Francesco Rossi

Fornovo di Taro

 30 anni
Professione: Dirigente
Titolo di studio: Laureato
Pagine personali
Video di presentazione
Curriculum Vitae:
Francesco Rossi - nato a Parma l' 11/02/1983
residente a Fornovo Taro (PR)

Mi sono laureato nel 2006 in Scienze e Tecnologie Alimentari presso l'Università degli Studi di Parma (votazione 104/110).
Ho conseguito la maturità presso il Liceo Scientifico G.Marconi di Parma (votazione 100/100).

Dal 2006 sono dipendente dell'azienda Funghi della Val Taro di Medesano (PR), con l'incarico di Responsabile del reparto di Assicurazione Qualità, mi occupo di sicurezza degli alimenti, gestione di clienti e fornitori, sviluppo di nuovi prodotti e formazione del personale.

Sono stato per per 5 anni Consigliere Comunale (giugno 2009 - febbraio 2014), ricoprendo anche la carica di Assessore alle Attività Produttive e allo Sviluppo Economico nel comune di Fornovo Taro (PR) e di Amministratore (a compenso zero) della società pubblica EN.FOR srl, creata per lo sviluppo di progetti legati alle fonti rinnovabili ed al risparmio energetico. Sono stato eletto nelle file della lista civica 'Fornovo Città Futura'.

Sono iscritto al Movimento 5 Stelle dal 2010, ho partecipato ai V-Day 2007 e 2013 e alla kermesse Woodstock 5 Stelle del 2010.

Sono socio fondatore e attivista del comitato 'Rubbiano per la Vita' (www.comitatorubbiano.it), che si occupa di informare la cittadinanza e di contrastare l'attività della ditta Laterlite, situata a Rubbiano di Solignano (Parma), che nel proprio ciclo industriale co-incenerisce 60 mila tonnellate all'anno di rifiuti speciali pericolosi con pesanti ricadute ambientali e di inquinamento. Nel 2012 sono stato diffidato dai legali di Laterlite per il contenuto di alcune email ed articoli in cui accusavo l'azienda di avere un pesante impatto ambientale e sanitario e sono stato querelato per diffamazione da ARPA Emilia Romagna (Agenzia Regionale Protezione Ambiente) per aver affermato, sempre in un articolo, che gli organismi di controllo tutelano l'azienda e non i cittadini. La mia posizione è stata in seguito archiviata.

Insieme agli altri comitati a tutela dell'ambiente presenti in provincia di Parma ho contribuito alla creazione di Rete Ambiente Parma (www.reteambienteparma.org).
Dichiarazione di intenti:

Siamo in Guerra. Siamo in guerra contro un sistema politico ed economico che ha fallito e che ha prodotto disuguaglianza sociale e devastazione ambientale. Il Movimento 5 Stelle, in Europa come in Italia, ha il compito di riportare il potere al popolo, di opporsi alle oligarchie e alle lobby dominanti, unicamente interessate al profitto ed alla sopraffazione. La rivoluzione dei cittadini, pacifica, che parte dal basso. Un passaggio culturale straordinario, all’interno di un modello di globalizzazione ultraliberista che ha portato l’omologazione culturale ed il consumismo esasperato ad essere i valori sociali fondanti. Vogliamo un’Europa dei popoli, delle identità, delle peculiarità che in passato hanno fatto di queste terre la culla della civiltà. Vogliamo un' Europa egualitaria, in cui nessuno deve rimanere indietro ed in cui non sia possibile che il 3% delle persone detenga l'80% delle ricchezze. Vogliamo un’Europa che difenda l’Ambiente, che pianifichi lo spegnimento degli inceneritori e delle centrali nucleari. Dobbiamo ridiscutere le regole economiche, i trattati fiscali e la sovranità monetaria. Ma non solo, dobbiamo portare le nostre 5 stelle a Bruxelles per una svolta vera, un cambio di paradigma. Tutela dei beni comuni (acqua,istruzione, sanità), stop alle grandi opere inutili, sostegno ai produttori locali in un ottica di recupero della sovranità alimentare e agli interventi di riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare pubblico e privato, definizione di una politica estera comune che cancelli definitivamente la guerra preventiva americana, a cui i nostri governanti si accodano puntualmente. Andiamo ad opporci ad un sistema tecnocratico e bancario che non ha nessun interesse per il cittadino, ma che tutela solo ed esclusivamente le corporazioni economiche, gli istituti di credito, le multinazionali. Dobbiamo bloccare questa vergognosa operazione di trasferimento della ricchezza dalle persone ai fondi di investimento, la Grecia è un chiaro e spaventoso esempio di ciò che questo sistema può produrre. Il Movimento 5 Stelle in Europa, in antitesi ai partiti tradizionali, allineati al modello dominante. Intransigenza e compattezza, saremo i paladini della Nuova Europa, oltre le ideologie, oltre le logiche finanziarie, per le persone. A riveder le stelle…