Condividi

“Il tempo passa e l’euro continua a mietere le sue vittime. Tra austerità per correggere gli squilibri creati dalla moneta unica, distruzione della ricchezza nazionale, del tessuto industriale e dello stato sociale, l’imperativo delle élite europee è prendere tempo, fino a che i debiti in gran parte illegittimi scaricati sul Sud Europa saranno pagati in tutto e per tutto col sangue dei contribuenti. Ultima e principale mossa per salvare l’euro da se stesso è il Quantitative Easing di Draghi, che iniettando liquidità nei bilanci bancari sosterrà i titoli di stato e abbasserà gli interessi prolungando così l’agonia dell’eurozona. La magrissima ripresa del Pil di alcuni Paesi (Italia esclusa, fino a prova contraria) è dovuta alla svalutazione dell’euro favorita anche dall’annuncio del QE. Non può durare. Intanto però l’euro si garantisce qualche mese in più di vita e il M5S non può stare con le mani in mano. La raccolta firme per arrivare al referendum è un passaggio di partecipazione obbligato, prima di andare a governare e riprenderci in mano il nostro futuro.” M5S Parlamento
___________________________________________________________________________

FIRMA PER IL REFERENDUM SULL’EURO

Cerca il banchetto più vicino a te per firmare per la legge di iniziativa popolare che consentirà di indire il referendum per decidere sul futuro dell’euro. Clicca sulla mappa:

Il tuo contributo per consentire ai cittadini di scegliere attraverso un referendum se uscire o meno dall’euro è importante:
organizza il tuo banchetto e segnalalo su questa mappa (in continuo aggiornamento)
scarica, stampa e diffondi i volantini informativi (1. Motivi per uscire dall’euro 2. Domande Frequenti sull’euro)
– fai conoscere a tutti i tuoi contatti questo nuovo sito sul referendum http://www.beppegrillo.it/fuoridalleuro