Condividi


“Er Senatore
Che meraviglia sei diventato senatore
È mo’ te senti er più gran signore
Lasci interviste e fai er politico sapiente
Pe me è pe’ troppi ancora sei poco più de gnente
Te guardo incredula seduto proprio accanto
E penso che non sai quale gran rimpianto
De quelli che vicino me stavano ai banchetti
È senza dubbio alcuno capivano i concetti
So poche cose giuro semplici e banali
Ma te le voi stravolge e rende particolari
Proponi accordi strani e vedi prospettive
Mentre io guardo ste merde e genero invettive
So io quella sbagliata che ha perso er movimento?
O te come bandiera ora giri insieme al vento
È invece de grida’ annate TUTTI A CASA
Te inventi le cazzate ma questa è n’antra cosa
Lontano da quei sogni che qui c’hanno portato
Prevedono concetti che ormai te sei scordato
Ma sai quanto me frega a me de sta poltrona
Se quando me guardo in faccia vedo n’antra persona
Ma quanti sete 5, 7, 20…
Perché nun ve ne andate felici e contenti
Lasciate che sto sogno che in tanti ancor vediamo
Possa spiccare er volo .. E voi state lontano”
Paola Taverna, M5S Senato