Condividi

L’Europa diventerà il primo continente climaticamente neutro entro il 2050 – questo obiettivo del “Green Deal” è stato annunciato dall’UE alla fine del 2019. Le emissioni di carbonio saranno ridotte, mentre la selvicoltura, l’agricoltura, i trasporti sostenibili, il riciclaggio e le energie rinnovabili devono essere sostenute. Su Nature, gli scienziati del KIT Climate and Environment Center dimostrano in uno studio che il “Green Deal” potrebbe essere un cattivo affare per il pianeta, poiché l’UE esternalizzerà i danni ambientali causati dalle elevate importazioni di prodotti agricoli. I ricercatori raccomandano azioni per promuovere la sostenibilità globale.

Il “Green Deal” adottato dalla Commissione Europea intende cambiare significativamente l’agricoltura europea nei prossimi anni. Entro il 2030, circa un quarto di tutte le superfici agricole sarà coltivato in modo biologico. L’uso di fertilizzanti e pesticidi deve essere ridotto rispettivamente del 20 e del 50 percento. Inoltre, l’UE prevede di piantare 3 miliardi di alberi, ripristinare 25.000 km di fiumi e invertire la diminuzione delle popolazioni di impollinatori, come api o vespe. “Queste misure sono importanti e ragionevoli”, afferma Richard Fuchs del KIT Climate and Environment Center. “Ma sarà anche necessario specificare gli obiettivi del commercio estero.

Secondo lo studio, l’Unione europea importa ogni anno milioni di tonnellate di prodotti agricoli. Nel 2019 un quinto dei raccolti è stato importato dall’estero, così come molte carni e latticini. Tuttavia, le importazioni provengono da paesi le cui legislazioni ambientali sono molto meno rigorose di quelle europee. Ad esempio, gli organismi geneticamente modificati sono stati soggetti a forti limitazioni nell’agricoltura dell’UE dal 1999. Tuttavia, l’Europa importa semi di soia e mais geneticamente modificati da Brasile, Argentina, USA e Canada.

“In media, i partner commerciali dell’Europa usano più del doppio dei fertilizzanti di noi. Anche l’uso di pesticidi è aumentato nella maggior parte di questi paesi”, afferma Fuchs. Il problema, secondo lui, è che ogni nazione definisce la sostenibilità in modo diverso. Le cose proibite in Europa potrebbero essere consentite altrove. “Importando merci da questi paesi, l’UE si limita a esternalizzare i danni ambientali ad altre regioni e guadagna gli allori per la sua politica verde in patria”, sottolinea il ricercatore.

Gli scienziati del KIT raccomandano di armonizzare urgentemente gli standard di sostenibilità, di ridurre fortemente l’uso di fertilizzanti e pesticidi ed evitare la deforestazione. “L’UE non può imporre i suoi standard in altri paesi, ma può richiedere che le merci che entrano nel mercato europeo soddisfino i requisiti dell’UE”, afferma Richard Fuchs.

Il ricercatore sottolinea che l’impronta di CO2 dell’Europa deve essere valutata in tutto il mondo e successivamente migliorata. Il bilanciamento del carbonio secondo l’accordo di Parigi copre solo le emissioni causate dalla produzione interna, ma non le emissioni dovute alla produzione di questi beni all’estero.

Inoltre, gli scienziati promuovono la riduzione del consumo di carne e latticini. Ciò ridurrebbe l’importazione di prodotti agricoli. La produzione nazionale secondo standard adeguati dovrebbe essere rafforzata. A tal fine, le aree con una bassa diversità di specie o non utilizzate finora per l’agricoltura potrebbero essere convertite. Ciò ridurrebbe la deforestazione nei tropici, che è principalmente causata dalla creazione di nuove aree agricole. I raccolti potrebbero essere aumentati dalla tecnologia di editing genetico CRISPR, afferma il team. Questa tecnologia migliora la massa commestibile, l’altezza e la resistenza ai parassiti delle piante senza utilizzare geni di un’altra specie.

“Non tutte le misure sono facili da attuare. La riorganizzazione della produzione agricola, tuttavia, contribuirebbe a proteggere le colture alimentari europee dalle fluttuazioni del mercato globale, dai disturbi della catena di approvvigionamento e da alcuni impatti dei cambiamenti climatici”, afferma Fuchs. “Solo allora il “Green Deal” sarà un buon affare non solo per l’Europa ma anche per il nostro intero pianeta”.