Condividi

Il cancelliere tedesco Schroeder in visita ad un’azienda tedesca di produzione celle fotovoltaiche

Ho letto i commenti e le osservazioni sul post relativo alla Legge del Conto Energia ed ho chiesto a un esperto, Paolo Rocco Viscontini, di dare delle spegazioni più complete.

Riporto in sintesi le domande e le risposte più comuni che potete leggere in allegato.

1. “Un modulo fotovoltaico deve lavorare decenni per restituire l’energia che è servita per produrlo”.
Falso.

2. “I moduli fotovoltaici contengono elementi molto inquinanti che creeranno problemi di smaltimento: non è vero che è una tecnologia pulita”.
Falso.

3. “Solo i ricchi possono comprarsi un sistema fotovoltaico, ancora troppo costoso”.
Falso.

4. “In merito alla nuova legge del Conto Energia, non mi tornano i conti: come può essere che l’energia prodotta dall’impianto venga pagata 0,45 €/kWh e la stessa energia permetta poi di risparmiare sui consumi e quindi sulle bollette? Se la vendiamo non possiamo utilizzarla!”.
L’energia prodotta è totalmente pagata dal distributore di energia locale, anche se utilizzata.

5. “La legge del Conto Energia ha l’obiettivo di raggiungere i 100 MWp di impianti fotovoltaici, la cui produzione energetica rappresenterà lo 0,04% circa del fabbisogno nazionale, un’inezia. Ma ne vale la pena?”.
È vero, è ancora poco, ma da qualche parte bisogna iniziare per cambiare.

Il fotovoltaico è una strada che merita di essere seguita.

Chiedo pubblicamente, attraverso il blog, se vi sono enti interessati a finanziare l’acquisto di pannelli fotovoltaici a privati o a aziende.
Le migliori proposte pervenute saranno pubblicate sul blog.

Sono convinto che tra qualche anno molte delle case e delle aziende in Italia avranno un sistema fotovoltaico.
Non sprechiamo una delle (poche) occasioni che abbiamo per cambiare in meglio.

Avviso per l’appello: Fazio Vattene.

La cifra necessaria è stata raggiunta e superata, nei prossimi giorni vi darò i dettagli.

In seguito alla richiesta di molti blogger, propongo di
utilizzare i soldi residui e i versamenti che perverrano
da ora in poi per la pubblicazione della lista dei parlamentari condannati in via definitiva.

Offerta libera sul conto corrente:

Beppe Grillo – ABI 05018 – CAB 12100 – c/c 116276 – CIN B –
BANCA POPOLARE ETICA – causale: Parlamento pulito –
SWIFT: CCRTIT2T84A – IBAN: IT35B0501812100000000116276

Condividi
Articolo precedenteSiete straordinari!
Prossimo articoloI trasformisti