Condividi

di Andrew Yang – Non esagero nel dire che oggi gli Stati Uniti d’America e tutto il mondo intero si trovano di fronte a scelte che segneranno la prosperità o il declino delle nostre vite.

I miei genitori sono immigrati in questo paese negli anni ’60. Io sono nato in una città vicino New York, mio padre ha lavorato per IBM e mia madre è un artista, mio fratello è un professore di psicologia. Io ho seguito un’altra strada, sono diventato imprenditore e CEO, ho costruito una società di formazione che è stata venduta ad una società pubblica nel 2009.

In questi anni ho potuto guardare in faccia i grandi problemi che affliggono il nostro paese. Il problema maggiore è il grande spreco di energia e talento. Tantissime persone si stanno dirigendo dove ci sono più opportunità e così si stanno svuotando interi stati, mi riferisco per esempio all’Iowa.

Ma una delle domande più importanti del nostro tempo è: perché Donald Trump ha vinto in Iowa di quasi 10 punti nel 2016? Perché ha vinto in Michigan? Perché in Ohio, Pennsylvania e Missouri? Come ha fatto a vincere in Wisconsin? Penso che la risposta sia nei numeri. Così ho scavato dentro e la correlazione più diretta che ho trovato era che più posti di lavoro sono stati persi e più voti sono andati a Trump.

Qual è il motivo? L’automazione. Dal 2016 ad oggi abbiamo automatizzato più di 4 milioni di posti di lavoro solo in Michigan, Ohio, Pennsylvania, Missouri, Wisconsin e in Iowa. Non era mai successo prima.

Ma altre brutte notizie.

Ero in Silicon Valley il mese scorso e quello che ho visto è stato incredibile. Ci sono persone, ingegneri e scienziati che stanno lavorando per risolvere i problemi di oggi. Quei problemi che ci affliggono ogni giorno. Di salute, di business e molto altro. Ma le loro soluzioni da una parte miglioreranno la nostra vita e dall’altra stanno andando a rendere il lavoro umano, il vostro lavoro, il nostro lavoro sempre meno centrale per l’economia. Ogni lavoro sta diventando sempre più obsoleto.

Prendiamo lo stato dell’Iowa. Ha perso 12.000 posti di lavoro nel settore al dettaglio dal 2001. La metà dei negozi sta chiudendo nei quartieri o è già chiusa, tre dei diciassette centri commerciali sono in pericolo di chiusura e ci sono 30,000 camionisti che presto perderanno il loro lavoro. Il camionista è il lavoro più comune in 29 stati su 51.

I miei amici della Silicon Valley stanno lavorando su camion che si guidano da soli. Mi dicono che questi camion inizieranno dalle autostrade e in cinque o dieci anni saranno ovunque.

Quindi la domanda è cosa sta per accadere agli autisti?

Ma ci sono migliaia di operatori di call center in Iowa. Google ha recentemente dimostrato che un software può fare il lavoro di un operatore di call center. Questi cambiamenti sono reali, sono qui, l’intelligenza artificiale è reale, i veicoli autonomi sono reali. Questa è la più grande transizione economica e tecnologica nella storia dell’umanità.

Il nostro governo è rimasto a guardare, ma ora o affrontiamo questo cambiamento o rischiamo di diventare obsoleti, come un software.

Dobbiamo educare e riqualificare gli americani per i lavori del futuro. Non c’è altra soluzione. Ma guardiamo sempre ai numeri. Sono andato a vedere cosa succede a chi perde lavoro. Ho preso il settore manifatturiero, uno dei più a rischio automazione.

Così ho visto che solo il 10% dei lavoratori manifatturieri si riqualificato subito. Perché? Perché erano lavoratori qualificati. Ho visto che quasi la metà dei lavoratori manifatturieri che hanno perso il lavoro ha lasciato la forza lavoro e non ha più lavorato. Ho visto che quasi 1/4 dei lavoratori non ha mai più lavorato. Questi sono i numeri.

Per risolverlo dobbiamo cambiare fondamentalmente il modo in cui percepiamo il lavoro e il valore nella nostra società. Non ci sono soluzioni miracolose, ma dobbiamo tentare di impedire che le persone escano dal mondo del lavoro per sempre.

La mia idea è davvero semplice: ogni adulto americano riceverà 1.000 dollari.

Sono gratis, lì per voi. 1000 dollari ogni mese, per pagare le bollette, investire nelle vostra istruzione, avviare nuove imprese e fare ciò che si vuole. A situazioni straordinarie servono soluzioni straordinarie. Si chiama “Reddito Base Incondizionato”.

L’America ha quasi 18 milioni di disoccupati, nel 2020, se il trend continuerà così, saranno quasi 40 milioni. Vi rendete conto. Il 59% degli americani non sa come pagare una spesa improvvisa di 500 dollari. Il 31% di stati centrali come l’Iowa o il Michigan ha lavoratori che lavorano a tempo pieno e non riescono far quadrare i conti. E come vedete peggiorerà.

Anche se sembra impossibile voglio dirvi una cosa. Una legge così gli Stati Uniti d’America l’hanno già attuata…e ha funzionato. Si, il Reddito Base Incondizionato ha funzionato. Se vi dicono che la gente rimarebbe a casa a non fare nulla, a ubriacarsi e non lavorerebbe più, si sbaglia. Lo dicono per paura.

Nel 1971, sotto Richard Nixon, è stato varato un piano firmato da un migliaio di economisti, un piano che è stato in vigore per 36 anni. Un piano che ha creato migliaia di posti di lavoro, ha contribuito a migliorare la sanità, lo stato di salute dei bambini, ha abbassato la disuguaglianza di reddito, ha permesso a migliaia di cittadini di aprirsi una attività, studiare e farsi una vacanza.

Dove è successo? In Alaska. Usano i soldi del petrolio, è la loro automazione.

Ora questo è un piano molto molto grande, ma è qualcosa che possiamo realizzare, perché abbiamo bisogno di costruire un’economia che mette effettivamente gli obiettivi umani e valori davanti a tutto. Dobbiamo cambiare il modo in cui misuriamo il progresso nella nostra economia.

Il PIL è qualcosa che abbiamo inventato meno di cento anni fa durante la Grande Depressione e anche l’inventore ha detto che questa è una misura terribile per stimare il benessere. E cosa facciamo noi, cominciamo ad usarlo come misura per il benessere nazionale?

Dobbiamo passare a nuove misure per il progresso economico, dobbiamo stimare le cose che contano per noi, come i tassi di salute dell’infanzia, la salute mentale e la libertà da sostanze inquinanti, qualità ambientale, qualità dell’assistenza, livello di disoccupazione, ma anche qualità del lavoro e qualità del tempo libero.

Ci servono grandi idee per farci superare il più grande cambiamento economico nella storia dell’umanità. Viviamo ancora in una democrazia, le persone contano più del denaro, i nostri valori sono più potenti di qualsiasi lobbista.

Qualcuno potrebbe dire: da dove prendi tutti questi soldi. Bene, la risposta è semplice. Quando una azienda mette una macchina al posto di 10 lavoratori ha un guadagno enorme. La macchina non prende stipendi, non dorme, non mangia e non si lamenta, lavora 24 ore al giorno, tutti i giorni dell’anno e soprattutto non è tassato il suo lavoro. Mi chiedo come mai è tassato il lavoro degli uomini e non quelli delle macchine. Forse prima andava bene, ma ora ci troviamo in una situazione particolare. Instagram quando è stato acquistato per 1 miliardo di dollari, ci lavoravano 13 persone.

Questo è un momento in cui dobbiamo decidere che mondo vogliamo per i prossimi 50 anni.