Condividi

Equitalia ha dichiarato guerra alla Sardegna. Agenti con elicotteri a copertura, come in un conflitto, sfrattano famiglie di contadini dalle loro case. Ieri, davanti al Palazzo della Regione Sardegna a Cagliari, Bettina Pitzurra, Claudia Aru, Franca Cabras, Rosalba Sairu, Libera Mossa e Maria Luisa Rubiu, hanno dato inizio a un digiuno ad oltranza in segno di protesta sotto il palazzo della Regione a Cagliari. Chiedono che venga applicato l’articolo 51 dello Statuto speciale della Sardegna che consente alla giunta regionale di chiedere al Governo la sospensione di norme in materia economica dannose all’Isola. Equitalia sta pignorando il popolo sardo. Le donne pretendono l’azzeramento del debito della Sardegna di Equitalia di 4 miliardi di euro scontandoli dai 10 miliardi di euro di crediti vantati nei confronti dello Stato.

Condividi
Articolo precedenteI multiversi
Prossimo articoloTanto non se ne andrà