Condividi

“Sono stato a Genova al Centro Redulco che assiste circa 400 bambini audiolesi, anche a nome di Dario Fo e di Beppe Grillo con cui ho scritto “Il Grillo canta sempre al tramonto” e i cui diritti di autore sono destinati al Centro Redulco e al Centro Ageranvi di Milano. Mi ha accompagnato Roberto Fico che, in qualità di di presidente della Commissione di Vigilanza RAI, ha preparato una proposta per sottotitolare i programmi RAI, ora alla firma del sottosegretario Giacomelli. Roberto è fiducioso che possa diventare operativa in pochi mesi e consentire così a milioni di sordi o audiolesi di seguire le trasmissioni televisive. Ho visto molti bambini sordi con i loro genitori e ho saputo alcune cose che mi hanno indignato. Il Centro vive in sostanza di volontariato e di donazioni. La diagnosi della sordità a livello ospedaliero in Liguria è ormai molto diffusa e se il neonato viene affidato a un centro di rieducazione presto, entro il sesto mese di vita , può imparare a comunicare e a interagire con buone probabilità di successo. Il problema è che di centri di rieducazione c’è solo il Centro Redulco che non riesce a coprire tutte le richieste e ha liste di attesa di 12 mesi. Questo nella totale indifferenza dello Stato e della Regione . Per un bambino di sei mesi entrare in un processo rieducativo dopo 12 mesi può risultare un ritardo incolmabile. La rieducazione dovrebbe essere avviata subito negli ospedali che riscontrano il deficit auditivo e non affidata alla buona volontà dei cittadini. Inoltre, il prontuario nazionale che prevede un rimborso per gli apparecchi acustici è fermo al ’99. La tecnologia da allora ha fatto molti passi avanti e il costo degli apparecchi è aumentato. Un genitore si trova così a integrare dai 1.500 ai 2.000 euro per due apparecchi acustici. E chi non li ha? Se non ci occupiamo dei nostri bambini di cosa dobbiamo occuparci? Ringrazio il Centro Redulco per l’accoglienza, per aver accettato la donazione e in futuro spero che ci siano altre possibilità di aiuto. Dario Fo sta preparando una sorpresa per i prossimi giorni.” Gianroberto Casaleggio

Per chi volesse fare una donazione:
Fondazione Redulco Onlus,
Largo San Giuseppe 3/37- Genova
C.F. 95162610109 – IBAN per 5 x mille
e donazioni: IT11A0335901600100000071748
Grazie