Salvatore Cina'

Bivona

 43 anni
Professione: Insegnante
Pagine personali
Video di presentazione
Curriculum Vitae:

Sono nato a Bivona ( AG) il 18/11/1969.

Negli anni accademici 1990/91 e 1991/92 sono stato eletto tra i rappresentanti degli studenti dell'ISEF di Palermo.

Sono abilitato all'insegnamento per la scuola dell'infanzia, primaria, media e secondaria superiore e della lingua Francese nella scuola primaria presso il Provveditorato agli studi di Palermo.

Ho conseguito la Patente Europea di Informatica (ECDL) European Computer Driving Licence).

Ho frequentato il corso di Inglese per le tecnologie informatiche.

Dal 2006 al 2009 sono stato docente a contratto presso il corso di laurea triennale in Scienze delle Attività Motorie e Sportive presso la Facoltà di Scienze Motorie dell?università degli Studi di Palermo.

Sono un attivista fin dalla nascita del M5S.

Nel gennaio 2010 ho creato il profilo facebook Movimento Cinque Stelle Provincia di Agrigento.

Nell'agosto 2013 ho lanciato il meetup “BiVona (AG).

Ho organizzato banchetti informativi del M5S nei comuni di Bivona, Santo Stefano Quisquina, Alessandria della Rocca e Cianciana.

Dal marzo ad aprile 2013 ho collaborato con la senatrice Nunzia Catalfo presso il Senato della Repubblica.






Dichiarazione di intenti:

La decisione di candidarmi alle Elezioni Europee è per me un impegno politico e umano fondamentale.

Significa dare il mio fattivo contributo alla costruzione di una Europa migliore, nell'interesse di tutti noi. Una Europa che sia dei Diritti e dei Popoli e non delle Merci e delle Banche, come purtroppo ad oggi essa ancora è.

Qualora fossi eletto parlamentare Europeo, mi dedicherei a migliorare il collegamento tra il territorio del mio Paese e della mia Regione e le istituzioni Europee, le potenzialità che da esse possono sprigionarsi e le occasioni che offrono.

In concreto, penso che sarebbe utilissimo creare dei centri di controllo e monitoraggio per diffondere una informazione capillare sulle caratteristiche e la distribuzione dei fondi Europei e, per questa via, aiutare la fase di avvio (cioè il famoso start up) delle nuove imprese sopratutto nelle zone interne del meridione d'Italia.

Oggi infatti, è tristemente noto che una delle cause più diffuse del mancato utilizzo di buona parte dei fondi è una evidente carenza informativa e di supporto agli imprenditori, che conduce anche ad una mancanza di Trasparenza nella assegnazione dei fondi provenienti da Bruxelles, che si ripercuote a sua volta, sulla crescita economica e l'Efficienza della Spesa in generale.

Sempre in questa ottica, più specificamente, ritengo indispensabile creare una Rete per diffondere la capillare conoscenza delle località dell'Italia Meridionale agli altri cittadini dell'Unione, creando una sorta di “progetto Erasmus” dell'agricoltura dell'Artigianato e del Turismo.

Per essere concreti, si tratta di favorire la circolazione di Conoscenze e persone in questi particolari settori, proprio come accade nelle Università.

Questa iterazione dovrà utilizzare al massimo le nuove tecnologie ed in particolare le potenzialità offerte dalla rete che consente di vedere, informarsi, prenotare, parlare......Si tratterà poi di rendere vivo questo rapporto con la presenza reale dei protagonisti dell'Unione Europea......i suoi cittadini.

Come si vede, una attività di questo tipo, è in grado di creare un circuito virtuoso in campo economico e, favorisce inoltre l'unico vero processo che potrà assicurare una Europa veramente unità, coesa e armonica, cioè l'unità delle persone tra loro e la condivisione di obiettivi comuni.

Per raggiungere questo ambiziosa finalità sarà anche necessario concepire strumenti nuovi ed efficienti e dunque bisognerà analizzare e migliorare l'attuale normativa EUROPEA.