Condividi


Rigor Montis su Facebook mette in guardia la rete: “Un conto è fare delle proposte, un altro è insultare. Ricordiamo, laddove ce ne fosse bisogno, che le offese in questo social network come in qualsiasi luogo pubblico sono passibili di condanna penale.“. I suoi “fan” gli rispondono così.