Condividi

Il clima sta cambiando, continuamente. Lo ha sempre fatto e lo farà ancora. La grande differenza con il passato è la velocità con cui tutto questo sta avvenendo.

Gli effetti sono davvero enormi e piano ce ne renderemo conto. Oltre al cambio drastico del clima, ci sono conseguenze che fanno riflettere, perché a subirle sono esseri indifesi, che di sicuro nulla hanno fatto per meritarsi un triste destino.

L’aumento delle temperature dovute al cambiamento climatico potrebbe spingere le popolazioni di pinguini re dell’Antartide sull’orlo dell’estinzione.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, prevedeva che il 70% degli attuali 1,1 milioni di coppie di pinguini re, sarebbe scomparso prima della fine del secolo.

Sono numeri spaventosi.

I pinguini reali sono la seconda più grande specie di pinguino, dopo l’imperatore.

Si riproducono solo su specifiche isole isolate – senza copertura ghiacciata e con un facile accesso al mare – cacciano pesci e krill nelle acque antartiche, mentre i loro pulcini digiunano per una settimana alla volta. Gli adulti devono spostarsi più lontano dai loro nidi per cercare cibo, lasciando i loro figli affamati più a lungo.

“Dovranno spostarsi altrove o scomparire “, ha dichiarato Emiliano Trucchi, uno degli autori del lavoro e biologo evoluzionista dell’Università di Ferrara in Italia. Le colonie più grandi si trovano su isole troppo lontane dalla fonte di cibo. Questo perché a differenza dei pinguini imperatore, i re non possono nidificare sul ghiaccio.

Serve un’azione globale coordinata contro il riscaldamento globale. Il destino del pinguino re dovrebbe essere un avvertimento sul futuro dell’intero ambiente marino antartico e dell’intero pianeta.