Condividi
Photo Di Shutterstock

Mentre i tassi di disoccupazione salgono alle stelle in tutto il mondo, a causa della pandemia di COVID-19, uno studio recente, mai realizzato prima, ha scoperto che le start-up di imprese sociali non solo alleviano i problemi sociali ma sono anche molto più importanti per la creazione di posti di lavoro di quanto si pensasse in precedenza.

Lo studio “The regional employment effects of new social firm entry” (Gli effetti occupazionali dell’avvio di nuove imprese sociali), scritto dai professori Martin Obschonka e Per Davidsson, dell’Australian Center for Entrepreneurship Research, insieme ad un team svedese, è stato pubblicato su Springer.

“È noto da tempo che l’ingresso e la crescita di nuove imprese contribuiscono in larga misura alla creazione di posti di lavoro nella maggior parte dei paesi. Tuttavia, le start-up di imprese sociali sono per lo più celebri per il loro valore nell’aiutare le persone svantaggiate o risolvere problemi sociali: il loro ruolo nella creazione di posti di lavoro non è stato veramente preso in considerazione “, ha affermato il professor Obschonka.

Utilizzando un metodo consolidato per tracciare gli effetti della creazione di posti di lavoro diretti e indiretti in 67 regioni della Svezia in un periodo di otto anni dall’ingresso nel mercato, i risultati dello studio mostrano che l’effetto di creazione di posti di lavoro medio per impresa è stato maggiore per le imprese sociali che per quelle commerciali.

“La creazione di posti di lavoro è spesso al centro della missione sociale di queste start-up, in particolare per persone emarginate, tra cui persone con disabilità e disoccupati di lunga durata. – spiega il professore – Sembrano esserci diversi motivi per cui le iniziative sociali creano più posti di lavoro. Innanzitutto, la maggior parte delle start-up “commerciali “rappresentano singoli individui che scelgono il lavoro autonomo, il che può significare che non hanno un ardente desiderio di crescere e assumere dipendenti. Inoltre, le start-up commerciali spesso operano anche in mercati concorrenziali, con poco spazio per la crescita. Al contrario, le imprese sociali affrontano “mercati” sottoserviti, con problemi sociali, come i senzatetto, l’abuso di sostanze, la violenza domestica, i rifugiati, le preoccupazioni ambientali, i rifugi per animali, le banche alimentari, i centri di crisi, la disoccupazione giovanile e così via. Questo crea spazio per la crescita senza allontanare altre iniziative sociali. Ed essendo pieni di passione nel risolvere il più possibile i problemi sociali, gli imprenditori sono motivati ​​a crescere. Possono anche beneficiare di minori costi a causa di agevolazioni fiscali e della parziale dipendenza dai volontari per avere un vantaggio di crescita rispetto alle imprese commerciali che offrono prodotti o servizi concorrenti”.

Gli autori dello studio riconoscono che, poiché il settore delle imprese commerciali è molto più ampio del settore sociale, la creazione totale di posti di lavoro è complessivamente maggiore.

Lo studio ha confrontato le regioni svedesi in termini di start-up sociali e commerciali tra il 1990 e il 2014 e i loro effetti netti sulla creazione di posti di lavoro in ciascuno fino a otto anni dopo l’ingresso nel mercato.

“Confronti simili per l’Australia o altri paesi non esistono ancora”, ha detto il professor Obschonka. “Tuttavia, l’occupazione totale nel settore sociale è cresciuta di recente in altri paesi, quindi i nostri risultati sarebbero molto probabilmente validi in Australia e altrove insieme alla Svezia.”

A questo link lo studio completo