Condividi

“Mi fanno ridere quando parlano degli italiani che non vogliono più fare i mestieri manuali, che non vogliono fare questo e quello, ma mai, MAI che ammettano che la gente è stufa di essere presa per i fondelli, con contratti e stipendi da fame. Io lavoro nel commercio (terziario e servizi) e sempre più spesso leggo e sento di come noi che lavoriamo come addetti alle vendite “non vogliamo lavorare domenica e festivi”. A parte che mi pare anche logico, visto che durante la settimana ormai Iper e supermercati sono aperti a tutte le ore del giorno (e non vedo quindi la necessita’ di ulteriori aperture..), ma poi, nessuno si sofferma mai sulle cifre: in Svezia, per fare 12 ore fra sabato e domenica una commessa occasionale percepisce circa 200-250 euro! Bene, da noi se ne prendono, facendo le stesse ore, meno di 100! Vogliamo parlarne? E’ inutile andar sempre a menarla col fatto che la gente non voglia fare certi lavori: sicuramente ci saranno anche persone che mirano solo al posto prestigioso, ma ce ne sono altrettante, anzi, 10 volte tanto, che se fossero pagate come si deve, farebbero carte false per accaparrarsi certi lavori ormai dimenticati. Certo che se le prospettive sono prendere 3-5 euro l’ora e sgobbare senza diritti, ad un certo punto la gente si sveglia, e ai “padroni” risponde picche!”. Dante S.