (without real first name and surname) will be cancelled.
URL:


* Compulsory fields



Send to a friend

Send this message to *


Your Email Address *


Message (optional)


* Compulsory fields


Beppe Grillo Meetups

meetup.jpg
Groups 372 Members 76.596
Cities 281 Countries 10

Books and DVDs

grillorama

Check out the books and DVDs of Beppe Grillo (service in Italian)

Initiatives


Terra Reloaded DVD

Clean Up Parliament

Map of Power


Awards

Webby award
14th Annual Webby Awards Official Honoree Selections

Interviews


Tegenlicht - Beppe Grillo's Interview

"De toekomst van Europa volgens Beppe Grillo"

(Tegenlicht TV)

International Press Review

The New Yorker
"Beppe's Inferno"

Times
"The Comic Who Shook Italy"
(The video | Related post)

Forbes
"The Web Celeb 25"
(Related post)

BBC
"Meeting Italy's silenced satirist"

AlJazeera
People and power: "Beppe's Blog"

TIME magazine
TIME.com's First Annual Blog Index
(related post)