Condividi
I movimenti meridionalisti contro il museo Lombroso
(21:49)

Se a Berlino ci fosse un Museo dedicato a Alfred Rosenberg, l’ideologo nazista della superiorità della razza ariana. E se nel Museo Rosenberg fossero esposti i resti dei deportati ebrei nei campi di concentramento. I loro scheletri, i loro crani sezionati per dimostrarne l’inferiorità.
Se a Torino ci fosse, e c’è, un Museo dedicato a Cesare Lombroso, l’ideologo della superiorità settentrionale nei confronti degli abitanti del Sud. E se nel Museo Lombroso fossero esposti, e sono esposti, i resti dei patrioti meridionali chiamati briganti uccisi a decine di migliaia durante l’occupazione piemontese del Regno delle Due Sicilie. I loro scheletri, i loro crani sezionati per dimostrarne l’inferiorità racchiusi in teche a centinaia invece di essere sepolti nella loro terra come richiederebbe almeno l’umana pietà. Un’Italia cialtrona, razzista, inconsapevole della sua Storia celebra i 150 anni. La Regione Piemonte chiuda il Museo o almeno trasferisca i resti dei meridionali nei loro luoghi di origine.

Interviste ai Movimenti Meridionalisti durante la manifestazione contro il Museo Cesare Lombroso a Torino.

Una mobilitazione contro un sedicente scienziato (espandi | comprimi)

– “Oggi manifestiamo per chiudere il Museo Cesare Lombroso, museo di un sedicente scienziato veronese che ha sentenziato che noi meridionali siamo una razza inferiore, una teoria che non ha alcun fondamento scientifico, vogliamo che questo museo sia chiuso perché è un’offesa contro il sud Italia, contro le genti meridionali. “
Blog: “Beh si dice che sia un contributo alla storia?”
– “No, non è nessun contributo né alla storia, né alla scienza, Cesare Lombroso con le sue teorie ha giustificato il colonialismo verso il sud che continua ancora oggi. Vengo da Napoli. “
Blog: “Perché è venuto qui? “
– “Vengo perché vengo a chiedere la chiusura del museo del Museo Lombroso. “
Blog: “Che ha fatto Lombroso? “
– “A me personalmente niente, i miei antenati li ha un attimo dichiarati inferiori geneticamente e quindi ha considerato tutta la popolazione meridionale come geneticamente protesa alla delinquenza individuando secondo lui nella fossetta occipitale che aveva trovato nel cadavere del Brigante Villella, meridionale anche egli, che resisteva contro l’invasione Savoia del Regno delle Due Sicilie, individuava l’elemento dell’inferiorità, quel quid pluris che avevano i delinquenti a differenza invece degli abitanti del nord della penisola che secondo lui non era delinquenti per destinazione biologica e genetica. Oggi ricordarlo e festeggiarlo come hanno fatto qui a Torino con la riapertura di questo museo che invece era stato fortunatamente chiuso fino a novembre dell’anno scorso, secondo noi è un’ulteriore offesa di tutti quei meridionali che sono morti, ma in particolare di quelle centinaia di cadaveri, ovviamente oggi scheletri e teschi che si trovano nel museo. L’ho visitato al 9 dicembre 2009, ho visto la vergogna… me è una vergogna, è uno studioso che va coperto soltanto di abominio, anche perché poi scientificamente è stato degradato, le sue idee non hanno nessun supporto scientifico. “
Blog: “Però al tempo era considerato molto autorevole. “
– “Fece scuola al punto che intanto le sue idee razziste furono utilizzate dalla Germania, dal Terzo Reich per teorizzare l’inferiorità della razza, anzi nel caso tedesco la superiorità della razza ariana, intanto furono utilizzate, anche negli Stati Uniti, tant’è vero che a Ellis Island, l’isola dove sbarcavano gli emigrati si distinguevano gli italiani del nord in bianchi, italiani del sud in white niger. “

Un colonialismo chiamato Risorgimento (espandi | comprimi)

Blog: “Secondo lei un museo fa male a qualcuno? Non va studiato un fenomeno come quello Lombroso? “
– “Va studiato per l’amor del cielo, però le teorie di Lombroso sono servite di base per quel tipo di cultura antimeridionalista e razzista che ha allignato all’epoca nel nord Italia e che continua a allignare ancora oggi, non si dimentichi che fino a pochi anni fa c’erano dei cartelli proprio in questa città, Torino “non si affitta ai meridionali”. “
Blog: “Perché ce l’avete con Garibaldi? “
– “Garibaldi è stato quello che ha invaso da mercenario le nostre terre e quindi è stato utilizzato come mercenario per questo atto di aggressione, di colonialismo che viene denominato Risorgimento, Unità d’Italia “
Blog: “Da dove viene? “
– “Vengo da Roma e sono originario di Caserta. “
Blog: “Ma non era contro Lombroso questa manifestazione? “
– “Lombroso è uno spunto, Lombroso è un simbolo del razzismo contro i meridionali, è un simbolo del colonialismo contro i meridionali. “
Blog: “Quindi secondo voi il museo va chiuso? “
– “Il museo non va chiuso, però è giusto che le persone che visitano il museo, sappiano che prima di tutto quegli studi erano fondati su teorie bislacche, probabilmente più che dedicarlo a Lombroso, dedicarlo magari alle vittime dei suoi studi, perché poi i suoi studi hanno portato anche una marea di uccisioni semplicemente perché il meridionale era per forza un brigante e quindi un malvivente, quindi meritava di essere ammazzato, molto spesso anche senza un processo. “
– “Manifesto perché secondo me nei nostri confronti è stata fatta un’ingiustizia tanto tempo fa e quindi cerco di dare un ordine alla mia storia, me ne sto per andare, mi mancava questo anello sugli studi risorgimentali, adesso negli ultimi anni che ho un po’ di tempo in più ho ricercato questa cosa e sto trovando l’inferno, il nostro inferno viene da lì, da quel 1860. Vengo da Castelbuono, provincia di Palermo.

Ps. Oggi, mercoledì 12 maggio alle ore 18.30 sarò a Laives (BZ) e alle ore 21 a Bolzano per sostenere le Liste Civiche a 5 Stelle.