Marco Di Gennaro

Massa

 27 anni
Professione: Studente
Titolo di studio: Perito industriale capotecnico in Informatica
Pagine personali
Video di presentazione
Curriculum Vitae:

video di presentazione: qui


Precario della Scuola. Perito Informatico

Studente in Tecniche di Radiologia Medica per Immagini e Radioterapia, Facoltà di Medicina e Chirurgia - Pisa. 

Lingue: Inglese (Ottimo)

Dal 2007 (in forma di volontariato):

Gruppo M5S Massa-Montignoso: attivista e candidato elez. comunali (Massa '08 e Montignoso '11). Designato Assessore all'Ambiente, Territorio e Beni Comuni in caso di vittoria nelle elez. comunali (Massa '13).
Candidato Portavoce M5S alla Camera dei Deputati nel 2013.

Rete Nazionale Rifiuti Zero: attivista nel coord. “Ato Costa” e formatore accreditato del Centro ricerca rifiuti zero di Capannori.
Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua Bene Comune: dal 2011 membro del coord. nazionale e del coord. toscano; portavoce area Ato1 Toscana nord.
Referendum 2011referente organizzativo comitato referendario “2 Sì per l'Acqua Bene Comune” di Massa Carrara e delegato del comitato promotore nazionale.
Leggi nazionali di iniziativa popolare: partecipazione, con invio osservazioni, alla stesura di “Quorum Zero e più Democrazia” e di “Rifiuti Zero”;
Discarica 'Ex Cava Fornace', Montignoso: membro commissione di controllo per il Comitato contro la riclassificazione; partecipazione attiva in VIA e in Inchiesta Pubblica; supporto stesura ricorsi nanti TAR e Consiglio di Stato.
Collaborazione volontaria coi portavoce 5 Stelle nei Consigli Comunali e in Parlamento, nella stesura di atti di indirizzo e di atti e attività di sindacato ispettivo.

No al Traforo della Tambura: co-coordinatore gruppo. 
Salviamo le Alpi Apuane: attivista.
Rete 
Tutta un'altra città: attivista sin dalla sua costituzione.


Meetings internazionali

Forum Sociale Europeo (Firenze10+10); 

Rifiuti Zero: ZWFlorenceAlterMeetingInternational Meeting Capannori;

Seminari:

Dalla delega all'attivismo civile, dalla rappresentanza alla partecipazione, processi partecipativi e progetti di partecipazione con A. Mengozzi – 29/30.11.2008, Lucca;
Ripubblicizzazione del Servizio idrico integrato, con M. Gaddi e M. Montalto - 22.1.2012, Roma; con G. Citroni - 07.08.2011, Fosdinovo.
Transition Training: nozioni, strumenti e pratica per l'avvio di un gruppo guida per un'iniziativa di Transizione con C. Bottone ed E. Bermann (Transition Italia) – 27/28.02.2010, Lucca.
Costruire un Distretto di economia solidale. Modelli, esperienze, aspetti critici e prospettive di sviluppo con D. Lucchetti (FAIR) – 24.01.2012, Massa.
Metaprogettazione con F. Colombo (A77) – 17.02.2012, Massa. 

Interessi: Altraeconomia, Altermondismo, Ecologia, Giustizia Economica e Sociale, Sostenibilità, Decrescita, Democrazia, Partecipazione, Sovranità, Diritti e Beni Comuni, Permacultura, SCEC e Moneta alternativa, Software Libero, Alpi Apuane, Diritto Amministrativo, Pubblico e Ambientale, Class-Action, Musica, Natura, Spiritualità, Medicina Naturale, Agricoltura Sinergica, Cooperazione, Protezione Civile, Arti e Cultura.

Dichiarazione di intenti:

Premessa: piena condivisione e riconoscimento nei "7 punti per l'Europa" del M5S.

Obiettivi:

Contrasto allo smembramento dello Stato italiano: sovranità, servizi e diritti.

La mia azione istituzionale mira anche all'affermazione di un modello di sviluppo alternativo all'attuale, basato sulla giustizia sociale e ambientale, sulle risorse e sui bisogni, contro neoliberismo, autoritarismo, austerità, debitocrazia; 

Strumenti:

Aggregazione un fronte parlamentare, anche internazionale, per contrastare lo strapotere della Troika, valutando anche uscite o specifiche disobbedienze a Trattati internazionali che impoveriscono i cittadini e pregiudicano il futuro delle presenti e future generazioni -in Italia e in Europa-; 

Alcune condivisibilissime piattaforme di convergenza programmatica internazionale sono emerse al Decennale del primo Social Forum a Firenze

Promozione e sostegno alle seguenti iniziative

Costituzione

- eliminazione del pareggio di bilancio; 
- riconoscimento del Popolo Sovrano come 'quarto potere', nel bilanciamento dei 3 poteri dello Stato;
- costituzionalizzazione del principio della non remunerabilità dei servizi essenziali, sia derivanti da 'domanda rigida' che da monopoli naturali: uno Stato non può permettere che si speculi su bisogni primari;

  1. Beni Comuni: riconoscimento e tutela legislativa dei Beni Comuni naturali e sociali; scudo parlamentare per tutelare diritti, ecosistema, collettività, sovranità e futuro;

  2. Diritti civili: estensione ed innovazione, siano individuali o collettivi;

  3. Leggi Popolari Nazionali: sostegno parlamentare alle condivisibili iniziative, in particolare “Quorum Zero e Più Democrazia” -importantissima per gli strumenti nazionali di partecipazione che introduce-, “Acqua Bene Comune”, “Rifiuti Zero”;

  4. Energia: stimolare politiche nazionali di Transizione e indipendenza energetica;

  5. Giustizia: allungamento della prescrizione; innovazione dei reati ambientali; introduzione della class-action risarcitoria con danno punitivo;

  6. Nuovi indicatori, alternativi al PIL, di sviluppo, prosperità, benessere nella società; di misura dell'impronta ecologica, di contabilità energetica ed emissiva, del ciclo di vita dei prodotti;

  7. Lavoro: politiche per la riconversione ecologica e la rilocalizzazione della sfera produttiva;

  8. Ambiente: potenziamento del cd Codice dell'Ambiente; depotenziamento delle semplificazioni sulle grandi opere; contrasto all'inserimento del Traforo della Tambura fra le grandi opere;

  9. Finanza Pubblica: ripubblicizzazione della Cassa Depositi e Prestiti e vincolo pubblicistico di attività;



Attitudini e Metodologia di azione:

Cooperazione locale: pieno supporto parlamentare a comitati, movimenti e società civile organizzata per quanto di competenza su vertenze locali o sistemiche;

Condotta: trasparenza e rendicontazione; condivisione e confronto;

Approccio Formativo: trasferimento, tramite l'uso di strumenti cooperativi (es su base wiki), di quanto appreso, sulla base delle esperienze fatte e conoscenze acquisite dal Gruppo parlamentare. Per far conoscere e rivalutare l'importanza della figura parlamentare e per agevolare l'azione dei prossimi cittadini parlamentari.

Attivismo: non rinuncerò, in caso di elezione, all'attività nei comitati e nei movimenti coi quali collaboro;

Attitudine a: Pianificazione strategica e tattica; Lavoro per obiettivi; Lavoro in equipe; Capacità organizzativa, di analisi, di gestione e di gestione delle relazioni interpersonali; Ricerche e indagini; Facilitazione e mediazione; Metodo del Consenso;

Con riferimento alle regole già pubblicate per le candidature, preciso di voler destinare la mia diaria a un fondo sociale che sarà scelto dal portavoce degli eletti al Parlamento europeo.