The Final Solution

la_soluzione_finale.jpg
photo by Conte.Max

Mastella is being investigated by De Magistris for abuse of office, illicit financing of the parties, collaborating in fraud in relation to European and national financing. As soon as he discovers it he asks for his transfer. He doesn’t succeed. De Magistris becomes the one under investigation. Someone leaks reserved information to the Catanzaro Prosecutor. De Magistris receives an envelope containing bullets. He continues all the same. Mastella threatens to send Prodi home in the Spring. The investigation is immediately removed from De Magistris. Does it finish here?
Yes. It’s the end, but the end for the Centre Left. It is dead, defunct. No party has called for the resignation of Mastella. Shame on you! In a normal country, Mastella would be at Ceppaloni harvesting the tomatoes. And Prodi is under investigation as well? He’s calm. The judge no longer exists and he, together with his mate Mastella, is in Naples to receive the Pope.

Marco Travaglio has sent me a letter about the final solution.

Dear Beppe,
Two weeks ago at Annozero, I called to mind Licio Gelli and the Plan for the rebirth of the P2 and they were up in arms. In fact, I was too optimistic at that time. By now we are beyond Gelli, beyond the P2. We are at the political-judicial coup.
For once, following the technical-judicial aspects of the decision to wrench the “Why Not” investigation on Prodi, Mastella & Co. from the investigator, that is from the prosecutor Luigi De Magistris, is useless and misleading. It’s best to get to the essence immediately, that is: the magistrate who had collected enough elements to investigate Mastella for abuse, fraud and illicit financing, that is he reckoned to have found the money, cannot bring his investigation to a conclusion, even though on the home straight. The dossier will pass to another magistrate, who will take months to study all the official documents. And if he doesn’t want to end up like De Magistris – attacked by the Right and the Left, defended by no-one, under inspection for months and months, dragged in front of the CSM, put forward for immediate transfer, and in the end have his work taken from him – he will listen to the loving advice that the government will give him and the opposition as well, for once so united: archive everything, let it be, turn to another task.
Whatever he says to himself, this is not a private matter between De Magistris and Mastella. This is the final solution after twenty years of war of politics against the Justice system. It is the crowning glory of the dream of the various people like Gelli, Craxi and Berlusconi to stop at birth the investigations into power. Gelli, Craxi and Berlusconi in their naïvety, thought that to do that it was necessary to modify the Constitution, by writing there that the career of prosecutor is separate from that of judge and that the prosecutors must obey the government.
Mastella and the ones behind him understood that it’s not necessary to change the regulations: it’s enough to change the actual conditions so that all that happens. As soon as a prosecutor opens a dossier on the friends of a Minister, he asks for him to be transferred. (The prosecutor, not the Minister). Even if the request has no foundation, it doesn’t matter: when the magistrate arrives at the crucial part, going up a level from the friends of the Minister to the Minister himself, the Minister will make out that the prosecutor is doing that because he’s angry with him. And, with the game of the three cards, he will convince some other magistrate to swap the cause with the effects and snatch the investigation from the prosecutor for “incompatibility”. It’s as though the prosecutor was angry with the Minister, and not the Minister with the prosecutor. It’s called “preventative war”, and it wasn’t even invented by Mastella. It was already expressed as a theory by Mao: “Strike one to educate a hundred.” It works.” Marco Travaglio

Read the interview to Luigi De Magistris.

Posted by Beppe Grillo at 12:55 AM in | Comments (10)
Post a comment | Sign up | Send to a friend | | GrilloNews | TrackBack (0) |
View blog opinions



Comments

siamo esseri umani e in quanto tali meritiamo di vivere in un paese dove la giustizia sia applicata in modo giusto. non ci devono essere differenze tra politica e giustizia, quanto stiamo vivendo e` fuori da ogni logica in un paese che fa parte dell`europa. uniti possiamo cambiare le cose, io ho vissuto per qualche tempo all`estero e ho visto come dovrebbe funzionare una democrazia!

Posted by: alessio bastardi | October 28, 2007 07:14 PM


siamo esseri umani e in quanto tali meritiamo di vivere in un paese dove la giustizia sia applicata in modo giusto. non ci devono essere differenze tra politica e giustizia, quanto stiamo vivendo e` fuori da ogni logica in un paese che fa parte dell`europa. uniti possiamo cambiare le cose, io ho vissuto per qualche tempo all`estero e ho visto come dovrebbe funzionare una democrazia!

Posted by: alessio bastardi | October 28, 2007 07:13 PM


I pochi magistrati e giudici italiani che continuano nonostante tutto a fare il loro lavoro hanno bisogno dell'appoggio di tutti noi, se non vogliamo ricordarli soltanto da morti.
V-DAY anche sulla la giustizia in Italia
Solidarietà a De Magistris, Forleo, Woodcock e a tutti quelli (pochi) che hanno il coraggio di sfidare
la mafia e la massoneria!
Non siete soli

Posted by: Damiano Dall'Armellina | October 28, 2007 06:08 PM


My English traslation of Acts of Parliament 26076 re Mr Dolcino Favi [Original source: http://fainotizia.radioradicale.it/2007/10/22/chi-e-dolcino-favi-parte-ii-interrogazione-radicale-del-1989 ]:

Acts of the Parliament
26076
House [Chamber] of Deputies
Tenth Legislature - Discussions - Session of 17th of January 1989
Mellini, Vesce, Rutelli and Calderisi.
To the Minister of Justice.
For their information -
Whereas:
the first commission of the Consiglio Superiore della Magistratura has recently dealt with the case of the magistrate Dolcino Favi, vice-prosecutor of the Republic based in Syracuse;
in particular, the charges against Mr Favi are that he is devoted to systematic breach of rules, specifically those protecting the individual's fundamental rights, as stated by Mr Renato Papa, Counsellor of the Consiglio Superiore della Magistratura, before the plenum of the Consiglio Superiore della Magistratura during the session held last Wednesday;
the charges against Dr Favi concern the following occurrences:
(1) the relationship with the mother-in-law of the repentant Pandolfo, whom Dr Favi used to have messages delivered to criminal organisations;
(2) Favi issued warrants for arrest of a number of Catania magistrates based on irregular wiretapping, having taken into account only those with "positive outcome" (while those which could have been used as discharging evidence had not been noted);
(3) Favi has forged a delegation of powers of the chief prosecutor of the Republic based in Messina, in order to carry out a pre-trial investigation activity, making himself a phonogram (in respect of this event, the Counsellor Papa considers as due the transmission of the acts the criminal magistrate);
4) Warrant for arrest of Abbu Abbash, which was void and which Favi had no jurisdiction for;
5) the occurrence of the arrest of the owner of a horse which shied and caused injuries to a number of people, including the magistrate Lentini. In this case, not only did Mr Favi take possession of the proceedings taking it away from the competent magistrate, did he arrest the owner of the horse, did he invent a series of criminal offences on his charge, but also when questioned by the Consiglio Superiore della Magistratura in that respect, Mr Favi invented non-existing justifications submitting forged documents; it appears that no decision to transfer Dr Favi had been taken because the facts were not resounding enough to justify such transfer;
in consideration of the fact that in the opinion of those submitting the interrogation, the submission of the present interrogation may by itself be resounding enough to prompt the counsellors of the Consiglio Superiore della Magistratura to take such disciplinary actions as may be necessary in such a serious situation –:
- what disciplinary actions have been taken by the Minister against this magistrate;
- whether [the Minister] is informed in respect of the beginning of criminal proceedings for the criminal offence of forged judiciary acts against Dr Favi whether [the Minister] considers, if it is not the case, to directly inform the Judicial Authority [ie Prosecutors] about what has come out from the work of the Consiglio Superiore della Magistratura, where the Consiglio Superiore della Magistratura had not already done so.

Posted by: Andrea Anto | October 22, 2007 08:50 PM


And now, Beppe, erase all those comments.

To all of you, this is the ENGLISH SIDE!!!!!

ARE YOU STUPID?????????

Posted by: Giovanni Principe | October 22, 2007 06:32 PM


@Antonio Greco
Lei dimentica un fatto imprescindibile tra le cause del degrado Italia e della sua capacità di governarsi decentemente: è l'interferenza di cui il paese è vittima da oltre 50 anni con servizi segreti deviati e governo ombra. Chi ha imposto Prodi alla sinistra come unica condizione per arrivare al governo e chi a suo turno ha dato il placet per Mastella a capo della giustizia in Italia?
Se l'Italia non fosse infiltrata da poteri occulti, poteri finanziari e militari, sarebbe il più bel paese in cui vivere. Purtroppo questi poteri occulti sono ancora ben presenti e vivi e manipolano tutta la nostra politica, e i nostri politici per poter diventare leader devono essere "iniziati" (vedi Veltroni e gruppo Bildberg), devono passare al vaglio di quelle potenze estere che ci vogliono penetrare per bene e inculare (fagocitare, rapinare, sfruttare). Nel frattempo i suoi figli potranno morire di fame, essendo passati dalla condizione di dignità dei loro genitori a quella di schiavi moderni. Ma fa parte del piano. Riaggiorni un po' la sua visione.

Posted by: Nicoletta Forcheri | October 22, 2007 03:14 PM


Caro beppe

Visto che i soldi su cui stava indagando de Magistris sono soldi europei, non e' possible SOLLECITARE un intervento a livello EUROPEO?
Alla fine chi ci potrebbe rimettere - se le accuse di de magistris sono fondate, e a occhio e croce direi proprio di si - e' l'unione europea e tutti i suoi contribuenti, non solo italiani, ma anche inglesi, francesi, tedeschi, spagnoli e cosi' via! La cosa piu' intelligente da fare mi sembra approfittare delle porcate su cui stava indagando de magistris e fare leva sull'OPINIONE PUBBLICA EUROPEA per CHIEDERE UN INTERVENTO EUROPEO.

Finalmente abbiamo in mano un argomento che puo' interessare altri concittadini europei - In altre parole possiamo dare volantini alla sciura Maria in Olanda, Belgio, Inghilterra - sto gia' godendo a pensare di fare incazzare gli inglesi - vivo in inghilterra - su questi temi, e vederli determinati ad aiutarci a migliorare le cose.

Propongo di andare a mnifestare a Mastrict o a Bruxells o entrambi. Bisogna ottenere un intervneto europeo per fermare le porcate che vengono perpetrare sistematicamente in italia, e non solo per la questione de magistris!!!!!!!!!

Tutti i cittadini europei dovrebbero esigere che i loro soldi vengano spesi bene!


Il cambiamento di un sistema vecchio, burocratico, basato sul clientelismo e non sul merito, incapace di evolversi e percepire i problemi reali dei cittadini puo' avvenire solo dall'esterno, visto che lo stesso sistema allontana da se le persone migliori che il cambiamento lo potrebbero attivare.

Cordiali a saluti a tutti
Simone

Posted by: simone rozzi | October 22, 2007 02:49 PM


Something similar happened here in America a few months ago. Attorney general Gonzales, a Bush loyalist, removed a few US attorneys for “poor performance” and, unlike his Italian counterpart Mastella, was forced to resign!

Posted by: nino arena | October 22, 2007 02:01 PM


UN PAESE AL BIVIO. APRIRA’ GLI OCCHI ?

(LETTERA DALL’EUROPA)

Se una società occupa un bel territorio, ma non sa gestirlo correttamente;

Se una società non si inventa l’educazione sociale; se non conosce l’organizzazione (mentale ed operativa); se non conosce metodi di costruzione del consenso e preferisce le lotte di galli..;

Se una società NAZIONALE non è stata formata, cosa che pur fu invocata dopo l’unificazione più di un secolo fa, con la frase storica “Fatta l’Italia, bisogna fare gli Italiani”;

Se una società non intuisce l’importanza del lavoro di qualità, della gestione corretta, della formazione professionale che, sola, genera i risultati sociali;

Se una società tollera il lassismo sociale, il lasciaperdere, il non impegno sociale, la non reazione;

Se una società, per incapacità o ignoranza, crea le condizioni per l’impunità del delinquere, ostacolando invece il lavoro serio, piuttosto che selezionare un’élite per le gestioni nazionali;

Se una società che abita, geograficamente, in Europa ambisce pero’ al souk ed al sottosviluppo magrebino;

Se una società, dalla schiena molle, inclinandosi a VIPs che sono nell’ombra, o non reagendo alle loro sopraffazioni, si sottomette praticamente ad essi;

Se una società, socialmente incapace, lascia diffondere la corruzione, la lottizzazione, se vede sparire il confine tra legalità e illegalità;

Se una società non sa valutare le evoluzioni sociali né l’opera di quei politici che provengono dalla “Commedia dell’Arte Politica”; se non ha interesse alle correzioni necessarie per avere gestioni corrette, efficienze e risultati sociali;

Se una società abile ed esperta in chiacchiere fatue ed emergenze reali, accetta un’oligarchia e la chiama anche democrazia........,

Allora quella società starà certamente in Italia, il ............. primo Paese latino-europeo !

Antonio Greco
L’ Espatriato
angrema@wanadoo.fr

Posted by: Antonio Greco | October 22, 2007 12:10 PM


UN PAESE INCERTO, CONFUSO, A CAVALLO DI DUE SECOLI
(IL REGNO DELL’ INCERTEZZA)

Grandi i cambiamenti del sistema Italia a cavallo di due secoli. Già dal 1990 le evoluzioni sociali, in corso almeno dal ‘ 70, si accelerarono. Evoluzioni troppo spesso negative, in pratica un degrado continuato, senza tentativi di arrestarlo.

Un problema di base: vuoi per ignoranza, vuoi per supeficialità, il criterio di scelta dei politici alle elezioni, é raramente basato su capacità professionali. Piuttosto sul valore delle... chiacchiere o sul comparaggio.

In pochi decenni, le capacità gestionali dei politici si sono degradate con continuità. In aumento gli azzecca-garbugli e in diminuzione i gestori competetenti...

Alcuni aspetti visibili del degrado appaiono diffondersi: a) l’ abbassamento della qualità delle gestioni pubbliche (diminuzione dei risultati e aumento degli sprechi); b) diminuita soddisfazione dei bisogni dei cittadini; c) aumentata accettazione dell’ illegalità da parte dei cittadini . Insieme coll’evanescenza del confine tra legalità e illegalità.......

L’eliminazione dei Valori dalla vita sociale, accelerata negli ultimi anni e incoraggiata dall’ alto, ha spinto i responsabili di enti e servizi pubblici a sentirsi sempre meno responsabili. Tanto più che alcuni di loro erano stati selezioneti per capacità diverse da quelle tecnico-professionali. Selezionati talvolta per “intuito politico”, talaltra per allacci a qualche clan di potere.

La diffusione della lottizzazione nelle istituzioni e in altri contesti gestiti da politici, ha facilitato fallimenti ed emergenze. Simultaneamente si è diffusa la tolleranza della cattiva qualità, il lassismo. La struttura portante di tali evoluzioni negative è spesso la corruzione, quel serpente che si insinua dappertutto, talora facilitato da uomini chiave delle istituzioni.

Con tante evoluzioni negative, in un Paese diverso dall’ Italia ci sarebbero iniziative di correzioni e cambiamenti. Ma in Italia non si puo’ pretendere tanto....... Infatti la tradizione, di lunga data e rimasta dall’ epoca dei poteri austriaco, francese o spagnolo, spinge ad accettare tutto, persino il peggio, dallo stato balordo. La schiena é flessibile, allora si accetta anche il rifiuto e la sopraffazione, viste come un destino, una rassegnazione.

E per vari decenni si é tirato avanti, osservando il peggio, aumentare ........, senza reagire.

Cambiamenti, quindi, molti; promossi da combriccole prive di scrupoli, impadronitisi dei palazzi del potere. Combriccole di persone poco impegnate nel lavoro, in compenso occupate nelle lotte di potere, nella protezione di interessi di clans e cordate. Commistioni di ruoli pubblici con interessi privati: chiamiamolo “affaripolitismo”.

Essendo tali combriccole bene organizzate, ben allacciate, attente alle percentuali e scambi di interessi, di favori, strane abitudini, complicità e gestioni pubbliche ad uso privato si sono diffuse. Facile, se lo stato, un po’ stupido, controlla poco...(ma lo stato é gestito da amici di manica larga). Manica larga che, insieme alla complicità facile, professionalità pubblica dubbia, ha spinto la corruzione, in giro per le istituzioni. La corruzione ha spinto la gestione di interessi nascosti, senza rischi di controlli attenti.

Le combriccole, installate in posti chiave da certe branche del potere corrotto, hanno: a)incassato prebende; b) diffuso la mentalità dell’ affaripolitismo; c) fatto girare fra gli imprenditori l’ idea che un contratto pubblico non é difficile averlo, se.........(omissis)

Ecco la sintesi di cosa sembra sia successo negli ultimi lustri. I politici hanno preso l’ iniziativa, contando gli zeri, gli imprenditori hanno mangiato la foglia......e il serpente corruzione ha continuato a girare per il Paese.

Ora, trovatemi voi un’ istituzione efficiente e ben organizzata, trovatemi un servizio statale che funzioni e sia esente da sprechi diffusi..... Forse ci sono, ma non so quali....... Alla fine, i meccanismi dello stato italiano hanno assunto un colore magrebino, non certo europeo..Ecco perché siamo il 60/mo Paese in tema di libertà economica (gennaio 2007).

Ed ora qualcuno dice (Bersani): “Bisogna riformare il capitalismo italiano”.

Io commenterei: “Anche lui, senza realismo. Come si fa a cambiare solo il capitalismo, in una società la cui cultura tollera la corruzione come aria che si respira, lo spreco come una cosa ovvia, e considera l’ efficienza una qualità scandinava (cioé lontana dal Bel Paese) ?”.

Nel mentre che i meccanismi statali si inceppavano, il livello di soglia dei comportamenti accettabili in Italia, trent’ anni fa prossimo a quello europeo, scendeva, scendeva, si abbassava. Quello europeo é all’ altezza della fronte, quello italiano, oggi, é all’ altezza delle fogne......

Ed oggi in Italia, dove tutto é tollerato, tutto puo’ essere falsificato, tramutato, distorto, negato, per cui il valore primario italiano é divenuto l’ incertezza, spesso accompagnata dal lassismo. Quella che puo’ grippare tutto nella vita sociale, che puo’ inchiodare qualsiasi processo iniziato colle buone intenzioni, che puo’ ammazzare qualsiasi progetto iniziato con sicurezza. Che puo’ ritardare qualsiasi iniziativa sociale urgente e importante...

Un elemento chiave che ha permesso quanto sopra: la Pubblica dIstruzione, per decenni, non ha insegnato il Patto Sociale (ma non ce n’é !), non ha insegnato i diritti e doveri del cittadino e dello stato, non ha insegnato gli strumenti e i valori di base che sono necessari per gestire un Paese, un’ Alitalia, un macrosistema qualsiasi. In una società ove non ci sono riferimenti, ove si sono eliminati i VALORI (quelli che sono necessari per far camminare le “pecore anarchiche”, definizione degli Italiani di Prezzolini, ndr), l’ unica direzione probabile é ... il Magreb !

Conseguenza delle mancanze della P.I.: assenza di capacità sociali, forma mentis da sottosviluppo, incapacità di valutazioni lucide, etc...

Il fattore Incertezza: spinge tanti imprenditori a non investire, tanti operatori ad esitare davanti ad un affare possibile, ma... incerto. In compenso le attività sotterranee, gestite da mafie, tendono a crescere..... Se un giorno ci accorgessimo che l’economia sommersa, gestita da loschi individui, supera l’economia ufficiale, daremmo la colpa alla globalizzazione ? O ci guarderemmo allo specchio ?

Intanto i governi decidono misure per promuovere l’ economia. Credendo che questo basti..... E se invece divenissero realisti e iniziassero la battaglia contro l’ incertezza e la corruzione? Ma ne saranno capaci, i politici ?

Le conseguenze

Viste le incertezze diffuse, gli sprechi sociali in aumento, la complicità divenuta una coperta che copre tutto, persino il delitto........, che succede ? Che non si chiede più conto degli errori, delle mancanze, delle assurdità delle persone che gestiscono le risorse nazionali (alimentate colle tasse di noi tutti). Quel personale che, essendo spesso lottizzato, ha la sicurezza dell’ impunità, l’ abitudine dell’ impegno alla carlona, l’assenza di vera professionalità.

Spârita quindi la professionalità dal contesto pubblico, hanno preso il suo posto le nuove abitudini: demagogia nei discorsi pubblici e davanti le telecamere; improvvisazioni su materie calde o emergenze (queste divenute frequenti). Il Paese non ha più strategie ne linee direttive... E come potrebbe averne, se la società é gestita dalle emergenze ?

In pratica il quadro sociale degradato degli ultimi anni, si fonda su:

- nessuna responsabilità per politici e gestori pubblici. Talora anche per i gestori privati.
- la professionalità in tanti contesti sociali non é più garantita;
- le leggi si applicano quando si puo’ (o fa comodo);
- i diritti dei cittadini stanno scritti nei sacri testi. Quanto alla loro applicazione, bisogna vedere......
- i programmi politici sono indicativi. Per i risultati, si vedrà...
- il doppio scenario é ormai la regola della Commedia dell’Arte Politica. In queste condizioni, vai a capire cosa veramente avverrà....


La frittata é fatta. E il futuro ?

Le istituzioni poco funzionanti, la difficoltà di quadrare i conti nazionali, sono difficoltà vecchie. Ma esse aumentano, da tempo.

Sarà ora di scoprire i motivi scatenanti, che sono specifici al sistema Italia ? Se si vuole affrontare il problema sociale, con strumenti adeguati a risolverlo ? ........

Quali strumenti, per risolvere ? Io direi:

a) sviscerare la realtà relativa alla degradazione di una società, la quale non ha un patto sociale e non usa ingrassare i meccanismi delle sue strutture;
b) saper andare al di là della cappa di menzogne, false verità, accuse non provate, per scoprire la realtà essenziale: Invece di una vera società, un’aggregazione confusa di cittadini in un Paese che non ha saputo né inventare delle regole semplici da gestire, né obbligare i cittadini a seguirle;
c) capire che una società sempre tollerante, senza riflessione lucida, senza rigore né giustizia, né responsabilità, senza bastoni e carote, non può funzionare......

Cosa conviene fare ? Continuare ad accettare la solita sottintesa finzione che gli Italiani di oggi sappiano gestire un Paese (in tal caso i problemi restano) ? Oppure analizzare le cause di inefficienze e incapacità (se fatto seriamente, avremmo risultati positivi) ?

Due allora le possibilità:
- se non si affronta il problema delle inefficienze sociali, il problema sociale, andremo verso il Magreb;
- se lo si affronterà, per evitare la povertà, esso non va.... affrontato all’ italiana. Perché sarebbe inutile farlo. Chiediamo aiuto agli espatriati.....


Antonio Greco
angrema@wanadoo.fr
(disponibile per presentare le cause del degrado)

P.S. Valutazioni di dettaglio sono su:

- WWW.INIZIATIVAEUROPEA.ORG ; dentro la sezione ECONOMIA le valutazioni fatte da emigrati esperti;
http://angrema.blogspot.com
www.accademiaonline.net (testi di Antonio Greco, argomento “società”)


Posted by: Antonio Greco | October 22, 2007 11:10 AM


Post a comment


Beppe Grillo's Blog is an open space for you to use so that we can come face to face directly. As your comment is published immediately, there's no time for filters to check it out. Thus the Blog's usefulness depends on your cooperation and it makes you the only ones responsible for the content and the resulting outcomes.

Information to be read before using Beppe Grillo's Blog

The following are not allowed:
1. messages without the email address of the sender
2. anonymous messages
3. advertising messages
4. messages containing offensive language
5. messages containing obscene language
6. messages with racist or sexist content
7. messages with content that constitutes a violation of Italian Law (incitement to commit a crime, to violence, libel etc.)

However, the owner of the Blog can delete messages at any moment and for any reason.
The owner of the Blog cannot be held responsible for any messages that may damage the rights of third parties Maximum comment length is 2,000 characters.
If you have any doubts read "How to use the blog".

Post a comment (English please!)


First name and Surname*:

Email Address*:
We remind you that anonymous messages (without real first name and surname) will be cancelled.
URL:


* Compulsory fields



Send to a friend

Send this message to *


Your Email Address *


Message (optional)


* Compulsory fields