Condividi
Grillo168 – Energia e Mafia Democratica
(5:13)

Podcast Audio: podcast.gif rss-podcast.gif
Podcast Video: podcast.gif rss-podcast.gif

Amici! Grazie e buon 168! Sono venuto in questa isoletta che si chiama Pantelleria: una roba che io pensavo nemmeno esistesse nella mente morbosa di un Creatore pazzo, perché è un’isola strana che non sai capire se è bella o brutta. Piena di vip nascosti, piena di questi dammusi dentro questa roccia lavica. L’impressione è che ci sia stata una eruzione lavica 24 ore prima e che abbiano già rimesso a posto tutto!
La sensazione che ho io di questa isola è quella della necessità di muoversi con molta cautela perché tutto ciò che incontri è irto e pieno di insidie. Per arrivare al mare devi avere degli scarponi militari anfibi con le suole di acciaio. Arrivi giù, ti togli gli scarponi poi, col black&decker pianifichi un po’ uno scoglio e ti cali in acqua. Combatti un po’ con le meduse, poi torni di nuovo su e col black&decker ti fai strada fino a casa tua. Però è straordinaria. Ho fatto un bagno adesso – vedete i capelli, mi si sono ridotti così perché ci si modifica anche geneticamente – nello Specchio di Venere. È un lago di un chilometro dentro la bocca di un vulcano dove si fa il bagno, ma è fantastico. Dentro questa fanghiglia che la gente si mette addosso, fa il giro e poi si risciacqua, sembra che faccia bene alla pelle, ma io non ho visto nessuno di normale lì.
C’è sempre vento, da una parte o dall’altra dell’isola: Scirocco o Maestrale. C’è sempre Sole. C’è un clima straordinario. Potresti fare energia qui e venderla in tutta Europa e invece cosa hanno pensato i gestori, i politici e gli industriali di questa piccola isola? Di fare dei generatori che vanno a merda! Merda concentrata, a nafta. La nafta più marcia che c’è la portano con delle navi qui e danno corrente all’isola. Io vorrei farvi vedere la centrale, sembra l’Inghilterra dell’ottocento di Dickens: fumi, tumori. Io non so se qui han fatto delle analisi. Mi voglio rivolgere alla Mafia Democratica. Ora, io capisco che le risorse, l’ambiente, la nafta, l’acqua che portate con delle cisterne e con le navi e che scaricate con dei tubetti da giardinaggio per star lì settimane a scaricare è un problema di mafia. Lo capisco. Ma mi voglio rivolgere alla Mafia Democratica, a Totò ‘U Curtu Liberty o a Totò Minchiurello Democratico. L’anno prossimo ci sono le amministrative. Fate una lista civica Mafia Democratica a cinque stelle, perché qua si possono fare delle cose sensazionali. Ci sono già degli studi fatti dalle università per fare un grosso centro di geotermia. Qui basta che vai giù e c’è tanto di quel calore che potresti dare energia a tutta l’isola. Un impianto eolico. Avete i tralicci, al posto dei tralicci mettete le pale, non è che rovinate più di tanto l’ambiente. Fate un referendum e alle amministrative che ci saranno il prossimo anno Mafia Democratica a cinque stelle ve la sponsorizzo io. Vengo a fare da testimonial con Totò Bassotto.
Si potrebbero fare delle cose meravigliose, come raccogliere l’acqua in un altro modo. Io credo ci siano stati degli esperimenti, ma la volontà di fare qualcosa qui non c’è ancora. È una isola addormentata, sotto tutti i profili. Però è talmente straordinaria che potrebbe essere di esempio al mondo. Invece l’esempio nel mondo ce lo danno i nostri ministri dell’energia, gente come Scajola che sta delirando e che sta dicendo che punteremo sul nucleare. Il nucleare è una truffa semantica, culturale e finanziaria. Si stanno quotando in borsa le multi utility che hanno già aderito al programma nucleare. L’energia nucleare è la più cara al mondo. In Francia la pagano poco nella bolletta e tantissimo nelle tasse senza accorgersene. Uranio ce n’è solo per altri sessant’anni, l’ha detto Rubbia. Le scorie non sanno dove metterle. Fare e gestire quattro, cinque centrali. Qui sembrano che abbiano deciso. Io mi sono preso un impegno con questa sabbia di Pantelleria. Le centrali secondo me non le farete mai. Non le farete mai perché non ve le faremo fare. Abbiamo fatto un referendum, forse ne faremo un altro. Le centrali ve le fate a casa vostra o da un’altra parte. Noi vogliamo fare come Obama, che ha detto che non costruirà nuove centrali, o come la Merkel. La Merkel ha fatto una legge che diminuisce la dipendenza dal petrolio dell’1% all’anno e aumenta dell’1% le energie da fonti rinnovabili. Come? Con due righe di politica. Chi vende energia in Germania deve produrla con fonti rinnovabili. Il prezzo dell’energia è fatto dal governo, non dal libero mercato come qua. Sapete perché è cara l’energia? Perché il prezzo viene fatto sul valore marginale. Prendono i prezzi proposti da chi ha prodotto energia e fissano le tariffe sul prezzo più alto. Abbiamo le tasse più alte del 30% rispetto all’Europa, paghiamo ancora i CIP6, questa truffa dei CIP6. Chi è contento? Enel, Edison, Eni. Queste associazioni a delinquere di stampo elettrico ed energetico che fanno finta di investire nell’eolico, ma il loro core business diventa il nucleare. L’Enel ha comprato due centrali nucleari marce in Slovacchia contro la volontà dei cittadini.
Allora, una preghiera. State attenti. Noi vi informeremo sui siti dove verranno collocate le centrali. Mi viene da ridere. Ne vorrebbero collocare una in Puglia, ad Alberobello, fatta a trullo! Perché poi le faranno magari belle, coi rampicanti e roseti. E la gente arriverà lì e vedrà uno sbuffo di vapore e chiederà: cos’è? Una piccola centrale nucleare, ma ecosostenibile come direbbe la sinistra dell’ambientalismo del sì.
Allora, le centrali nucleari qui non le faranno mai. Questo è un nostro obiettivo primario. Ci faremo un V-day. Andate avanti con le energie rinnovabili. Pantelleria è un’isola talmente straordinaria che manca il fiato per capire esattamente che cosa potrebbe diventare. Specchio di Venere e del mondo.
Buon 168 e grazie a tutti!