China is Near

pollution_export.jpg

China and India arrived late at the CO2 banquet, but with big appetites. Up until now it has been the United States and Old Europe who have taken care of poisoning the planet. The Chinese and the Indians are right. It’s intolerable to let the pollution and destruction of the environment be considered a Western copyright. It’s a competition to see who is the strongest.
We can share in the thinking behind the arguments of Gao Guangsheng, Director of China’s Climate Change Programme:
“China uses carbon, not because it loves it, but because it’s the resource that it has available.” Gao gets cross with Australia. In fact if China could produce the same amount of CO2 per head. 20 million Australians against one thousand three hundred million Chinese people. That could get to 8,600,000,000 tons of CO2 from the 1,300,000,000 tons currently. It’s obvious. It’s a demographic problem.
Every inhabitant of the planet must have their CO2 quota from birth.
According to the International Energy Agency, China will become the leader in CO2 emissions in 2009. Beating the United States.
If it gets there. 16 of the 20 most polluting cities in the world are Chinese. 400,000 Chinese die every year from smog. A quarter of the Chinese drink polluted water.
We are devouring the world. The West is exporting pollution together with below cost production. It’s often dictating slavery. The more that China and India are producing. The more they export. The more the GDP increases and the prices go down. It is a suicide race.
Governments must change their priorities. Cancel the Ministries of the Environment. They are just an embellishment. They never count for anything. Institute Ministries of Humanity. On which all the others depend. With the power of veto.
A sick economy is accelerating its growth and our destruction. It is bartering the GDP with the planet. The polluting countries, including ours, deserve a new Nuremburg trial. The judge, who is also the executioner, already exists. It is our earth.

Posted by Beppe Grillo at 10:09 AM in | Comments (8)
Post a comment | Sign up | Send to a friend | | GrilloNews | TrackBack (0) |
View blog opinions



Comments

Hi everybody,please,if you really care about the Earth,the environment and YOUR FUTURE,sign this petition....It will be send to the EUROPEAN UNION
www.petitiononline.com/idrogeno/petition-sign.html.
Thanks!!!!

Posted by: Andrea Azzerboni | March 2, 2007 12:04 PM


Nowdays this is the reality, China, India become the major industry of Co2 and of the most products, with the others asian countries, that you can find in the market downstairs! That's the reality and is another "World Western situation" with a touch of newstyle, more peaceful, less drama. I feel like in a total world of business, smog and productions and the "3rd world of asia is gonna to be the most powerful" I lived in Thailand, travelled around and still i'm around the world, now i'm in Sydney Australia. I believe that Australasia is the best place to be now for my point of wiew that mix asia and western lifestyle. The major cities (expecially sydney) are going to be a great business for. Is very far away from Italy and Europe and anyway i'm here to see and do experience. Italy is my country and always in myself. For what i abserve i can easily understand that australia is a good opportunity for work and "carriera"!
There are job available in the mine (for the more easy work without professional skill), especially in Perth ande western australia and the salary is around 100.000 australian dollars (65.000 euro) per year, in Italy just in the dream a employee can earn!!!!!!!!

Posted by: Valerio Paoli | March 1, 2007 11:10 PM


Yes I have a comment...
I feel virtus is in the middle. As always...
We have tecnical solution but the people who should do the job is not doing it , it is like leaving the dishes dirty .
It is easy but it should get started . There is a leadership issue , a communication issue by far this is the biggest . How to touch the heart of people who is so disillusioned who is so far away from themlelves.
Have you looked carefully at the faces you meet in the streets ? (it depends where you live of course ) The Eyes are lost ...All thise strange animals walking around on their two legs in this upright position .The main problem are women : they don' t want to perform their duty any more their referral is the male vision,.....so really we are at a point where the best is in gay community... but still they are in apartheid .
Messy isn't it .....but there is a way out

Posted by: Giuliana Capo | March 1, 2007 06:52 PM


Il problema del CO2 é tecnicamente risolvibile....
nel tuo caso ha gia avuto effetti catastrofici.!!

Peace & Love

Posted by: Andrea Schiano | March 1, 2007 03:07 PM


Salve signor Grillo,
siamo dei ragazzi molisani, di Montenero di Bisaccia, che stanno lottando contro la costruzione di un porto turistico. Nella nostra lotta abbiamo adottato la sua politica delle "primarie dei cittadini" direttamente dal web.

Le primarie dei cittadini

Di’ la tua! Costa verde, quale sviluppo?

Internet e’ uno strumento di democrazia diretta. E noi cittadini abbiamo il compito di partecipare direttamente alle scelte politiche che interessano il nostro territorio.
Parliamo del nostro litorale, della Costa Verde.
Offriamo idee innovative rispetto a quelle che ci propongono i nostri amministratori.
Regaliamo al nostro paese delle proposte che portino ad un nuovo piano di sviluppo, che non ha niente a che fare con la costruzione di un porto turistico (restiamo ancorati nelle nostre convinzioni, almeno fino a quando l’amministrazione non ci provera’ il contrario, sempre se si degnera’ di darci una risposta)

Cittadini, scriveteci a questo indirizzo:
lorenzo@rifondazionemontenero.it

Le vostre idee verranno pubblicate sul blog, poi si avviera’ una discussione, infine stileremo un documento da consegnare nelle mani del sindaco.


***
All'amministrazione comunale,
Porto turistico. Un'opera utile ?! Dimostratecelo.
Essendo un'organizzazione politica giovanile da sempre orientata verso uno sviluppo del turismo eco-sostenibile, sentiamo la necessità di avere dei chiarimenti sul progetto del porto turistico che si dovrà realizzare, nel nostro paese, in località "Costa verde".
La vostra amministrazione, nella campagna elettorale per le comunali, ha ardentemente sostenuto i principi della trasparenza e del dialogo con i cittadini. E noi, da cittadini monteneresi, pretendiamo delle delucidazioni convincenti ed esaustive sull'impatto ambientale dell'opera (in particolare, sul rischio di erosione costiera) e sulla sua reale utilità.
Vorremmo sapere se verra' realizzata un’opera in grado di portare concretamente occupazione, crescita del turismo, entrate maggiori nelle casse comunali, … O se verra' edificata una struttura che avrà un beneficio marginale e che, tra l’altro, rischia anche di perdere importanza in seguito alla "corsa al porticciolo" che sta avvenendo in un numero spropositato di comuni del litorale Pescara-Trigno. Ma affrontiamo la questione soffermandoci su ogni singolo aspetto.
Punto primo, l’impatto ambientale.
Uno studio effettuato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (pubblicato il 08/06/2006) afferma che il 42% delle spiagge italiane, e il 91% delle spiagge molisane, sono soggette ad erosione. Lo stesso studio dice che "in tutte le regioni italiane l’erosione trova le sue cause principali nel deficit sedimentario dovuto alla costruzione di sbarramenti che impediscono l’afflusso al mare, nel dragaggio di sabbia e ghiaia dagli alvei fluviali, e nella costruzione di porti e strutture aggettanti che bloccano il flusso sedimentario lungo la riva". La costruzione di nuovi impianti portuali insomma è uno dei maggiori fattori di erosione costiera. Un altro documento, questa volta della Commissione Europea, definisce ‘high’ (alto) l’impatto erosivo delle infrastrutture portuali. E aggiunge che "fatta eccezione per le autorità portuali, i mutamenti geomorfologici lungo le coste non ricevono l’attenzione che meriterebbero da parte dei promotori dei progetti suscettibili di avere un impatto".
Tuttavia siamo a conoscenza di un incontro, convocato dal sindaco Giuseppe D'Ascenzo e tenutosi alla marina di Montenero, indetto per prevenire proprio il problema dell’erosione nella località 'Costa verde'.
Erano presenti operatori turistici, amministratori comunali, rappresentanti della Direzione opere idrauliche Regione Molise, la Capitaneria di porto di Termoli e l’impresa "Marina sveva".
Riprendendo un articolo del "Quotidiano del Molise", risalente a maggio 2005, possiamo leggere la "diagnosi" allora proposta:
"In tal senso [per fronteggiare l’erosione] i convenuti hanno previsto di ampliare l’arenile dalla foce del Trigno all’ingresso del porto. Un risanamento che vedrà l’uso della sabbia dragata dal bacino del porto, mentre le scogliere frangiflutti, emerse e non, saranno fatte "rifiorire", ossia riportate in condizioni tali da contrastare le onde."
Vorremmo sapere se questa proposta sarà messo in atto e se questo metodo di risanamento potrà risolvere in maniera definitiva (o quasi) il problema. Vorremmo anche delucidazioni tecniche e dettagliate sul metodo stesso, in modo da poterlo esaminare (o farlo fare ad altri) in maniera critica.
Inoltre, a parte il problema dell’erosione, possiamo essere proprio sicuri che, in una spiaggia di dimensioni abbastanza limitate, una struttura che si estende per una superficie complessiva di oltre 90.000 metri quadri (fonte: "Quotidiano del Molise", maggio 2005) sia innocua per l’ambiente? Tale struttura, al posto di migliorare, non potrebbe peggiorare la situazione turistica?
Punto secondo, i benefici.
Limitiamo l’analisi al nostro tratto di costa e a quelli adiacenti.
(Dal dossier "Porti e paradossi" dell’Associazione Porta Nuova Vasto)
"Litorale Pescara-Trigno: in circa 70 chilometri si trovano attualmente in funzione –considerando soltanto gli impianti ad uso della nautica da diporto- 4 porti maggiori, per un totale di 2431 posti barca. 2431 diviso 70 fa 34,72: circa 35 posti barca al chilometro. Una capienza molto al di sopra della media italiana, che è di 14,5 posti barca per chilometro. Ma a metà strada tra i 37 posti barca per chilometro della costa emiliano-romagnola e quelli presenti sulla costa marchigiana, che per chilometro sono 32,6. Numeri grosso modo simili; ma diversa –e quanto!- l’affluenza turistica. Nell’estate del 2004, ad esempio, la riviera emiliano-romagnola ha superato i 39 milioni di presenze; la costa marchigiana gli 11milioni e mezzo; la costa abruzzese 3milioni 351mila. [Non abbiamo cifre sull’affluenza turistica della costa molisana, ma con approssimazione quasi certa possiamo dire che essa è ben distante da quella dellariviera romagnola!E possiamo considerarla, in maniera vaga, in linea con quella abruzzese] Per dare un’idea, è una cifra eguagliata dalle presenze negli alberghi nella sola Rimini nel solo mese di Luglio dello stesso anno.
I nostri amministratori ritengono però evidentemente che i posti barca non siano abbastanza. Sono in corso i lavori di costruzione di due altri porti turistici, entrambi a ridosso della foce del Trigno: il porto turistico di S. Salvo (238 posti barca appena a Nord della foce); e quello di Montenero (400 posti barca appena a Sud), in territorio molisano [i due porti saranno posti a una distanza di circa 200 metri!]. Ultimati questi, la ricettività turistica portuale sfiorerà –nel tratto di costa dal Pescara al Trigno- i 44 posti barca per chilometro.
Ma forse non bastano ancora. I giornali hanno parlato di recente dei progetti di costruzione –promossi dalle rispettive amministrazioni comunali- di altri tre porti turistici: a Francavilla (162 posti barca), a S. Vito (500), infine a Vasto (280). Se tutti questi progetti dovessero essere realizzati arriveremo, nel solo tratto compreso tra il Pescara e il Trigno, ad una capacità ricettiva (contando solo i porti maggiori) di 4011 posti barca, con una media di oltre 57 posti barca per chilometro.
Aggiungiamo, per buona misura, i progetti per la realizzazione dei porti turistici di Rocca S. Giovanni e Casalbordino(perché loro no?): e avremo che, degli 11 comuni sulla costa dal Pescara al Trigno, 10 hanno un porto turistico già realizzato, o in costruzione, o in progettazione (fa eccezione Torino di Sangro). Se questo non è un primato, certo ci si avvicina. "
Possiamo ancora certi che lo sviluppo turistico della nostra comunità passi proprio per la realizzazione di un porto turistico?
Giovani Comunisti Montenero di Bisaccia, circolo "Peppino Impastato"
www.rifondazionemontenero.it
Lorenzo@rifondazionemontenero.it
Montenero di Bisaccia (CB)
28 febbraio 2007


Posted by: Lorenzo Di Stefano | March 1, 2007 02:31 PM


baldo, don't forget that the "Divina Provvidenza" will take care of these billions (and growing....)of mostly unwanted people and nurture them in any possible way. Long live our superstitions!

Posted by: Enrico Rossi | March 1, 2007 12:37 PM


Beppe is not catastrophic nor apocalyptic..., he is a realist with lots of common sense, unlike this Antonio Agosta who naively believes that with simple 'technical solutions' our fucked up humanity can resolve our biggest problem.

Oh no..., Antonio, do not mention overpupulation..., otherwise the Vatican and the other religious nuts may get angry...!

Posted by: baldo lucaroni | March 1, 2007 12:03 PM


Sig. Grillo, Lei é proprio catastrofico, apocalittico, drammatico. Con un atteggiamento cosi non si risolve niente di niente. Occorrono soluzioni tecniche. Il problema del CO2 é tecnicamente risolvibile. Si informi.
Antonio Agosta
Monaco di Baviera

Posted by: antonio agosta | March 1, 2007 11:36 AM


Post a comment


Beppe Grillo's Blog is an open space for you to use so that we can come face to face directly. As your comment is published immediately, there's no time for filters to check it out. Thus the Blog's usefulness depends on your cooperation and it makes you the only ones responsible for the content and the resulting outcomes.

Information to be read before using Beppe Grillo's Blog

The following are not allowed:
1. messages without the email address of the sender
2. anonymous messages
3. advertising messages
4. messages containing offensive language
5. messages containing obscene language
6. messages with racist or sexist content
7. messages with content that constitutes a violation of Italian Law (incitement to commit a crime, to violence, libel etc.)

However, the owner of the Blog can delete messages at any moment and for any reason.
The owner of the Blog cannot be held responsible for any messages that may damage the rights of third parties Maximum comment length is 2,000 characters.
If you have any doubts read "How to use the blog".

Post a comment (English please!)


First name and Surname*:

Email Address*:
We remind you that anonymous messages (without real first name and surname) will be cancelled.
URL:


* Compulsory fields



Send to a friend

Send this message to *


Your Email Address *


Message (optional)


* Compulsory fields