Condividi
Grillo168 – Il “Non-Statuto” del MoVimento a Cinque Stelle
(3:45)

Giambattista Perasso detto “il Balilla“, 1746, mandava a fare in culo gli austriaci, gli hanno dedicato una via di un metro quadro piena di motorini, c’è rimasta questa statua e da qua partirà il grande movimento di liberazione nazionale, il MoVimento Cinque Stelle nazionale. Il MoVimento ha il suo programma, il Programma Cinque Stelle, la Carta di Firenze, potremo noi discutere di tutto, potremo anche riprendere il programma, vagliarlo, cambiarlo con il vostro contributo. Abbiamo il programma sull’energia, sui trasporti, sulla mobilità, sul wi-fi libero e gratuito, sull’accesso alla rete, abbiamo queste grandi cose sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta, abbiamo un sacco di cose da proporre, abbiamo le idee del futuro, ci stanno copiando tutti, potremo decidere noi se fare le centrali nucleari e non degli zombies che sono lì a decidere sulla nostra qualità della vita e su quella dei nostri figli!
La massa non è più stupida, la massa diventa intelligente, si autogoverna, ci saranno centinaia, decine di migliaia di ingegneri, decine di migliaia di avvocati che proporranno, discuteranno il programma. Lo potete discutere, potete fare proposte. Per la prima volta nasce un movimento dove ognuno vale uno, un movimento che non ha bisogno di sovvenzioni, di partiti, non ha un partito, abbiamo fatto un Non-Statuto, perché è la prima volta che ci si occupa di una cosa così, un Non-Statuto, il quale dice che chiunque può iscriversi se ha la cittadinanza italiana, può iscriversi se non è iscritto a un altro movimento o partito politico, noi daremo una password e potrà votare su tutte le cose e qualsiasi persona potrà votare sulle cose della sua regione, del suo comune e della sua nazione, non è mai stata fatta una cosa così! Si vota su qualsiasi cosa, non ha sedi questo movimento, non ha partiti, non ha referenti politici né provinciali, né regionali, né nazionali: ognuno, ripeto, vale uno! Non ci sarà neanche il tesoriere di questo movimento, perché non c’è cassa e quindi ogni operazione che faremo sarà sovvenzionata l’operazione stessa, come abbiamo fatto, con la nostra raccolta fondi per fare il Parlamento pulito, oppure per dare i soldi a Rudra Bianzino. L’abbiamo fatta direttamente, è la prima volta in Europa che succede una cosa così, che ognuno vale uno, ci conteremo, sapremo chi siamo, nome e cognome e, se saremo in molti, potremo votare sulle liste comunali, sulle liste regionali, si presenta una lista, i referenti del MoVimento saranno le liste civiche e i nostri Meetup, che sono in giro e che sono 100.000 ragazzi in 300 città d’Italia che lavorano sul territorio.
Siamo noi, i cittadini, per la prima volta a aver permesso questo movimento nazionale, che si impadroniscono della loro democrazia e della loro politica, finalmente i cittadini con l’elmetto, che hanno più bisogno di intermediari, non hanno più bisogno di politici che sono lì da 30 anni pagati con i nostri soldi, a fare le zecche! Siamo per la prima volta un movimento veramente di liberazione e allora ecco perché parto da lui: lui ha mandato a fare in culo gli austriaci? Noi mandiamo a fare in culo i partiti, non ci saranno più le sedi, non ci saranno più né provinciali né regionali, quelle sedi che vedi con quattro vecchi dentro con le seggiole, con il referente di turno che parla, non ci sarà più niente! Questo è un movimento per il futuro che farà tremare tutti, italiani!! Basta! Abbiamo una cosa fantastica, facciamola funzionare, voteremo su tutto e, per la prima volta, una persona vale per uno, ognuno di voi vale per sé stesso, con un voto che sarà immediato!